Zoom infinito: questo è il trucco che rende questa gif virale così frustrante

Decine di migliaia di persone stanno impazzendo per questa gif animata di una costiera, e il suo segreto si svela analizzandone i fotogrammi.
26.2.18
Immagine: Twitter

Da qui sembra che la costa non faccia altro che avvicinarsi, sempre di più — Sempre più vicino. Bisognerebbe subito riuscire a riconoscere la spiaggia, le onde che si gonfiano, i bagnanti che giocano nella sabbia. Ma con lo zoom infinito tutto si trasforma in un delirio.

Segui Motherboard su Facebook e Twitter.

In appena due giorni la GIF è stata retwittata oltre 90.000 volte e su Imgur la clip ha racimolato oltre 4 milioni e mezzo di visualizzazioni. L'autore è ignoto, ma il trucco dello zoom infinito continua a funzionare benché sia in circolazione da oltre dieci anni. Una versione della GIF più vecchia e a risoluzione più bassa risale al 2007.

L'immagine è stata twittata da uno streamer inglese di Twitch che ha commentato dicendo, "Questa è la gif più frustrante che abbia mai visto in vita mia." Molti sono d'accordo con lui. Un tweet di risposta recita, "Sono stato sveglio tutta la notte a cercare di capire dove l'immagina inizia e finisce."

La foto nella foto nella foto nella foto

Per risparmiarti qualche notte di tormentata insonnia, vale la pena analizzare questo zoom infinito per capire come funziona e demistificare il trucco. L'animazione non è davvero una GIF, ma un video in formato MP4. Se pubblichi una GIF su Twitter, questa viene automaticamente convertita nel formato video, e questo video infinito è un ciclo che dura soltanto due secondi.

Il segreto della clip però è un altro: non si tratta di un video di una vista a volo d'uccello della costa, ma di un'immagine nell'immagine. Molte aree dell'immagine appaiono più volte. Ad esempio, la grande baia circondata dal mare in alto riappare in una versione più piccola nella stessa immagine non per una ma per ben due volte. Per farvi capire meglio abbiamo cerchiato di rosse le baie nella foto sotto. Lo stesso succede con una casa bianca, cerchiata di giallo.

il funzionamento di questo trucco potrebbe essere spiegato dal fatto che non tutte le aree hanno la stessa risoluzione dell'immagine intera. La costiera cerchiata di rossa è sgranata perch è stata ingrandita, ovviamente. L'immagine, in pratica, è costruita come un frattale, ed è costituita di più copie di sé stessa all'interno della stessa immagine.

Ecco come funziona l'effetto zoom

L:a casa cerchiata di giallo, per esempio - che nello screenshot risulta grande come un puntino bianco - è grande quanto la piccola casa che c'era all'inizio. Si trova anche esattamente allo stesso posto nell'immagine. Quella che una volta era una piccola casa bianca prende il posto della grande casa bianca.

E non appena due aree ri-combaciano, l'immagine ricomincia. Nella versione originale della gif tutto questo poteva essere fatto in appena 12 livelli. Sotto la distribuzione dell'evoluzione dell'immagine aperta su Photoshop.

Dodici livelli per un'illusione infinita. | Immagine: Screenshot, Photoshop

Dietro questa GIF c'è l'effetto Droste del 1904

L'effetto dell'immagine nella foto della costa è stato reso celebre da una marca di cacao olandese chiamato Droste. Su una scatola di cacao Droste del 1904 viene mostrata una donna in piedi, con in un mano un vassoio con una tazza e un barattolo di cacao, una donna è mostrato, in equilibrio un vassoio con una tazza e un barattolo di cacao. E su quel barattolo di cacao c'è la stessa illustrazione che c'è sulla confezione reale di cacao — Quindi una donna con un vassoio con sopra un barattolo di cacao e una tazza.

Jan Misset | Wikimedia | CC0

Nel caso della costa animata, il trucco è un po' più complicata. Effetti come questo possono essere ottenuti sfruttando il plugin di Photoshop Pixel Bender. Il plugin moltiplica le aree dell'immagine e le mescola in una specie di vortice.

Se sei un fanatico di Photoshop e vuoi provare, ti basta leggere questo tutorial. Ma fai attenzione a non perderti nel vortice dello zoom infinito.

Segui Sebastian su Twitter.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard DE.