relazioni

Le conseguenze del perdere la verginità "tardi"

Iniziare a fare sesso "tardi" può portare a essere ossessionati dall'idea di rifarsi del tempo perso, a sentirsi incompleti e a difficoltà relazionali.
22 dicembre 2016, 5:34am

Jin Wu ha passato un anno a cercare di rimediare al poco sesso che aveva fatto nella sua vita. A 23 anni aveva finalmente perso la verginità, ma poi?

"Mi faceva arrabbiare vedere tutti i miei compagni di corso, di qualsiasi etnia, che si vantavano della loro vita sessuale," dice Wu. "Era una questione etnica? Forse sì, forse no."

Quando finalmente ha perso la verginità con la sua fidanzata, era felicissimo. Ma una volta lasciatisi, tre anni e mezzo dopo, la sua vita sessuale ha subito una battuta d'arresto. Aveva 26 anni, era stato a letto con una sola persona e la cosa lo scoraggiava. Così, ha fatto l'unica cosa che gli sembrava logica: ha provato a fare più sesso possibile, nel minor periodo di tempo possibile.

"La crescita sessuale è una parte molto importante dello sviluppo dell'individuo e della sua identità," mi ha detto il dottor Michael Aaron, un sessuologo di New York che mi ha riferito di aver avuto diversi pazienti che cercavano di "rimediare" allo scarso numero di partner sessuali. "Se una persona sente che si sta perdendo qualcosa, si porterà sempre dietro questa idea. In un certo senso, recuperare le opportunità sessuali perse fa spesso parte di un desiderio più ampio, quello di sentirsi completi. Su questa linea, mi è capitato spesso di avere pazienti convinti che si sarebbero sentiti incompleti se non avessero recuperato."

Per Wu, questo significava leggere ciò che ora chiama "truffe da pick up artist." Ha cominciato a frequentare locali, discoteche, e siti d'incontri. "Ho fatto più sesso che potevo, con più donne possibile, in più luoghi possibile," mi ha detto. "Mi sono detto, Devo recuperare tutto il tempo che ho perso."

Questa fase è durata per circa un anno, in cui dice di esser andato sotto di 6.000 dollari per tutti gli appuntamenti, le cene, i cocktail e i vestiti nuovi in cui ha investito per fare sesso. Quanto alle partner, ha perso il conto dopo la 26esima.

Ma il costo di una scelta simile non è solo economico. Uno studio del 2008 pubblicato sull'American Journal of Public Health ha spiegato che un ritardo dell'ingresso nella vita sessuale può "portare a problemi di salute, impedendo lo sviluppo di capacità emotive, cognitive e interpersonali che sono cruciali per una vita sessuale sana e un benessere globale." In base alla definizione della stessa ricerca, sono considerate persone "in ritardo" tutte coloro che hanno avuto il primo rapporto sessuale dopo i 22 anni.

Le ricerche sul tema non sono però molte, come mi ha confermato la maggior parte degli esperti con cui ho parlato per questo articolo. Ma molti, come Aaron, ritengono che l'idea di dover "rimediare" a un inizio ritardatario sia piuttosto radicata. Online, ci sono diverse community che affrontano il tema, e il New York Magazine ha recentemente pubblicato il diario di una donna che cercava di recuperare il tempo sessuale perduto.

Tara Morgan (che ha chiesto non venisse usato il suo vero nome) ha perso la verginità a 26 anni. Passati i vent'anni l'ansia di sbarazzarsene la tormentava, e una volta fatto sesso sì è convinta di aver sprecato adolescenza.

"È come se mi mancasse qualcosa," mi ha detto. "Sento di aver perso un sacco di anni, ero troppo preoccupata dall'essere coscienziosa, con la mia timidezza e il mio nervosismo sulla prima volta—e non ne valeva la pena. Adesso, sento di aver bisogno di godermi il sesso, di viverlo."

Ovviamente, anche le persone che perdono la verginità in un'età considerata nella media non sono immuni da questo tipo di insicurezze. Ho perso la verginità a 18 anni, e per diverso tempo sono stata fissata con l'idea di dover recuperare il tempo perduto, proprio come Wu e Morgan. A un certo punto, comunque, ho capito che non era possibile rifarmi di ogni esperienza che mi ero persa negli anni precedenti. In più, fare sesso con il solo scopo di aumentare il numero di partner ha ben presto smesso di essere un'idea allettante. Non mi dava nessuna soddisfazione; mi faceva sentire vuota.

Sari Cooper, una sessuologa di New York, mi ha detto che è una reazione normale. "Pensare cose tipo, 'A quest'età avrei dovuto avere molta più esperienza' non significa per forza che nella realtà un numero maggiore di partner dia soddisfazione," mi ha detto.

Matthew Kennedy, che ha 32 anni, ha perso la verginità al primo anno di università, quando aveva 18 anni. Non ha fatto sesso con nessun'altra persona fino ai 22 anni, e a quel punto ha provato a dare un'accelerata alla sua vita sessuale. L'anno successivo è andato a letto con otto persone, ma mi ha detto di averci provato con molte di più. Presto, tuttavia, è giunto alla conclusione che doveva semplicemente fregarsene. Pensando al sesso come a una gara, ha capito, si perdeva gli aspetti che lo rendevano veramente bello.

"Il numero di donne con cui sono stato è molto meno importante rispetto a quanto quel rapporto sia stato appagante per entrambi, a livello sia fisico che emotivo, così ho cominciato a concentrarmi su quell'aspetto," mi ha detto Kennedy. "Cercando partner che mi piacevano di più e che capivano le mie esigenze, ho cominciato a godermi il sesso molto di più di quando ero nella fase in cui cercavo di rimediare al tempo perso."

Segui Gina su Twitter.