relazioni

Perché non riesci a smettere di pensare a una persona che conosci appena?

Ci sei uscito un paio di volte, non ha funzionato, e ora non fai che guardare il suo profilo Instagram. Ti è successo, eh?
Foto via Unsplash.

Il tuo "amico" è uscito un paio di volte con una ragazza e si sente molto preso. Ha gli occhi che luccicano e pensa che possa essere lei la ragione per cancellare Tinder. Poi gli arriva il terribile messaggio "non ho sentito scattare quel qualcosa tra noi" o qualcosa di ugualmente educato.

Il tuo amico è devastato, ma non vuole più usare Tinder. Continua a guardare l'account Instagram di lei chiedendosi cosa sia andato storto. Sembra stare molto peggio che dopo la rottura di una storia a lungo termine, quelle per cui gli amici ti stanno a sentire e puoi piangere quanto ti pare. Mesi dopo, "il tuo amico" è ancora preso con questa cosa e si chiede se è diventato un folle o un viscido, o perlomeno una persona molto triste.

Pubblicità

Essere ignorato da qualcuno che forse avrebbe potuto essere la tua metà per sempre può sembrare un'eventualità abbastanza rara, una cosa degna di un romanzo o un poema epico. Invece la psicologia dice che è piuttosto comune.

Nel 1993 Roy Baumeister e Sara Wotman, al tempo presso la Case Western Reserve University, sono stati gli autori di uno degli studi definitivi sull'amore. Dei 155 soggetti presi in analisi, uomini e donne, più del 98 percento ha detto di aver provato o di essere stati oggetto di una passione che non ha avuto alcuno sbocco almeno una volta nella vita.

La ragione della diffusione del fenomeno è una dura verità: "Molti di noi si considerano più desiderabili di quanto gli altri li vedano," ha detto Baumeister al The New York Times. "Quindi persone che noi consideriamo parimenti desiderabili spesso non la pensano come noi." Lessico scientifico per dire che non capiamo quando qualcuno è fuori dalla nostra portata.

Gli psicologi clinici dicono che è normale provare shock e dolore, all'inizio, al rifiuto di una persona che ti piace. "Non è strano che una persona continui a pensare a un partner con cui ha avuto una relazione breve," dice Shani Graves, consulente di salute mentale a New York. "Anzi, succede molto più spesso di quello che ammettiamo." Graves aggiunge, "A volte, riponiamo tutte le nostre speranze su qualcuno sperando che sia la persona giusta." Questo può darci una visione distorta della situazione e "impedirci di conoscere davvero l'altro," dice Graves. "Quindi, quando non funziona, rimaniamo confusi e feriti."

Pubblicità

Tanisha M. Ranger, psicologa clinica di Henderson, in Nevada, aggiunge che "gli esseri umani hanno un problema con le cose in sospeso. Ci ricordiamo le cose incomplete molto più di quelle complete." Ranger parla di effetto Zeigarnik, un bias cognitivo per cui le persone sono più portate a ricordare compiti significativi che non hanno portato a termine, e ha notato che può essere applicato anche all'emotività, per esempio al compito di mantenere vivo l'interesse di un potenziale partner.

Inoltre, le relazioni nuove alterano letteralmente la chimica cerebrale. La serotonina comincia a scorrere a fiumi e il cervello è in piena. "Quando è una storia passionale, anche se breve, cambia i bisogni chimici del cervello, e al cervello non piace che poi gli vengano tolti questi componenti," dice Ranger. "Quando la serotonina cala, crea della sensazioni di solitudine e mancanza."

Le relazioni a lungo termine spesso scemano col tempo. La fine, per quanto dolorosa, è spesso un processo graduale. La fine di una relazione nuova, e dell'euforia e dell'energia che porta con sé, è come la rota da una droga.

Questo dolore, quando prolungato, può essere una manifestazione di problemi più profondi. "L'attaccamento patologico che dipende da un trauma relazionale può manifestarsi come ossessione per qualcuno che si è visto per poco tempo," dice Sheri Heller, assistente sociale con formazione medica di New York. Parla di "dipendenza dall'amore" come di "una malattia dolorosissima scatenata da una solitudine traumatica e dall'assenza di legami sicuri nel corso della vita."

Pubblicità

Chi ne soffre considera una nuova relazione come una "soluzione" e soffre quando questa finisce. Dopo il rifiuto, il "drogato d'amore entra in una crisi d'astinenza molto debilitante," dice Heller.

A molti, comunque, passa, dice Baumeister. Il rifiutato "pensa di non poter essere mai più felice," ha dichiarato in un pezzo per il Chicago Tribune. "Ma molto spesso si sbaglia."

"Non c'è un tempo stabilito per la guarigione, soprattutto quando si parla di sentimenti," dice Racine R. Henry, fondatore della Sankofa Marriage and Family Therapy di New York. Ma il tuo amico può ridurre i comportamenti che amplificano il dolore. "Cancellali dalla rubrica," dice Henry, "cancella le sue foto dal telefono, smetti di seguirli e magari bloccali sui social. Comunica ai tuoi amici che non vuoi più parlarne. Non puoi cancellare qualcuno dal tuo cervello, ma puoi mettere una distanza tra te e l'altra persona."

Diversi esperti intervistati per questo articolo hanno raccomandato un periodo in cui concentrarsi su se stessi e circondarsi di amici. Dopo un po' (anche un periodo di tempo che può sembrare sproporzionato, se paragonato alla durata della relazione), il tuo amico dovrebbe sentirsi di nuovo a posto e pronto a riscaricare Tinder.

Questo articolo è comparso originariamente su Tonic.