elon musk
Illustrazione: Ben Rubyz

No, Elon Musk non vive sul nostro stesso pianeta

Per molti è un "Iron Man in carne e ossa", ma le sue ultime sparate mostrano che è solo un miliardario che vive completamente nella sua testa.

Aggiornamento del 14/12/2021: La rivista TIME ha assegnato all’imprenditore Elon Musk il titolo di “Persona dell’anno” per il 2021, descrivendolo come qualcuno che “aspira a salvare il nostro pianeta e a procurarcene uno nuovo da abitare.” Se la scelta ha rallegrato i tantissimi seguaci del fondatore di Tesla e SpaceX, dall’altro lato ha attirato non poche critiche per le sue posizioni su tasse, sindacati e molte altre questioni. Per l’occasione, riproponiamo questa analisi di qualche anno fa su Musk.

Pubblicità

Su che pianeta vive Elon Musk?

Nei mesi scorsi, tweet dopo tweet, il nostro “Iron Man” in carne e ossa ha costruito un'immagine della realtà che ha poco a che fare con il mondo in cui viviamo tutti i giorni. Lui è un socialista, ha scritto recentemente su Twitter, anche se crede che le aziende debbano provvedere a tutti bisogni della società e non crede che i lavoratori e le lavoratrici della Tesla debba sindacalizzarsi. Poi ha detto di essere un “anarchico utopistico”, ispirandosi ai personaggi futuristici del ciclo della Cultura di Iain M. Banks.

Questa visione, però, sembra ignorare il fatto che, in un saggio del 1994 dal titolo "Alcune note sulla Cultura" Banks stesso avesse espresso la personale convinzione che un'economia pianificata può essere più produttiva—e più desiderabile a livello morale —di una lasciata alle “forze del mercato." Una visione socialista che non è propriamente assimilabile alle ultime dichiarazioni di Musk.

Ma ancora una volta, quest’ultimo ha sempre preferito ignorare il presente e la realtà della situazione politica delle persone comuni in favore di un futuro fantastico che sta tutto nella sua testa.

Pubblicità

"La guerra in Iraq, le elezioni presidenziali e la crisi dominano i titoli di giornale, ma negli annali della storia non saranno che delle note a piè di pagina," ha scritto nel 2008 su Esquire. Forse la guerra al terrore e la crisi del 2008 erano soltanto dei blip sul suo radar, ma hanno coinvolto milioni di persone e i loro effetti si faranno sentire per generazioni.

Nel’orbita distorta di Musk ci sono però alcune distorsioni della realtà un po' meno ovvie. Il 26 maggio, ed esempio, ha twittato che "il governo di Singapore non supporta i veicoli elettrici." Sebbene Tesla abbia avuto dei problemi a portare le sue lussuose auto elettriche a Singapore, ma la questione è un po' più sfumata. Il governo di Singapore, infatti, ha stanziato incentivi per incoraggiare l'acquisto di auto elettriche, e un'azienda di nome BlueSG offre un servizio di car sharing in collaborazione con il governo che mira ad avere, entro il 2020, 1000 veicoli e 2000 punti di ricarica.

Pubblicità

Un altro esempio: quando Musk ha tentato di comprare il dominio Pravda.com per permettere ai lettori di valutare i giornalisti e gli editor sulla veridicità del loro operato, sembrava totalmente incurante del fatto che il dominio fosse già di Ukrayinska Pravda, un sito di news ucraino. Il co-fondatore del sito, Georgiy Gongadze, era un giornalista dissidente prima di essere rapito e ucciso nel 2000; un ex poliziotto ucraino, Olexey Pukach, era stato condannato all'ergastolo per il suo omicidio nel 2013. Un altro giornalista suo collega, Pavel Sheremet, è stato ucciso da una bomba piazzata nella sua macchina nel 2016. Sheremet aveva ricevuto il Press Freedom Award dal Comitato per la protezione dei giornalisti (Cpj) nel 1998.

Scorrendo il feed di Twitter di Elon Musk, si ha accesso a una realtà che lui stesso forgia minuto per minuto. Questa distorsione è il suo potere, ciò che lo rende l'Iron Man agli occhi dell’opinione pubblica. Ha già utilizzato questo superpotere in passato, anche se per fini meno polemici. Musk ha aumentato la sua popolarità grazie a una serie di visioni utopiche—dalla colonizzazione di Marte (con i propri razzi) alla soluzione dei problemi di traffico. Queste visioni sono molto ambiziose, ma lui è convinto di potercela fare.

Pubblicità

L'origine di questo superpotere non ha niente a che fare con l'esposizione alle radiazioni o con l'essere caduto dentro una misteriosa sostanza chimica. Semplicemente, Elon Musk può creare la sua realtà (anche se esclude il resto del mondo) perché ha un sacco di soldi. Molti di noi sono costretti a subire una serie di decisioni prese dalle istituzioni senza poterci fare nulla; Musk, al contrario, è in grado di smuovere le acque e prendersi tutto quello che vuole.

Mentre sembra che le persone normali facciano fatica a pagare l'affitto—e non riescono a pensare alla colonizzazione di Marte o alla possibilità di comprare un'auto elettrica—Musk costruisce missili e auto elettriche e le manda nello spazio.

