Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Di segni e di sogni

Shine on

Macchina distrutta, denti distrutti, sogno distrutto.

di Ciro Fanelli
26 aprile 2013, 8:27am

Qualche giorno fa è stato il mio compleanno, e sono venuti una serie di amici da varie parti d'Italia qui in Belgio per festeggiare con un sobrissimo barbecue accompagnato da ottime birre belghe.
33 anni a tavola in 13…

Ho preso la patente a trent'anni; ho comprato una polo e l'ho lasciata parcheggiata davanti casa. Non so guidare, o meglio: lo so fare ma non amo gli altri guidatori e andrei bene soltanto in pista, da solo, magari di notte; la macchina l'ho regalata a mia cognata prima di partire.
A volte sogno di guidare e di sbattere sulle auto parcheggiate perché non riesco a pigiare il freno, o contro la gente, senza grandi danni se non alla carrozzeria.
Stavolta invece ho sognato di demolire la macchina, buttarmi giù i denti sul volante e di vederne uno andarsene in compagnia di un diamante (o meglio, una diamantessa ).
Una serie di simboli semplici per il più semplice degli analisti: la macchina è una forma d'autonomia, i denti pure, il diamante non ne ho idea, la fregna magari sì. Ma il mio analista non è un tipo semplice: dice che si tratta di aggressività.