salute

Il virus Zika è ufficialmente 'un'emergenza sanitaria’ internazionale

Il virus, trasmesso dalle zanzare, è stato collegato a un aumento improvviso dei casi di microcefalia in Brasile - anche se il nesso non è ancora stato provato scientificamente - e si sta espandendo rapidamente sul continente americano.
2.2.16
Foto di Jeffrey Arguedas/EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Lunedì l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che il virus Zika, trasmesso dalle zanzare, è un'emergenza sanitaria pubblica a livello internazionale. La malattia, che potrebbe essere legata a migliaia di casi di anomalie neonatali riscontrati in Brasile, sta continuando a diffondersi rapidamente.

Margaret Chan, Direttrice Generale dell'OMS, ha detto ai giornalisti che è necessaria una risposta internazionale coordinata, nonostante non siano richieste restrizioni per i viaggi e il commercio.

L'annuncio dell'emergenza deriva dalla raccomandazione di un comitato indipendente di esperti, dopo che nei giorni scorsi l'agenzia ONU era stata criticata per aver fornito una risposta poco decisa. L'annuncio dovrebbe contribuire a dare priorità alle iniziative internazionali e alla ricerca.

Leggi anche: Il virus Zika potrebbe minacciare le minoranze in America "per un anno e mezzo"

La scorsa settimana l'OMS ha affermato che il virus Zika si sta "diffondendo in maniera esplosiva" e che potrebbe infettare fino a 4 milioni di persone nel continente americano.

L'agenzia è stata criticata per aver reagito troppo lentamente all'epidemia di Ebola che ha colpito l'Africa occidentale, causando la morte di più di 10.000 persone, e ha promesso che sarà più reattiva dinanzi alle prossime crisi sanitarie globali.

Il Comitato di emergenza per i Regolamenti Sanitari Internazionali dell'OMS riunisce esperti di epidemiologia, salute pubblica e malattie infettive provenienti da tutto il mondo.

A partire da ottobre, il Brasile ha registrato quasi 4.000 casi sospetti di microcefalia, una condizione per cui i neonati vengono alla luce con crani e cervelli più piccoli del normale. Il Ministero della salute ha dichiarato che questa cifra è diverse volte più alta dei casi di microcefalia riportati negli anni passati, e ha suggerito che potrebbe esserci un collegamento con lo Zika.

Il ministro della salute brasiliano Marcelo Castro ha detto a Reuters che l'epidemia sembra essere peggiore del previsto, dato che nell'80 per cento dei casi le persone infettate non presentano sintomi.

Mentre il virus continua a diffondersi anche al di fuori del Brasile, le autorità si aspettano casi di anomalie neonatali potenzialmente legate allo Zika anche in altri paesi americani.

L'Organizzazione Panamericana della Sanità ha affermato che lo Zika è stato riscontrato il 24 nazioni e territori del continente americano.


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook