Munchies

Abbiamo chiesto a 7 stranieri cosa li ha sconvolti di più del cibo in Italia

Il cameriere che si rifiuta di prendere l'ordinazione della pizza con le banane e il pane toscano che non è buono come quello francese.

di Leon Benz; illustrazioni di Loris Dogana
20 settembre 2017, 10:00pm

Tempo fa mi trovavo ad una cena di beneficenza con un sacco di americani. Parlando, uno di loro mi ha confessato che uno dei motivi per cui si era trasferito in Italia era proprio il cibo. "Vorrei che i miei figli mangiassero cibo italiano per tutta la loro vita," mi ha detto.

Personalmente, non so se prenderò mai in considerazione l'idea di spostarmi in un paese per il cibo. D'altronde non penso prenderò mai in considerazione nemmeno l'idea di avere dei figli, ma so che gli italiani sono ben consapevoli dei loro primati gastronomici nel mondo. Questi primati hanno alimentato, senza ombra di dubbio, un rapporto estremamente isterico da parte degli italiani rispetto al cibo. Vi ricordate il polverone causato dalla video-ricetta francese della carbonara o lo scandalo dell'Amatriciana con l'aglio di Carlo Cracco?

Ora, circa un anno fa avevo scritto un articolo in cui un po' di stranieri mi spiegavano cosa li ha scioccati di più dell'Italia. In altre parole, si trattava di parlarmi di quello che comunemente viene definito "shock culturale": una sorta di senso di smarrimento causato da qualcosa che non si conosce.

Per capire come uno straniero si sente di fronte a questo muro culturale del cibo così radicato in Italia, ho pensato di replicare l'esperimento cambiando il focus: ho chiesto allora a una serie di stranieri che vivono in Italia cosa li ha maggiormente scioccati della cucina italiana e del nostro malatissimo rapporto col cibo.

Simon, tedesco

Ho ordinato una normalissima margherita e insieme alla pizza un succo d'Arancia (...) dei ragazzi, seduti a una tavolata accanto a me, hanno iniziato a ridere.

Mi sono trasferito da Brema a Roma 4 anni fa. Ho sempre pensato che la cucina italiana sia una delle cucine più buone al mondo, ma se dovessi pensare a una cosa che proprio mi ha scioccato direi che è la chiusura mentale degli italiani nei confronti di alcune cose. Mi ricordo di una sera in cui stavo mangiando una pizza in un ristorante. Ho ordinato una normalissima margherita e insieme alla pizza un succo d'Arancia. Non solo il cameriere mi ha chiesto "un succo d'arancia?" ma dei ragazzi, seduti a una tavolata accanto a me, hanno iniziato a ridere mentre me lo bevevo.

Fu l'unica volta in vita mia in cui non ho lasciato una mancia al ristorante. Voglio dire, qual è il problema se mi bevo un succo di frutta mentre mangio una pizza? Sempre meglio che ingollarsi una Tennent's insieme alla pizza, no? Ah, mi sto riferendo a uno dei tizi della tavolata.

Lesley, inglese

Un paese che si vanta della migliore cucina del mondo si rovina lo stomaco con bevande zuccherose e cibi scadenti a buffet durante l'aperitivo.

Ho vissuto gran parte della mia vita in Italia. Amo questo paese e devo dire che, ormai, mi sento a casa qua ma se c'è una cosa che ancora non mi ci fa sentire del tutto è il concetto dell'aperitivo. Ma cosa diavolo è l'aperitivo? Un paese che si vanta della migliore cucina del mondo si rovina lo stomaco con bevande zuccherose e cibi scadenti a buffet? Ho sempre trovato questa cosa estremamente ridicola. Non solo penso che i cibi offerti siano estremamente scadenti ma penso che anche che cose come lo spritz facciano malissimo. Non sembra di bere una gomma da masticare sciolta in del prosecco? E non mi venite a dire che è qualcosa che "apre lo stomaco per la cena".

Gabrielle, francese

Non venite a dirmi che il pane toscano, pugliese, siciliano è buono. Non c'entra nulla con il pane francese.

Sono una francese un po' atipica perché i miei nonni materni sono italiani. Mia nonna - seppure con un tocco francese - ha sempre cucinato piatti italiani. Tipo le lasagne, le lasagne di mia nonna rimangono le lasagne più buone che io abbia mai mangiato. E lo sono perché ci metteva l'Emmental: nessun altro formaggio, solo Emmental grattugiato comprato in un pacco da due chili. E ogni volta che mi ritrovo nel reparto formaggio dell'Esselunga mi chiedo perché non esistono queste maledette confezioni di Emmental grattugiato.

C'è una cosa però su cui sono francese al 100 percento: il pane e i croissant. Perché gli italiani la devono chiamare brioche? Avete presente cosa sono le brioche in francese? E non venite a dirmi che il pane toscano, pugliese, siciliano sia buono. Non c'entra con il pane francese… E le vostre "brioche", sempre ripiene di mille cose chimiche da farvi vomitare già a colazione… Perché? È un'eresia! E vogliamo parlare dei vostri pasticcini/biscotti, sempre pieni di crema o gusto al limone che ti sembra di mangiare una spugna cotta al gusto Svelto limone.

Matt, americano

Due anni fa sono stato a Berlino con dei colleghi dell'università italiani e tutti quanti cercavano sempre dei posti italiani dove mangiare.

OK, è un cliché: ma cosa c'è di male se mi voglio bere un latte macchiato dopo cena? È una cosa che ho sempre fatto e mi è capitato tantissime volte di trovare camerieri o baristi che storcevano il naso. Dal mio canto, ho sempre pensato che sia meglio berlo con lo stomaco bello pieno che di mattina a stomaco vuoto.

Per il resto, devo dire che sono un grande fan della cucina italiana. Anzi, è uno dei motivi per cui sono davvero felice di vivere qui ma c'è un'altra cosa che non riuscirò mai a capire. Perché gli italiani quando vanno in vacanza in qualche paese estero cercano dei ristoranti italiani per mangiare? Non è più bello conoscere le altre cucine e, per quanto sia buona, uscire dalla comfort zone?

Due anni fa sono stato a Berlino con dei colleghi dell'università italiani e tutti quanti cercavano sempre dei posti italiani dove mangiare. Una sera li ho convinti ad andare a mangiare in un ristorante tipico tedesco. Uno dei miei amici si è preso uno stinco al vapore e poche ore dopo stava vomitando. Io sono convinto che sia stato quello che abbiamo bevuto ma lui sostiene a spada tratta che era quello stinco. Ancora ne parliamo ogni tanto.

Demy, olandese

Una mia amica ha ordinato una pizza con le banane, e il cameriere si è rifiutato di farla preparare.

La cucina italiana è uno dei motivi per cui i miei genitori si sono trasferiti in Italia e non sento di poter dire nulla contro. Ho iniziato a mangiare molto meglio e in maniera più sana da quando vivo qua. Ho avuto solo un'esperienza sgradevole: una mia amica mi è venuta a trovare e siamo andate al ristorante. Lei ha ordinato una pizza margherita con le banane e il cameriere si è rifiutato di farla fare.

Samantha, indiana

In Italia ho mangiato le mie prime cose al forno.

La prima esperienza diretta con il cibo italiano è dell'ottobre 2007. Ho mangiato una pizza margherita e ho quasi pianto dalla gioia. Sono sempre stata una vittima del junk food fuori dall'Italia: adoro le pizze grasse, unte e enormi dove la crosta sembrava una bolla di herpes gonfia. La pizza italiana è, in assoluto, una delle cose più buone al mondo.

Quando mangiavo ancora carne, ricordo mia madre friggere un hot dog con bacon e salame, in padella. Quindi mi sembrava ovvio, quando ho cominciato a vivere sola, friggere mortadella e prosciutto. Poi, ho mangiato un panino con il prosciutto crudo e ho cambiato idea su alcune cose lol.

Non ho praticamente esperienze negative con la cultura gastronomica italiana. Soprattutto dopo che, il mio partner (italiano), mi ha fatto conoscere la cucina di sua madre. Ho mangiato le mie prime cose al forno, non riesco a fare a meno del caffè e dell'aperitivo. Sono i miei "foodgasms".

Ayan, cinese

Un sacco di clienti mi chiedono della provenienza della carne. Lo fanno spessissimo e non so perché.

Gestisco un piccolo ristorante cinese qua in Italia. Vendo principalmente noodles e mi cucino quasi solamente cose da solo. Da parte degli italiani ho notato una particolare fissazione con la carne. Un sacco di clienti mi chiedono della provenienza della carne. Lo fanno spessissimo e non so perché. A volte ho la sensazione che pensano che compro la carne direttamente da qualche barca arrivata in un porto italiano dopo aver passato settimane in oceano. Ovviamente non è così. Un'altra cosa che non capisco è la fissa degli italiani per gli All You Can Eat: il sushi di quei posti costa così poco perché gran parte delle volte è sushi scadente. Quanto al cibo italiano, devo dire che ne mangio veramente poco ma adoro gli spaghetti con le vongole.

Illustrazione di Loris Dogana. Segui Leon su Twitter.