Stuff

Le confessioni di chi si masturba al lavoro

C'è chi lo fa per far passare il tempo e chi trova eccitante stare in una stanza piena di uomini o infrangere un tabù. Abbiamo chiesto ad alcuni uomini e donne quando e perché si masturbano sul loro posto di lavoro.
18 gennaio 2016, 3:32pm

Immagine dell'utente Flickr

simpleinsomnia.

In questo preciso istante a New York c'è una cabina dove ci si può masturbare in pubblico. Si chiama GuyFi ed è fatta da una tendina per nascondersi, da un seggiolino e da un computer. È una trovata pubblicitaria di un'azienda di sex toy, e non ha niente di strano come trovata pubblicitaria in sé. Ma ad affascinarmi è stato il fatto che per pubblicizzarla i responsabili hanno dichiarato che il 40 percento degli uomini di New York si masturba al lavoro.

La percentuale mi ha scioccato. Fino a quel momento—e so che rischio di passare per puritano—l'ufficio non mi ha mai affascinato come posto dove masturbarmi.

Perciò, da bravo giornalista ho chiesto agli internauti di farsi avanti e raccontarmi le loro storie di autoerotismo in orario d'ufficio. La verità è che non mi aspettavo risposta, e invece 30 o 40 persone si sono offerte volontarie per raccontarmi come hanno aggiunto qualche macchia sul muro del bagno dell'ufficio.

A quanto pare la maggior parte di quelli che si masturbano al lavoro non la considera una cosa strana. Una donna mi ha detto di aver trovato una giustificazione alle sue abitudini nella parte di The Wolf of Wall Street in cui il personaggio interpretato da Matthew McCoughnahey dichiara di masturbarsi ogni giorno dopo pranzo.

"Lo faccio sempre," mi ha detto Josh, un impiegato di vent'anni. "Mi serve per rilassarmi e alleviare lo stress a metà giornata lavorativa, quando ce n'è bisogno."

Altri hanno fatto eco alle parole di Josh. Un ragazzo che chiameremo Brad mi ha detto che "ai tempi in cui lavoravo in uno studio legale cercavo qualsiasi motivo per prendere 15 minuti di pausa dalle archiviazioni. Masturbarsi è davvero un buon modo di passare 15 minuti, a volte era il momento migliore della mia giornata."

"Charles" mi ha detto che si masturba nel bagno del lavoro per alleviare la noia. "Finisco [il mio lavoro] molto prima di quello che i miei capi hanno preventivato e mentre aspetto che mi diano altri compiti mi masturbo. È la mia pausa sigaretta, ecco."

I motivi per cui ci si masturba sul posto di lavoro vanno dall'utilitaristico—un rimedio per l'hangover e lo stress—all'erotico, per quelli che affermano di essere eccitati all'idea di infrangere un tabù. Per un ragazzo che chiameremo Edward erano vere entrambe le cose. "Penso di essere più produttivo dopo un orgasmo, o perlomeno più concentrato," mi ha detto, aggiungendo che "in realtà lo trovo anche eccitante, ma forse perché ho sempre reputato eccitanti le stanze piene di uomini. Anche la paura di essere beccati ha un suo perché."

Peter, che si masturbava mentre lavorava in un negozio di prodotti per la cura del corpo, la mette giù come se la paura di farti beccare ti trasformasse in Bear Grylls. "Quando lo stai facendo, i tuoi sensi sono come affinati. Hai un udito perfetto, lo senti quando la porta comincia ad aprirsi. Vedi come un falco. I tuoi meccanismi di difesa migliorano con l'eccitazione."

Molti mi hanno detto che bisognerebbe smettere di considerare sbagliata tale attività sul posto di lavoro. "Non penso che masturbarsi sia meglio o peggio di cagare," mi ha detto un ragazzo che chiameremo Tony, che quando frequentava il liceo lavorava part-time e si masturbava sul posto di lavoro. "Anzi è meglio, perché non puzza." Tony mi ha detto che si è masturbato mentre segnava i punti a una partita di softball della scuola, mentre lavorava alla sorveglianza di una pista da pattinaggio su ghiaccio, e durante un turno da Taco Bell.

"Sono sicuro che molti adolescenti si masturbano al lavoro," mi ha detto "John". "E ne sono certo perché io lo facevo." John lavorava come tuttofare a uno yatch club, e si dedicava "tre-cinque minuti di masturbazione premeditata" mentre prendeva gli asciugamani dal magazzino. "Non stavo mica sabotando il pasto di qualcuno," mi ha detto, "ma ripensandoci, non credo che mi lavassi le mani dopo."

Comunque, una donna che chiameremo Jenny—che si masturbava in ufficio come "atto di ribellione"—consiglia a quelli che lo fanno per resistere in un posto che odiano o alleviare la noia di pensarci due volte. "Non per ragioni morali," ha chiarito, "ma perché la masturbazione non dovrebbe essere una cosa che si fa in tutta fretta in un posto che si odia."

Timothy Faust, collaboratore di VICE e organizzatore di eventi sportivi di Austin, in Texas, mi ha scritto via mail che masturbarsi sul lavoro potrebbe "connotare sessualmente uno spazio condiviso, in un modo che potrebbe non essere apprezzato dagli altri." Ha spiegato che "gingillandosi sul luogo di lavoro si infrange un tacito patto: che il bagno ti serve come spazio personale per gestire l'ansia e i dolori e scaricarti un po'. Nell'era degli uffici open space, il bagno è l'unico luogo veramente privato. È uno spazio di vitale importanza."

Forse la masturbazione sul lavoro dovrebbe essere considerata meno un tabù e più un'attività positiva a cui dedicarsi ogni tanto. "Non so se l'ho sentita alla tv o se sto parafrasando quello che ha detto Jack Bauer nell'ultima stagione di 24 in risposta all'idea che l'intelligence dovrebbe poter usare la tortura se necessaria per difendere il paese," mi ha detto un ragazzo che chiameremo Mark. "Ma ho intenzione di fare tutto il necessario per sopravvivere a una giornata di lavoro—anche se ciò non significa che non sia una cosa tremenda."

Segui Drew su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: