Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Music by VICE

Ho cercato la musica italiana su Tumblr

E ho trovato qualche chicca imperdibile in mezzo a un mare di nulla.

di Elena Radice
22 maggio 2014, 10:08am

Da quando Tumblr ha iniziato a diventare sempre più internazionale e sempre meno USA-centrico, la lingua è una forte discriminante per ogni tipo di ricerca al suo interno.
Per lingua non si intende quella in cui si esprime il singolo blog, ma quella che l'utente utilizza per gestire la sua interfaccia: i contenuti anglofoni rimangono comunque preponderanti, ed è più difficile, da italiani, arrivare a blog in spagnolo francofoni. Nel riflettore, il luogo in cui i folletti di David Karp Yahoo! seleziona alcuni Tumblr degni di nota suddividendoli in elenchi tematici, per ogni sezione i primi contenuti sono quelli nella propria lingua, successivamente arrivano quelli di interesse più globale che generalmente sono anglofoni e made in USA.

Avendo vissuto un anno in un luogo francofono, mi è capitato di imbattermi tramite giri di Tumblr francofoni di amici in Hanne Horel, che mi è piaciuta non poco, quindi mi sono detta che se i francesi riescono a raggiungere un pubblico francofono mettendo la loro musica su Tumblr, di sicuro lo stanno già facendo anche gli italiani.

Ho iniziato quindi a cercare di capire che musica italiana c'è su Tumblr e se Tumblr è un posto dell'Internet dove ascoltare musica italiana.

Conosciamo tutti le YouTubers canterine, che utilizzano come canale primario YouTube, per poi connetterlo a pagine Facebook su cui di tanto in tanto mettono insieme due frasi o aggiornano l'audience su eventi imminenti. Rispetto al tubo e a Facebook, Tumblr ha il vantaggio di poter includere in modo più fluido e personalizzabile molti contenuti differenti, l'interfaccia finale ha temi di default più ordinati rispetto a Blogspot e la community funziona abbastanza bene da non farti sentire uno sfigato completo se non sei in grado non puoi permetterti di comprare un dominio—ovvero xxxxxx.tumblr.com è più fico di xxxxx.wordpress.com.

Mi aspettavo alcune cose—voglio dire, in Francia c'è Hanne Horel—ma ne ho trovate altre. Il riflettore italiano ha tre sezioni musicali: "etichette discografiche," "musica," "musicisti." La prima contiene le solite etichette dell'indie italiano (ma io stavo cercando i musicisti giusto?), la sezione musica contiene un po' di blogging che gravita sempre sull'indie—zero musica tanto blabla—e infine la sezione musicisti, che contiene solo il Tumblr di Maria Antonietta.

Okay.

Evidentemente per scovarti, cara musica italiana su Tumblr, devo giocare pesante.

Quindi vado di ricerca per hashtag: #cantautore #cantautrice #cantante #italian music #italian singer #musica italiana.

Ed ecco quello che ho scoperto.

IL BLACKBACK FA TANTO "PUNK HARDCORE IN BRIANZA NEL 2003"


Ma lo utilizzano sia Emis Killa* che Pia Tuccitto, le uniche due celebrità italiane che hanno un Tumblr trovabile (a parte Maria Antonietta, che temo vinca, nonostante l'utilizzo di un obsoleto tema base "the Minimalist" del 2011). Il che porta alla prossima considerazione.

IL TEMA NON È ACQUA

Claudia Vergotti è minorenne, quindi DOVREBBE ESSERE IN GRADO DI UTILIZZARE L'INTERNET COME DIO COMANDA DALLA NASCITA ma decide di farla facile e di provare ad arrivare a San Remo supergiovani utilizzando lo stesso tema base del 2011—su Claudia, mettici un po' più di coraggio, almeno più di Maria Antonietta.

