FYI.

This story is over 5 years old.

La Turchia deve liberare immediatamente il nostro collega Mohammed Rasool

Il giornalista di VICE News Mohammed Ismael Rasool è ancora detenuto in Turchia. Jake Hanrahan, che è stato in carcere con lui, racconta il suo rapporto con l'amico e collega incarcerato ingiustamente.
13.10.15

Il 27 agosto tre giornalisti di VICE News sono stati arrestati mentre si trovavano nel sud-est della Turchia. Le accuse, assurde e senza fondamento, erano di supporto a un'organizzazione terroristica.

Mentre Jake Hanrahan e Philip Pendlebury sono stati rilasciati il 3 settembre e sono potuti tornare nel Regno Unito, c'è grande preoccupazione per la sorte del terzo collega, Mohammed Ismael Rasool, tuttora in carcere.

Chiediamo alle autorità turche di proseguire il cammino positivo intrapreso liberando Jake e Philip e di scarcerare immediatamente anche Rasool.

* * *

"Sai cosa mi manca di più?" mi ha detto Rasool mentre stava sdraiato su un materasso nell'angolo della cella. "Il mio account Pinterest."

Phil e io ci siamo messi a ridere. Eravamo lì, con accuse false sulle spalle, sdraiati su un materasso rancido in una prigione ad alta sicurezza della Turchia, e l'unica cosa a cui riusciva a pensare Rasool era il suo account Pinterest. Il fatto che lo pronunciasse "P-Interest" rendeva il tutto ancora più comico. Si era rifiutato di crederci, quando gli avevamo detto la pronuncia corretta.

"Non sto scherzando," ha continuato. "Ci sono tutte quelle sezioni con foto di cibo e posti in cui sono stato. Se vado in Uzbekistan o da qualche altra parte per lavoro e vedo un bel paesaggio, faccio una foto e la metto su Pinterest."

* * *

Se l'account Pinterest di Rasool è pieno di foto bellissime, è perché è un grande giornalista freelance, oltre che un ottimo fixer e un ottimo traduttore. Grazie a questo talento, a soli 24 anni è già riuscito a girare per tutto il Medio Oriente—lavorando per VICE News, Associated Press e Al Jazeera. Stava anche per prendere un master in relazioni internazionali, anche se adesso rischia di non portarlo a termine.

Purtroppo tifa per l'Arsenal, ma a parte questo Rasool è un ragazzo normale, che lavora molto e che per via del suo lavoro ha un sacco di contatti. Secondo il governo turco, ciò è abbastanza per accusarlo di essere una specie di "spia". Come ha detto lui stesso quel pomeriggio, su quel materasso sporco nella cella: "Non hanno nessuna prova."

Più tardi mi sono messo a pensare ai possibili scenari. Ero teso e continuavo a mangiarmi le unghie. Rasool se n'è accorto. Se ne accorgeva sempre. "Tranquillo," mi ha detto. "Non abbiamo fatto niente di male. Usciremo presto. Siamo solo giornalisti che cercano di guadagnarsi da vivere."

Mohammed Ismael Rasool

Rasool aveva ragione, non avevamo fatto niente di sbagliato, eppure ci trovavamo in una prigione anti-terrorismo ad alta sicurezza. Mentre eravamo diretti lì, le guardie ci avevano detto che era "una prigione per quelli dell'ISIS." Le scritte incise sui muri e gli "Allahu Akbar" urlati ogni notte nei corridoi sembravano confermare le loro parole.

La settimana prima, quando la polizia ci aveva arrestati fuori dal nostro albergo a Diyarbakir, eravamo stati accusati di terrorismo. Stavamo lavorando da qualche giorno nel sud-est della Turchia, occupandoci del conflitto in corso tra il Paese e il PKK, il Partito Curdo dei Lavoratori. Nel giro di sei settimane il conflitto ha provocato centinaia di morti. La maggior parte della violenza è stata causata dall'YDG-H, l'ala giovanile del PKK.

Prima dell'arresto avevamo visto decine di ragazzini armati girare per le strade di Cizre, e quando dei giovani con il volto coperto avevano deciso di portarci a visitare un'area che dicevano di controllare eravamo finiti sotto il fuoco turco. Avevamo anche incontrato una ragazzina di 13 anni che dopo gli scontri tra la polizia e l'YDG-H era stata colpita da tre proiettili vaganti al collo, al petto e all'addome. Come giornalisti, pensavamo fosse importante documentare questa spirale di violenza e le vite dei civili che ci erano finiti in mezzo, da ambo le parti.

Siamo stati arrestati per aver fatto il nostro lavoro e accusati di essere agenti dello Stato Islamico, un gruppo di cui non ci stavamo nemmeno occupando. Dopo quattro giorni di isolamento in una cella all'interno di un commissariato di polizia, siamo stati trasferiti in una prigione ad alta sicurezza ad Adana, a cinque ore di macchina.

* * *

All'improvviso, la porta della nostra cella si è aperta. Due guardie hanno indicato Phil e me e hanno detto qualcosa in turco.

"Cosa dicono?" ho chiesto a Rasool.

Rasool è rimasto in silenzio e ha abbassato la testa. "Voi due siete liberi," ha detto poco dopo.

Ci ho messo qualche secondo a capire. Sia io che Phil siamo stati rilasciati, ma non Rasool. Il mio cuore si è fermato. Non era giusto. Niente era giusto, ma questo era un colpo particolarmente duro.

"Aspettate un attimo," ha detto Phil ai secondini. Non hanno voluto. Dovevamo andarcene subito.

Ho abbracciato Rasool e gli ho promesso che avremmo fatto il possibile per il suo rilascio. Phil ha fatto lo stesso.

"Tiratemi fuori di qui ragazzi," ha detto Rasool mentre ci portavano via.

* * *

Adesso Phil e io siamo tornati nel Regno Unito. VICE News si è mossa e ha ottenuto il nostro rilascio nel minor tempo possibile. Anche se siamo molto felici di ritornare dalle nostre famiglie, non è il momento di festeggiare.

Mohammed Ismael Rasool, un nostro caro amico e collega, è ancora nel carcere di Adana per un crimine che non ha commesso.

Segui Jake Hanrahan su Twitter: @Jake_Hanrahan Questo articolo è stato tradotto e pubblicato originariamente da VICE Italia.