Musk ha usato questo potere per vendere la visione di un'umanità intergalattica, che ora sta utilizzando per aumentare il suo business. E nel regno della filosofia politica, questo è il potere più efficace—ciò che lo rende un supereroe americano a tutti gli effetti.

Ma perché usare questo immenso potere per gettare discredito sui media e parlare di socialismo? Non serve ricordare che il suo attacco nei confronti dei media abbia preso piede quando una testata ha riportato le condizioni dei lavoratori nella fabbrica di Tesla a Fremont, in California. La sua fabbrica è anche nel bel mezzo di una protesta sindacale (anche se lui insiste nel dire che i suoi lavoratori non si vogliono sindacalizzare) e sta affrontando molte critiche da parte dei sindacati per le sue politiche aziendali.

Pubblicità

Secondo Florian Zollman, un professore associato di giornalismo alla Newcastle University e autore di Media, Propaganda and the Politics of Intervention, l'industria americana ha una lunga storia di critica nei confronti dei media.

"In passato, ovviamente prima dell'era digitale, avrebbe scritto una lettera alla testata di riferimento per lamentarsi, o avrebbe fatto telefonare qualcuno di importante—un politico, un importante industriale—per dare un feedback negativo," mi ha detto Zollman al telefono. "L'atteggiamento di oggi, anche se è difficile dimostrarlo, sembrerebbe un modo per mettere pressione sui media."

Per molti, le pretese di innovazione di Musk e il suo atteggiamento anti-media continuano lo storico atteggiamento dell'industria americana quando i suoi interessi sono minacciati. Per esempio, nel bel mezzo della crisi del petrolio del 1970—quando l'economia americana era sofferente, e le compagnie petrolifere stavano facendo grossi profitti—il pubblico, i media e i politici stavano tutti diventando sempre più critici nei confronti degli interessi dei privati.

Mobil Oil, in particolare, pensava che la narrazione dei media fosse falsata. Di tutta risposta, ha lanciato una campagna "pensata per costruire un'immagine positiva e autorevole dell'azienda isolandola dalle critiche," secondo un paper del 2010 pubblicato su American Journalism da Vanessa Murphree e James Aucoin. La campagna consisteva nel prendere spazi pubblicitari e riempirli con editoriali anti-media che spesso prendevano in esame articoli specifici. Il focus era concentrato “sull’incapacità dei media di coprire in maniera consona la crisi energetica e l'industria petrolifera, almeno dal punto di vista di Mobil," sostengono Murphree and Aucoin.

Pubblicità

Suona familiare, vero? Eppure ci sono grosse differenze tra Musk e Mobil Oil negli anni Settanta—no, non solo il fatto che Musk odia le compagnie petrolifere—e la più importante è che l'opinione pubblica è dalla sua parte. Le persone lo ascoltano quando dice che potrebbe portare l'umanità su Marte grazie al potere del mercato, e lo stanno ad ascoltare quando dice che il socialismo è roba da ricchi e che i sindacati fanno schifo.

Non a caso, l’adorazione per Musk è spesso descritta come una specie di culto. Anche se Tesla sta licenziando migliaia di lavoratori, alcuni di loro hanno twittato per dire che credono ancora nella Tesla e in Musk.

"Gli amministratori delegati hanno sempre tratto vantaggio del loro accesso ai media e al pubblico per svalutare gli sforzi organizzativi dei lavoratori con messaggi anti-sindacato; Musk in questo non è diverso," mi ha scritto in una mail Enda Brophy, professore associato di comunicazione alla Simon Fraser University. "Quello che è cambiato è che certe sparate ormai vengono condivise all'istante con milioni di follower."

Pubblicità

I fanatici di Musk sono una vera e propria piaga. Alcuni di loro trollano e molestano chiunque cerchi di criticarlo—in primo luogo le donne. Un ricercatore con cui ho parlato per scrivere questo pezzo mi ha chiesto espressamente di non essere citato, proprio per non incorrere in questo genere di vendette.

Elon Musk, ovviamente, ha ragione a sottolineare che i pubblicitari esercitano una certa pressione sui media—anche se il fatto che qualcuno abbia favorito una copertura negativa di Tesla è piuttosto dubbio. Inoltre, puntualizza Zollman, non tutte le critiche dei media sono uguali. Come mostra l'esempio di Mobil Oil nel 1970, l'industria è contenta di usare "l'affidabilità dei media" quando coincide con i loro interessi.

"Il mio consiglio per il pubblico è di avere un atteggiamento critico nei confronti delle dichiarazioni pubbliche—e usare la stessa critica che si ha per i media anche per le persone," mi ha detto Zollman. "Se qualcuno è critico a proposito dei mezzi di comunicazione, bisogna considerare il suo backgroud: si tratta di qualcuno che ha degli interessi in ballo, o di qualcuno che promuove il pubblico interesse?"

Quando si parla di Elon Musk c'è poco da aggiungere—ha una grande visibilità, tanti soldi e praticamente tutto quello che un comune mortale non potrà mai permettersi. Questo è il suo super potere, ma anche noi ne abbiamo uno.

Camminiamo con i piedi ben piantati in terra e sentiamo i sassolini scricchiolare sotto le scarpe; sappiamo esattamente dove sono le buche lungo il tragitto casa-lavoro che percorriamo tutti i giorni. Lo sappiamo tutti troppo bene, ma Elon Musk non lo sa. Ed è questa la sua criptonite.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.