Pubblicità
Droga

Vi ricordate il volantino della droga di Padova? Era opera dei carabinieri

In pratica non era quello vero. Era una copia "liberamente ispirata a."

di Mattia Salvia
21 marzo 2018, 12:44pm

Un paio di giorno fa è girata la notizia dell'arresto di una banda di spacciatori di Padova che pubblicizzava i suoi prodotti con un volantino, una specie di catalogo del supermercato con le droghe al posto della roba in offerta. La notizia e le foto del volantino erano girate parecchio perché piuttosto assurde—c'erano formulazioni come "un gentile omaggio a chi porta un amico" e "prezzi speciali e trattative riservate" per chi era in cura al Sert.

A quanto pare, però, il volantino che tutti hanno visto non era quello originale. Ma uno piuttosto "liberamente ispirato a" o "tratto da una storia vera." In pratica era una riproduzione fatta dai carabinieri di Padova sulla base di quanto appreso dalle indagini.

La cosa è stata candidamente ammessa ieri in conferenza stampa dal comandante provinciale Oreste Liporace. Ha dovuto ammetterlo, riporta Padova Today, perché in Procura si era "creato un certo imbarazzo visto che il depliant non compare tra gli atti del pubblico ministero." Perché, appunto, i volantini veri non sono stati sequestrati: gli spacciatori li avrebbero distrutti prima dell'arresto.

Devo dire che guardandolo oggi, col senno di poi, potevamo arrivarci. Potevamo capire che il lessico usato nel volantino non era esattamente un lessico da spacciatori. Uno spacciatore non userebbe mai la parola "cadauno" per parlare di pezzi di bamba. Era tutto troppo assurdo per essere vero.

Che dire. A questo punto attendiamo ulteriori sviluppi di questa storia: che ne so, magari settimana prossima scopriremo che qualche spacciatore della vita vera ha iniziato a usare il volantino dei carabinieri.

Segui Mattia su Twitter

Tagged:
padova
Stuff
Italia
crimine
Carabinieri