DAL VIVO È IMPORTANTE

GianniLucky probabilmente meriterebbe un posto nel riflettore solo per il nome di dominio, mentre Giuseppe Miani "è un cantautore (minorenne) con diverse esperienze dal vivo." Sarà tutta questa esperienza che ha spinto i due #cantautori ad un appeal realistico: perché rinunciare al sapore visivo del finto cartone e del finto sughero? Tra l'altro mi devo fidare sulla parola del buon Giuseppe: non c'è una mezza traccia da ascoltare, però sì, credo abbia proprio la faccia da #cantautore. Questa presa di posizione stilistica si inserisce appieno nel dibattito "digitale vs virtuale," "glossy or flat," emozioni vere, sughero finto.

IL CLUB DEI SIMPATICI

JoeNatta.tumblr.com esiste, e forse non dovrebbe. L'aggravante è che ci tiene tantissimo a specificare da quanti anni occupa byte in rete nel disperato tentativo di sconfiggere la tristezza altrui provocando l'effetto opposto. Invece Lavandino "è un cantautore indie e puoi chiedergli delle cose." Il suo Tumblr è abbandonato, ma i versi "La solitudine ti secca come le saponette abbandonate quando qualcuno ha comprato il sapone liquido" tratti da E l'amore idrata rimarranno per sempre nel mio cuore.

PREMIO BEST LOGO

La Rosa cantautore non ha proprio capito come comunicare al meglio la sua immagine, però ha un avatar che gli somiglia così tanto che lo perdono.

CANTAUTORI SCONOSCIUTI

Che vorrei restassero tali, quindi non vi darò nessun link a riguardo, ma solo qualche citazione: "So che non sei curioso di degustarmi, ma solo perché non sono buono come la cioccolata." "Amo la musica è pura energia che entra nella nostra anima, la musica è un emozione sublime, la forza dei nostri pensieri essa è un'essenza del nostro tempo, passione, amore, tristezza e rabbia la musica è tutto perché è una luce eterna."



AUANASGNAOIU

Una tripletta che merita la scrittura per esteso: http://wwwalbycom.tumblr.com/, http://kalliopelasciocca.tumblr.com/, http://thisisattilio.tumblr.com/.

Quando cantano in italiano mi piacciono quasi. Quasi. No, forse non mi piacciono nemmeno in italiano.
In ogni caso i videoclip di tutti e tre hanno questo fortissimo sapore di emergente, in senso positivo. Utilizzare l'inglese a sproposito li fa scadere nel wannabe completo.

Alby Italian Singer utilizza il tema default del 2012 in modo spiccatamente concettuale, sul nome di dominio c'è ancora da lavorare.

Attilio forse dovrebbe solo evitare di cantare in inglese, nell'utilizzo dei tool è invece molto 2013, quasi contemporaneo.

Kalliope funziona meglio su YouTube, nonostante l'inglese.

QUELLI DELLA CAMERETTA

Sono un genere riconosciutissimo in Italia, tra i loro componenti ci sono tanti YouTubers più o meno occasionali, ed artisti che sulla "cameretta" ci hanno proprio costruito un sound e inciso svariati dischi. Sono sfinita da questa ricerca di musica italiana su Tumblr e non credo utilizzerò più un ashtag di ricerca in italiano finché i nativi digitali avranno 35 anni e saremo tutti muniti di banda larghissima—per allora vorrei tanto che l'Internet ed il mondo fossero posti diversi che spero ci vivremo con un maggior livello di consapevolezza comunicativa.
Tuttavia bravi, http://johnnybarretti.tumblr.com/ e http://antiaccademica.tumblr.com/ mi siete piaciuti per la vostra estrema onestà.

*Killa aggiorna spesso il suo Tumblr: nel tempo di scrittura di questo articolo ha cambiato lo sfondo evolvendo in glossy total white.

Elena ha un casino di Tumblr, per questo sta così in bolla con l'argomento. Seguitela su Twitter @leraneacide, oppure, appunto, sul suo Tumblr.

Tagged:
Music
trash
Noisey
Tumblr
maria antonietta
musica italiana