FYI.

This story is over 5 years old.

Kim Kardashian ha portato un comune mortale alla corte di Kanye

I coniugi Kanyedasian hanno pagato il viaggio al fan club di Kanye in occasione del compleanno di Kim.

Maik Leenards è uno dei superfan di Kanye dietro a @TeamKanyeDaily. Per chi non appartenesse alla chiesa di Yeezus, questo account Twitter e blog condividono OGNI SINGOLA AZIONE di Kanye, dalle gif alle notizie sullo Yeezy Supply merchandise, fino alle opere d'arte create dai fan che includono magliette, citazioni di Yeezus e biscottini a tema. In pratica è l'equivalente 3.0 di un buon vecchio fan club, se i fan club fossero centri multimediali che ti mandano una newsletter ogni mezz'ora, ventiquattr'ore su ventiquattro, per tutti i giorni dell'anno (anche a Natale).

Pubblicità

È difficile ignorare le imprese quotidiane di TeamKanyeDaily. Ora che la relazione tra Kanye e Kim è sbocciata in un matrimonio e conseguente prole, l'account Twitter ha preso in consegna anche l'incarico di informare i seguaci di Yeezus anche del lato Kardashian della storia. E la signora Kim dev'esserne stata contenta, dato che ha deciso di invitare al luculliano brunch in onore del suo compleanno alcuni dei contributor più attivi del sito. Da quel momento la community di Yeezianisti sul web ha iniziato a spargere alcune voci (in particolare una voce, ossia che i capi di TeamKanyeDaily abbiano i dettagli del prossimo album di Kanye, SWISH) e altrettanti quantitativi di gelosie feroci.

Abbiamo contattato il ragazzo fortunato in questione, Marik, per capire come mai un comune mortale è stato scelto dalla royal couple per volare dall'Olanda fino a Palazzo per sorseggiare succhi dal colore strano in bicchieri rigorosamente tondeggianti (a prova di normativa Kanye sul design) al brunch di compleanno di Kim Kardashian. Ecco cosa abbiamo scoperto.

Noisey: in cosa consiste il TeamKanyeDaily e qual è il tuo ruolo?
Marik: Siamo in cinque e veniamo dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dall'Olanda. Condividiamo notizie e foto di Kanye sul nostro sito (che al momento è in lavorazione). Viviamo molto lontani gli uni dagli altri, per questo comunichiamo parecchio via chat ed e-mail. Mi sono unito a questo gruppo per dare una mano col design, ma non abbiamo una vera e propria suddivisione di ruoli, in realtà.

Pubblicità

OK. Veniamo al dunque. Com'è possibile che tu sia arrivato alla festa di Kim Kardashian? Sei uno degli illuminati?
Ci hanno invitato i suoi sviluppatori di app via mail. Non ci ho creduto all'inizio, ovviamente, perché un viaggio fino a Los Angeles costa tantissimo. Ma quando sono salito su quel volo ho realizzato che era tutto vero. Non avevo nemmeno il passaporto, quindi ho dovuto velocizzare le procedure per i miei documenti, ma ne è valsa la pena.

E insomma, sei salito sull'aereo, hai volato per undici ore, e poi?
Un ragazzo dell'entourage di Kim mi è venuto a prendere con un taxi che mi ha portato fino al loro hotel. In camera abbiamo trovato un regalo da parte di Kim, insieme a una lettera in cui ci ringraziava per il lavoro che facciamo sui social. Non avevamo piani particolari per il resto del giorno, quindi abbiamo deciso di fare roba da veri statunitensi: abbiamo guardato il football e mangiato hamburger.

E poi è arrivata la domenica, il giorno della festa di Kim. Come ti sentivi al tuo risveglio?
Ci siamo svegliati presto. Super presto. Di solito ci metto un po' a carburare, invece quel giorno ero gasatissimo. Siamo arrivati, ci hanno offerto un drink e poi siamo stati portati nel salone del brunch. C'era un tavolo su cui potevamo lasciare i regalini che avevamo portato, come si fa ad ogni festa di compleanno che si rispetti.

Che regalo hai fatto a Kim Kardashian?
Alcuni si sono presentati lì con i fiori, perché si sa che lei ama le rose. Noi abbiamo portato un album contenente tutti gli artwork fatti dai fan che ritraggono Kim, Kanye e North. Poco dopo è entrata nella stessa stanza in cui eravamo noi. E sai come vanno queste cose. Tutte le ragazze presenti sono letteralmente impazzite.

Pubblicità

Dai, non dirmi che tu hai mantenuto la calma.
Devo ammettere che è stato un momento speciale. Non la si vede mai dal vivo. Prima ha fatto il giro delle presentazioni, poi un po' di foto con i presenti. Era tutto super organizzato e il brunch era fantastico. Non che mi fossi aspettato nulla di meno da un hotel a cinque stelle.

E lei com'era?
Super dolce. C'erano diciannove persone, un'atmosfera intima. Le potevi chiedere qualsiasi cosa, e nessuno ha fatto il matto per attirare la sua attenzione. È una tipa molto carismatica. Ha risposto con calma a tutte le nostre domande finché non ci siamo zittiti, perché era entrato LUI. Ecco, lì sono quasi caduto dalla sedia. È stato pazzesco perché tutti dicevano che non ci sarebbe stato.

Foto via

Di cosa avete parlato con Kanye West?
La prima cosa sono state le sue scarpe. Ho le Yeezy 750 Boosts, ma lui indossava il modello nuovo, in marrone scuro, che non è ancora in commercio. È stata la prima cosa che ho notato, quindi ne abbiamo parlato un pochino. All'inizio era dura, perché non sai bene cosa dire. Ma dopo un po' ci siamo sciolti e abbiamo iniziato a domandare cose anche a lui. Era molto interessato a quello che gli dicevamo e ci chiedeva opinioni su di lui. Mi è sembrato davvero che lui fosse lì perché ci teneva ad esserci e non per dovere. Quando ci ripenso ho un'immagine di un gruppo di amici che si divertono. Ora nella mia lista di cose da fare nella vita dovrò trovare un altro numero uno!

Pubblicità

È andato tutto come ti aspettavi?
No. Molto meglio. È stato molto più figo. Mi aspettavo che sarebbe stato tutto più formale e distaccato, invece era molto familiare. Oltretutto non mi sarei mai immaginato che Kanye ci sarebbe stato, è stato tutto perfetto. Da un sacco volevo andare negli Stati Uniti e loro me ne hanno dato l'opportunità, tutto spesato.

È passata più di una settimana da quando è successo. Sei tornato alla realtà?
Be', non del tutto, ad essere onesti. Continuano a uscire nuove foto di me con Kimye e la gente mi chiede di raccontare quest'esperienza tutto il tempo. Quel giorno rimarrà sempre nei miei ricordi. Ne parlerò ancora tantissimo, lo so. Non voglio che sembri però che tutto quello che faccio sia indirizzato a premi di questo genere, perché quando abbiamo iniziato a lavorare su TeamKanyeDaily lo abbiamo fatto solo perché siamo fan. È anche vero che sono cinque anni che creiamo contenuti, quindi magari ci meritiamo un po' di riconoscenza.

E… non è che per caso hai il nuovo album di Kanye?
No. Niente.

Caspita. Come credi che sarà?
Cerco di non avere aspettative, perché non sai mai cosa succederà con Kanye. Quando ti aspetti troppe cose, poi ci rimani male. Mi piace tutto il suo lavoro, ovviamente, ma ora non ascolto più Cruel Summer o Yeezus come un tempo. Sai com'è. Da un momento all'altro Kanye può decidere di stravolgere tutto… Quindi vedremo.

Seguite @TeamKanyeDaily se siete interessati a conoscere più dettagli della vita di un rapper di quante ne conosciate di vostra madre.