Stuff

Da quando ho smesso con i prodotti di bellezza la mia pelle sta benissimo

Forse usare detergenti, tonici, creme contorno occhi, idratanti biologici e sieri costosissimi non serve a nulla.
A sinistra: l'autrice quando usava prodotti per la cura della pelle; A destra: l'autrice oggi. 

Smettere è sempre difficile, soprattutto quando si tratta di un vizio che ti porta via soldi, tempo e non ti dà nulla in cambio. Leggi: fumo, alcol e tutti i prodotti per la cura della pelle presenti sul mercato.

Negli ultimi dieci anni ho speso cifre folli in sieri, tonici, detergenti, creme idratanti, maschere, esfolianti, olii e qualsiasi altra cosa mi proponesse il mercato, con la promessa di una pelle da angelo. Nei momenti peggiori, ero arrivata ad applicare fino a sei prodotti al giorno—e mi sentivo anche fiera di aver raggiunto un tale livello di complessità nella mia routine di bellezza. Ciononostante, non sono mai riuscita a trovare la soluzione perfetta per me, anche se ci sono andata molto vicina e sentivo che mi mancava davvero un soffio per avere la pelle che avevo sempre sognato.

Pubblicità

Dopo aver provato decine di prodotti diversi, mi sono accorta che la mia pelle non era mai stata così irritata, disomogenea e piena di imperfezioni. Così, nella speranza di ricominciare presto con una nuova strategia, mi sono presa una pausa e sono tornata a fare il minimo indispensabile. Volevo cercare di fare piazza pulita di tutto quello che avevo imparato fino a quel momento sulla cura della pelle.

Sono tornata a usare un normale detergente, un semplice prodotto esfoliante e quando mi volevo sentire davvero bella una maschera. Risultato: è dura ammetterlo, ma finalmente la mia pelle era tornata sana, pulita e luminosa. Non me ne vanto, anzi, mi arrendo all'evidenza dei fatti: fino a poche settimane fa la mia pelle (così come il mio portafoglio) era sotto attacco costante, mentre l'intera industria di dermocosmesi se la rideva alle mie spalle.

Foto dell'autrice nel periodo in cui usava ossessivamente prodotti per la cura della pelle.

Non una grande rivelazione, ok. Ci sono tantissimi articoli che trattano "l'inganno della cura della pelle". D'altra parte, però, non mancano mai articoli di risposta pro-cosmesi. Dove sta la verità?

La dottoressa Shirin Lakhani, fondatrice di Elite Aesthetics, che lavora con le sue clienti su programmi personalizzati di cura della pelle, mi spiega, "Cresciamo con la convinzione che detergere, tonificare e idratare la pelle sia importante quanto lavarsi i denti, eppure, al contrario, solo il 15 percento di noi ha effettivamente bisogno di idratare la pelle del proprio viso. Si tratta di quelle persone che hanno una pelle geneticamente secca, con problemi come eczema o psoriasi."

Pubblicità

"La maggior parte di noi ha una pelle normale, con pori ampi, una zona T più oleosa con olio o sebo in eccesso, e per tutti noi la crema idratante non farà assolutamente nulla di buono. Al contrario, un idratante aggraverebbe il problema, creando un'accumulazione di cellule morte in superficie, secchezza, acne e maggiore sensibilità. Usare una crema idratante per tre settimane è sufficiente per interrompere il processo di naturale idratazione della pelle, che finirà per impigrirsi e affidarsi all'idratante esterno."

In buona sostanza, se non avete bisogno di idratare, tutta quella crema fungerà da barriera che invece di idratare, soffocherà la pelle, creando olii in eccesso.

"L'idratazione naturale deve provenire dal nostro corpo e non può essere sostituita da un prodotto applicato in superficie," spiega la Dott.ssa Lakhani. "Quello di cui tutti avremmo davvero bisogno sin da giovani è un buon detergente, un prodotto esfoliante e una buona protezione solare. Una delle prime cose che faccio con i miei pazienti è cercare di mettere fine a questa dipendenza per introdurre dei prodotti attivi che risveglino le cellule e riavviino la naturale idratazione della pelle."

Purtroppo, spesso la realtà dei fatti non corrisponde agli interessi di marketing delle grandi aziende: secondo la dottoressa Lakhani, infatti, molti dei prodotti di bassa qualità venduti come cure miracolose possono peggiorare le condizioni di una pelle sana, rendendola più sensibile.

Pubblicità

Melissa Kimbell, beauty blogger e fondatrice di Awake Organics, è assolutamente d'accordo: "Con detergenti, esfolianti aggressivi, prodotti idratanti sintetici e tonici a base di alcol rischiamo di disturbare l'equilibrio naturale della pelle," spiega. "Questo potrebbe portare a una produzione eccessiva di olio, a secchezza estrema o eczema. Da qui il circolo vizioso che ci fa credere di dover applicare altri prodotti per risolvere il problema insorto."

