FYI.

This story is over 5 years old.

Mogees trasforma ogni oggetto in musica

L'ospite del prossimo workshop gratuito è Bruno Zamborlin, musicista e ideatore di Mogees, un sensore capace di trasformare ogni oggetto in musica.
02 settembre 2015, 10:28am

Converse Rubber Tracks è un progetto lanciato da Converse a supporto dei giovani musicisti di tutto il mondo, in cui si premiano talento e creatività mettendo a disposizione risorse come ore di studio gratuite, workshop, incontri, strumentazione e librerie di samples.

I risultati prodotti da questa esperienza sono strabilianti in tutti i paesi toccati dal progetto, per cui abbiamo decisamente di che gasarci ora che sta arrivando anche in Italia. Rubber Tracks ha portato e continua a portare producer, musicisti e rapper a condividere il loro sapere con un pubblico di giovani artisti smaniosi di imparare.

Il progresso tecnologico rappresenta da sempre una delle più grandi fonti di ispirazione per i musicisti di tutto il mondo e, se non ci fosse qualche outsider che decide di iniziare a far funzionare gli strumenti musicali in un modo diverso da quello convenzionale, la maggioranza della musica che conosciamo oggi non sarebbe mai esistita. Per questo appuntamento a raccontare la sua esperienza sarà Bruno Zamborlin, che è partito da un’idea: offrire l’accesso alla musica a chiunque, in modo intuitivo e senza limiti tecnici.

Mogees è la sua creazione (e ve ne abbiamo parlato anche qui su Noisey), un sensore da applicare a qualsiasi superficie, abbinato ad una mobile app, per trasformare ogni oggetto in uno strumento musicale, capace di generare suoni partendo dalle differenze di propagazione delle vibrazioni nei diversi materiali. Bruno, prima ancora che un musicista, è l’impresario principale della propria idea che, sostenuta inizialmente da una campagna Kickstarter e poi da alcuni investimenti italiani, verrà lanciata sul mercato questo autunno.

Il workshop partirà dall’esperienza di Bruno nel campo della performance live e sui dispositivi tecnologici che sono oggi a disposizione degli artisti, per poi arrivare a parlare della campagna di raccolta fondi, della progettazione del sensore Mogees e della collaborazione con Plaid, Imogen Heap e la storica etichetta WARP.

Come al solito i posti sono super-limitati e per iscrivervi dovete compilare questo form, in cambio vi promettiamo due ore di musica e tecnologia seguite da un'ora di felicità con un bell'aperitivo offerto da noi.

L'appuntamento è per il 10 settembre al TOM di Milano.

#rubbertracks