Pubblicità
Food by VICE

Negli spinaci ci sono sostanze simili a steroidi, e per gli scienziati gli atleti non dovrebbero mangiarli

Passato: dare la colpa alle pillole per l’erezione per le accuse di doping. Futuro: dare la colpa a un'insalata!

di Jelisa Castrodale
01 luglio 2019, 9:31am

Il velocista americano Dennis Mitchell perse una medaglia di bronzo per 0,05 secondi nella finale da 100 metri maschile alle Olimpiadi del 1988 a Seoul, in Corea del Sud. Quell'evento è stato definito "la più grande corsa della storia." Ma al vincitore Ben Johnson è stata poi tolta la medaglia d'oro per aver fallito un test antidoping; Carl Lewis, la-medaglia-d’argento-diventata-d’oro, era già risultato positivo a sostanze dopanti; e da allora è stata ribattezzata come “la corsa più scorretta della storia.”

Quando Mitchell non ha passato un test antidoping dieci anni dopo, ha incolpato per i risultati l’aver bevuto cinque birre e aver fatto sesso con la moglie quattro volte, la sera precedente. “Era il suo compleanno,” ha detto. “La signora meritava un regalo.”

LaShawn Merritt, due volte medaglia d'oro olimpica nei 400 metri e nella staffetta da 4x400 metri, ha dichiarato di essere risultato positivo all’antidoping perché aveva preso dell’ExtenZe, una di quelle pillole che si vendono in farmacia per far ingrossare il pene o indurre un’erezione. “Al momento dell'acquisto del prodotto stava pensando che avrebbe fatto sesso,” ha detto l'American Arbitration Association nella sentenza contro di lui. “Ha ammesso di non aver guardato l’etichetta.”

E quando cinque membri della squadra di calcio femminile della Corea del Nord hanno fallito i test antidroga durante la Coppa del Mondo femminile del 2011, i funzionari nordcoreani hanno dichiarato che le giocatrici erano state colpite da un fulmine prima della partita, e successivamente trattate con “ghiandole di cervo muschiato.” Questo, avevano insistito, avrebbe causato i risultati positivi dei test.

Sì, sono probabilmente tutte stronzate—tranne forse per quella cosa del’ExtenZe—ma se un atleta professionista non passasse un test antidoping e poi cercasse di dare la colpa al fatto di aver mangiato parecchi chili di spinaci, beh, quello potrebbe essere vero.

Degli scienziati della Freie Universität di Berlino hanno recentemente suggerito che l'ecdisterone, una sostanza chimica presente negli spinaci, debba essere aggiunta all'elenco delle sostanze vietate dall'Associazione mondiale antidoping (WADA) a causa dei suoi effetti potenzialmente steroidei.

Secondo il DW, i ricercatori hanno condotto uno studio di 10 settimane su 46 uomini, a cui è stato somministrato o un placebo o un integratore giornaliero che conteneva tanto ecdisterone quanto 8,8 chili di spinaci. I partecipanti hanno seguito lo stesso programma di allenamento per la forza, ma gli uomini che hanno ricevuto le pillole di ecdisterone hanno sviluppato più massa muscolare e hanno aumentato fino a tre volte tanto la forza del gruppo placebo. “Ancora più importante, per quanto riguarda le prestazioni sportive, sono stati osservati aumenti significativamente più pronunciati nelle prestazioni da una ripetizione sulla panca da allenamento,” hanno scritto gli autori nel loro abstract.

“Questi dati sottolineano l'efficacia del consumo di ecdisterone per le prestazioni sportive.”

I ricercatori hanno detto che, sulla base di studi precedenti sull'ecdisterone, si aspettavano che il gruppo che stava assumendo gli integratori avrebbe superato in performance quello che stava prendendo sostanze placebo, ma non così tanto. “La nostra teoria era che avremmo visto un aumento delle prestazioni, ma non ci aspettavamo che il divario sarebbe stato così grande,” ha detto la coautrice dello studio Maria Parr. “Abbiamo suggerito alla WADA nel nostro rapporto che la sostanza sia aggiunta all’elenco del doping. Pensiamo che se aumenta così tanto le prestazioni, allora l’ingiusto vantaggio debba essere eliminato.”

Questa non è la prima volta che Parr e il suo team hanno suggerito che l'ecdisterone dovrebbe entrare nella lista delle sostanze proibite dalla WADA. Nel 2015, è stata coautrice di un altro studio chiamato “Ecdisteroidi: una nuova classe di agenti anabolizzanti?” che ha testato gli effetti di questa sostanza chimica sui ratti, e i risultati hanno dimostrato che l'ecdisterone poteva indurre lo stesso tipo di ipertrofia (crescita muscolare) di alcuni steroidi anabolizzanti. “Per quanto riguarda la prevenzione per il doping, l'elevata potenza anabolica dell'ecdisterone giustifica la sua classificazione come agente anabolizzante e quindi deve essere elencata nella categoria ‘Agenti anabolizzanti S1’ nell'elenco delle sostanze proibite dell'Agenzia mondiale antidoping,” avevano scritto.

Chissà se la WADA aggiungerà l’ecdisterone alla sua raccolta di sostanze proibite, ma non vediamo l'ora che i futuri velocisti o ciclisti o calciatori alle conferenze stampa parlino, tipo, di tutti quegli spinaci che avrebbero mangiato prima dei test antidoping.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale