Questa telecamera ha immortalato un uomo nudo nella foresta, a caso

Ecco a voi un raro esemplare di Homo sapiens selvatico.
09 novembre 2016, 11:19am
Immagine: Marcella J. Kelly

Quando gli scienziati piazzano macchine fotografiche e videocamere a sensore in giro per l'America del Nord per raccogliere immagini della fauna selvatica tipica della zona, tutto si aspettano tranne che dei grossi primati. Ma di recente, gli studenti di biologia della Virginia Tech hanno immortalato un esemplare di specie molto rara—un Homo sapiens selvatico e decisamente nudo.

So, anyone else get primate photos like this from forest cam traps. Many more were

Marcella J. KellyOctober 28, 2016

Ogni due settimane, le dozzine di fototrappole collocate nei dintorni della Mountain Lake Biological Station della Virginia vengono controllate dagli studenti di Marcella J. Kelly, professoressa alla Virginia Tech, il cui lavoro si concentra sull'ecologia della popolazione carnivora.

"Lo studente che ha scaricato il materiale mi ha passato le schede e ha detto, 'C'è qualcosa di davvero bizzarro qua dentro," mi ha raccontato Kelly. "'Penso che si tratti di una persona nuda,'" ha aggiunto lo studente.

Secondo l'ipotesi di Kelly, un uomo non identificato ha scoperto due delle fototrappole dell'istituto, si è tolto i vestiti, e ha cominciato a correre su e giù a quattro zampe come un animale davanti agli obiettivi. Ognuna delle stazioni ha raccolto circa 20 immagini dell'uomo, molte delle quali sono, a detta della professoressa, troppo grafiche per essere condivise su Twitter.

"In aree dove le persone fanno escursionismo, ci capita di recuperare foto di gente che sorride, fa una faccia buffa o un gesto di saluto davanti alla macchina. Ma è davvero insolito che qualcuno si tolga tutti i vestiti," ha detto.

Quando Kelly ha pubblicato su Twitter alcune delle foto, diversi altri scienziati si sono uniti al coro per condividere le proprie strane esperienze sul campo. Prendete nota, futuri biologi, a quanto pare è tutto parte del pacchetto.

Asia Murphy(@am_anatiala)October 28, 2016

Elly KnightOctober 29, 2016

Roland KaysOctober 29, 2016

Kevyn JuneauOctober 28, 2016

Jalene LaMontagneOctober 28, 2016

La maggior parte delle stazioni sono posizionate sui sentieri per escursionisti, sulle strade dei taglialegna e sui percorsi sportivi. Ognuna delle "trappole" preparate dagli studenti della Virginia Tech dista dall'altra uno o due chilometri, e utilizza due macchine fotografiche. Dato che la maggior parte sono posizionate ad altezza ginocchia, ha detto Kelly, molti dei protagonisti umani possono essere identificati solo dalla vita in giù (cosa che, a seconda di come uno la vede, può essere una buona o una cattiva notizia).

Quando non sono impegnati a fare smorfie davanti alle foto di esseri umani nudi come vermi, i membri della Wildlife Society monitorano la distribuzione di specie elusive nei monti Appalachi della Virginia. In genere, puntano a beccare cervi, orsi, coyote e linci. La Mountain Lake Biological Station si sovrappone alla Jefferson National Forest, e contiene un misto di foreste caduci, catene montuose, praterie, stagni e paludi, cosa che rende la zona ricca di opportunità di ricerca.

Di recente, il gruppo ha notato che la volpe grigia, una specie considerata diffusa in molte parti dell'America del Nord, è praticamente scomparsa da quelle zone. Stando a Kelly, il motivo è ancora poco chiaro, ma è possibile che la competizione con linci e coyote abbia condizionato la popolazione.

Le fototrappole si sono rivelate particolarmente utili agli scienziati che studiano le specie difficili da osservare. Per esempio, l' Echimys saturnus, un roditore che vive in Equador, è stato immortalato per la prima volta grazie a una stazione di videocamere nascosta. Tecnologie come i rilevatori di movimento e i sensori a infrarossi forniscono ai ricercatori una libertà senza precedenti. Senza contare che sono molto più convenienti del doversi nascondere sotto un cespuglio e aspettare che passi qualcosa di lì.

"Molte di queste specie sono davvero difficili da monitorare. Il nostro gruppo le segue in questa area dal 2004," ha detto Kelly. "Queste tecnologie sono un ottimo modo per monitorare la distribuzione di specie elusive e tenere traccia di quali cambiamenti attraversano nel tempo."

Per quanto riguarda l'ominide appalachiano, invece, finirà in un database insieme al resto delle scoperte del gruppo, mi ha detto Kelly.

"Non so ancora bene cosa scriveremo nella sezione note, però."