Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Articoli

Uno chef ha inventato un menu a base di Radiohead

E ha cucinato un sacco di piattini deliziosi per accompagnare Kid A traccia per traccia.

di VICE Staff
17 marzo 2014, 10:19am

Non avevo mai pensato che la musica e il cibo fossero due cose interconnesse, ma dopo che l'anno scorso sono andato al Ja Ja Ja festival ho sperimentato in prima persona come la musica possa avere un sapore e il cibo un suono. Assurdo, mi sono reso conto in questo modo che ci sono delle regole precise su quali alimenti accompagnare ai nostri dischi preferiti. Per esempio i Pigeon Detectives e i kebab sono ora praticamente inseparabili, così come Elliott Smith e una boccia di vino rosso.

Quando ho sentito che lo chef Kyle Hanley ha iniziato a sperimentare piattini che rappresentassero uno degli album più popolari dei Radiohead, Kid A, il mio palato ha iniziato a fare le bizze. Il menu—che includeva “Everything In Its Right Place” (capesante scottate in padella) e "How To Disappear Completely" (coda di rospo al vapore)—è stato disponibile per una sola sera. Dopo l'evento, ho chiamato Kyle e abbiamo parlato del suo amore per i Radiohead, di cibo impressionistico e di come i menu a tema musicale siano un'idea semplice che mette d'accordo tutti, dagli snob della nouvelle cuisine ai cultori di musica con i dreadlock.

Noisey: Da quanto sei uno chef?

Kyle: Da circa 10 anni, ho sempre tentato di sperimentare con il cibo.

Quando hai iniziato ad appassionarti dei Radiohead?

Ho conosciuto i Radiohead quando ho studiato musica per un anno. Penso che mi piacciano così tanto perché sono una di quelle band che puoi e devi stare davvero ad ascoltare, anziché lasciare che la loro musica faccia da sottofondo ad altre attività. Non devi far altro quando ascolti loro, guidare o leggere o lavorare, puoi permetterti di passare del tempo ad ascoltare e basta, e questo è bellissimo. Credo che ci sia qualcosa che manca alla maggior parte delle band che vengono fuori ora, e che sia la profondità che permette quanto ho spiegato.

Quindi ti è venuta l'idea di dedicare loro un menu.

Sì, l'idea mi è venuta quando lavoravo come aiuto cuoco per pagarmi la scuola di musica, sette/otto anni fa.

Qual è il tuo album dei Radiohead preferito?

I miei preferiti, devo dire, sono quelli più impressionisti, i più pesanti, Amnesiac o Kid A o Hail to the Thief, che tra i tre è il più leggero.

E il tuo piatto preferito del menu?

Decisamente “Tree Fingers”, che era una specie di granita di pomodoro, un piatto divertente, o la bouillabaisse “In Limbo” perché i miei gatti sono impazziti e casa mia odora ancora di aragosta...

Hai visto in giro altre combinazioni cibo/musica interessanti?

Mi piacerebbe poter combinare qualsiasi cosa, ma più la musica è "impressionistica", meglio l'accoppiata funziona. Il quadro è più semplice da delineare, insomma.

Com'è andata la serata a tema?

Molto meglio di quanto mi aspettassi. L'unico problema è che essenzialmente abbiamo dovuto costruire una cucina all'interno del teatro, che non ospitava nessuna struttura simile a un ristorante. Non avevano neppure un ascensore, quindi abbiamo trasportato su e giù un sacco di stoviglie, bombole a butano, frigoriferi e un freezer, non è stato piacevolissimo.

Che tipo di gente è venuta a cena?

Un bel range di persone. Ho visto che il proprietario di un ristorante superlusso era seduto a fianco a un hipster con i dreadlock.

Hai qualcos'altro in canna per il futuro?

Nonostante tutto, io lo faccio perché mi diverto e non per farci i soldi. Credo che il mio prossimo progetto sarà collaborare con la Detroit Symphony Orchestra per accompagnare una selezione di Debussy.

Grazie Kyle!