Gli Acid Arab ci hanno dedicato un mix a sorpresa

Ieri hanno suonato a Roma per Spring Attitude e fra meno di un mese saranno al Sonar. Questo è quello che ci dobbiamo aspettare.
Sonia Garcia
Milan, IT
20.5.16

Foto via Facebook.

Acid Arab è il nome del progetto elettronico attivo da un paio d'anni composto da Guido Minisky e Hervé Carvalho, entrambi parigini. La loro produzione musicale assorbe la particolare struttura binaria o ternaria di certe musiche orientali o mediorientali esaltandone le componenti ipnotiche, per nulla diverse da quelle che caratterizzano acid, trance e techno. "Potremmo definire la nostra musica acid orientale, una combinazione tra tutto il freddo della techno e il potere emotivo e drammatico dell'Oriente. Non vogliamo essere gli antesignani di questa giunzione però, vogliamo solo stare dietro a questi tempi. Parlare di fusione implica credere nella visione binaria di mondo occidentale vs mondo orientale, o almeno fino ad ora è stato così."

Pubblicità

Ciò che compete loro invece è altro dall'incollare pezzi di cultura orientale in framework occidentali preconfezionali. "Vogliamo coinvolgere entrambe le culture senza pretendere di star reinventando la musica orientale, o bullarci di star dando vita a una nuova forma di musica dance occidentale." Semplice e chiaro. Il processo che ha portato i due, già da anni resident del Chez Moune di Parigi, ha avuto inizio di ritorno dal viaggio in Tunisia con Dj Gilb’R, grazie al quale hanno avuto modo di curare la compilation—uscita sulla sua Versatile Records—Acid Arab Collections. Le collaborazioni non si contano: I:Cube, Omar Souleyman, Judah Warsky, Adnan Mohamed e molti altri.

Quest'anno suoneranno al Sonar di Barcellona il prossimo 16 giugno, e sono stati tra gli ospiti d'onore di questa edizione di Spring Attitude, a Roma—che continua ancora per tutto il weekend, andateci. Dato che a mix siamo completi per questa settimana, ci hanno preparato questo boccone pre-Sonar e post-Spring Attitude pieno di tracce dal Libano, Siria, Israele, Grecia, Palestina, Turchia, Stati Uniti, Algeria e altro ancora. Beati voi che li avete visti ieri, beati voi che li vedrete al Sonar.

Segui Acid Arab su Soundcloud e Facebook.

Segui Sonia su Twitter.