FYI.

This story is over 5 years old.

Metal Carter - Non può cambiare il mondo una canzone

"Non può cambiare il mondo una canzone" è il primo video estratto da Cult Leader, il nuovissimo LP di Metal Carter, ed è pieno di chitarre.
Mattia Costioli
Milan, IT
20.4.16

Qualche tempo fa sono andato da uno psicologo e gli ho chiesto di tracciare il profilo psicologico di alcuni rapper italiani a partire dai testi delle loro canzoni più personali e viscerali. Avevo un bel fascicoletto con tutti i testi e una mini-playlist di mp3 pronta da fargli ascoltare. Il primo dei pezzi che gli ho sottoposto è stato "Pagliaccio di Ghiaccio" del Sergente di Metallo. Non è andata bene, sostanzialmente si è rifiutato di commentare quel testo, archiviandolo come il delirio di un pazzo o semplicemente un essere umano con un senso dell'umorismo poco interpretabile.

La verità è che non è facile stare dietro ai processi mentali di Metal Carter, se non ci si è presi il proprio tempo per calarsi in quella palude di violenza e suggestioni liriche, e una delle poche cose di cui ci piace vantarci da queste parti è di esserci sempre sporcati con la sua musica. Quindi 'sti cazzi del crossover, 'sti cazzi delle chitarre, ecco qua un nuovo pezzo di Metal Carter a metà tra rap, metal, hardocre punk e tante altre cose più o meno evidenti.

Pubblicità

"Non può cambiare il mondo una canzone" è il primo video estratto da Cult Leader, il nuovissimo LP di Carter in uscita per Glory Hole Records il 27 aprile, e già disponibile in pre-order sul loro sito internet.

Stiamo per trasferirci su una nuova pagina Facebook, forse dovresti seguirci:

Noisey Italia

L'album è stato prodotto e registrato dal giovane Eddy Depha al 3TONE Studio di Roma (tranne lo skit "Don't fuck with the leader" prodotto da Dj Craim) e rappresenta una piccola svolta per il Sergente di Metallo che ha deciso di scaricare quindici featuring nel disco, da Tormento a Egreen, passando per Fabri Fibra, Ice One, Danno e tutti gli altri che vi potete leggere sul back della cover prima di comprare il disco .

Abbiamo chiesto a Carter di raccontarci due cosine su questo brano, di spiegarci come interpretarlo e come fare a non sentirci un po' spaesati di fronte a tutti quei riff di chitarra. Lui invece di darci una badilata sulla testa ci ha raccontato come è nato il brano:

"Non può cambiare il mondo una canzone è un pezzo crossover, che addirittura non era previsto nel disco. La strumentale al posto delle chitarre aveva un synth che non ci convinceva, allora ho chiamato il mio amico chitarrista Pinuccio Ordnal che ha suonato i riff dando una veste più hardcore e metal a tutta la canzone. Magari come primo singolo può sembrare un po' fuorviante rispetto al resto dell'album, che rimane comunque molto più hip hop, anche se i campioni "rock" mi sono sempre piaciuti inseriti nelle basi rap. Per quanto riguarda il testo, anche se spesso esprimo sentimenti negativi il fine è sempre buono, infatti nel ritornello canto "Non può cambiare il mondo un canzone, ma magari può aiutare certe persone": la musica è il mezzo perfetto per sfogarsi, l'uomo ha lati buoni ma anche oscuri, e la musica può dare un grosso aiuto quando sono i momenti oscuri a prevalere. Per il video, diretto da Grounder Music, ho chiamato i Southern Drinkstruction (band Death'n'Roll di Roma) con l'idea di riprendere una performance live che fosse anche d'impatto.