Maschera viso di cushyspa.com via Flickr.

Di tutti i prodotti che ho provato, le maschere in fogli sono in assoluto le mie preferite, per la facilità d'utilizzo e i risultati immediati.

Con tutti gli altri prodotti—più o meno costosi che fossero—c'era questa sorta di regola non scritta sulla fedeltà al brand: se non investivi una cifra considerevole sull'intera gamma di prodotti, difficilmente avresti visto dei risultati. A livello quotidiano, che io usassi due detergenti, tonici, creme contorno occhi, idratanti biologici o facessi tutta la routine in sei passaggi, non faceva alcuna differenza. Mi ritrovavo comunque con la pelle unta e le imperfezioni, tanto quanto prima. Nei giorni peggiori, anche brufoli e punti neri, nonostante seguissi tutta la procedura come da manuale.

Lynne Baker, fondatrice di Calla Salon, mi ha detto, "Il problema più comune a tutti è una diagnosi sbagliata. In generale, le persone non sono in grado di fare una diagnosi accurata sullo stato della propria pelle. In pochissimi conoscono la differenza tra una pelle secca e una pelle disidratata, e quasi tutti tendono ad applicare troppi prodotti, in particolare quando la pelle è unta, credendo di migliorare la situazione, oppure utilizzano prodotti troppo aggressivi, rendendo la pelle molto sensibile. In generale, quasi tutti usano prodotti che non sono adatti al loro tipo di pelle."

Pubblicità

Capita spesso, è ovvio, che le persone rimangano intrappolate in questo circolo vizioso ed è abbastanza semplice capire perché: nell'epoca dei social media, le maschere viso sono un modo semplice per far sapere a tutti che ci stiamo prendendo cura di noi stessi, e la pressione aumenta. Anche io mi sono sentita così. È inevitabile.

Quando ho provato a tornare alla semplicità di un lavaggio con acqua e detergente naturale, non solo ho risparmiato tempo e denaro, ma soprattutto ho lasciato che la pelle facesse il suo corso naturale. Gli ormoni mi fanno venire ancora qualche brufolo, e quando sono in hangover la mia pelle si disidrata, ma nel complesso, non è mai stata meglio di così.

Quello che ho imparato da questa dura lezione è che ci sono poche cose, semplici, che ognuno di noi può fare per avere una pelle impeccabile. Dopo i classici evita il sole, metti la protezione, togli ogni residuo di make-up, la dottoressa Lakhani suggerisce di "usare un prodotto esfoliante due volte a settimana, fondamentale per una pelle perfetta. C'è chi esagera, e chi trascura del tutto questo passaggio. Ma è importante per restringere i pori, tenere a bada le rughe e rigenerare la pelle."

"Il retinolo [Vitamina A] è fondamentale per una pelle sana poiché risveglia le cellule e stimola la produzione di idratante naturale, accelera il processo esfoliante, aumenta la produzione di collagene e migliora la circolazione, eliminando le tossine e alimentando la pelle."

Pubblicità

Lynne Baker, inoltre, mi ricorda di tenere sotto controllo l'apporto di zuccheri. "Vedo spesso pazienti con sintomi da glicazione [quando le molecole di zucchero si legano ad altre molecole, come proteine o grassi, provocando invecchiamento della pelle] per un eccessivo apporto di zuccheri," dice. "Anche l'alcol andrebbe evitato. Non solo è una fonte di zuccheri nascosti ma può portare alla rottura dei capillari e all'insorgenza di couperose [lesione cutanea]."

Come temevo, la conclusione è il sempre valido 'less is more'. Come Melissa Kimbell ha spiegato, "Penso che sia meglio osservare una routine semplice e naturale, privilegiando la qualità, sulla quantità. Nonostante quello che ci vuole far credere Instagram, non abbiamo bisogno di 12 prodotti diversi per avere una bella pelle."

Anche se mi rendo conto che ridurre drasticamente i prodotti possa non essere la soluzione migliore per tutti, sono convinta che sia importante parlare dell'uso eccessivo di creme di cui tutti normalmente pecchiamo. Ad eccezione di chi ha problemi di acne, eczema e psoriasi e ha bisogno di farmaci per risolverli, in realtà, la maggior parte delle persone semplicemente non ha bisogno di una routine costosa e complessa per avere una pelle bella e sana.

Se poi fate caso a quanto avete risparmiato rinunciando a quel costosissimo esfoliante, sicuramente troverete un altro modo molto più divertente per spendere i vostri soldi.

Segui Jessica Evans su Twitter.