Fatevi venire voglia di dormire sul pavimento con "Sottovuoto" dei Gomma

È il secondo inedito della band di Caserta e oggi vi facciamo vedere in anteprima il suo video ufficiale, tutto girato col cellulare.

|
11 ottobre 2016, 8:55am

I Gomma sono la nuova scommessa di V4V Records, che è la zattera di salvezza del DIY abruzzese. Solo, non vengono da Ascoli o da Chieti o da Vasto o da Pettorano sul Gizio━ma da Caserta, in Campania. Per ora hanno fuori solo due pezzi, "Aprile" e una cover scalcagnata di "Limonata" di zio Calcutta. Oggi ve ne facciamo sentire un terzo, che si chiama "Sottovuoto" e ha un video ufficiale di quelli tutti sgranati che chiunque abbia un cellulare e/o una band in cui suonare e/o un tour in cui andare, prima o poi, gira. Perché è bello farli e bello vederli, dato che novanta su cento molti di voi non vivranno mai tra i sedili di un furgone e un pavimento per due settimane di fila

Potete guardare il video di "Sottovuoto", che è un pezzo corto corto e forte forte, qua sotto. Dopo l'embed potete leggere due cose che ci ha detto Giovanni, il loro chitarrista.

Noisey: Sotto al video c'è scritto "Vengono dalla provincia di Caserta, quella da cui sarebbe meglio fuggire". Ma davvero sentite questa cosa della provincia-da-cui-fuggire? Io ho l'impressione che sia diventato un po' un topos di qualsiasi musica alternativa italiana negli ultimi anni, perdendo potenza di significato. Che ne pensate?
Giovanni: 
La provincia, nell'immaginario indipendente italiano è la rappresentazione di un mondo che, almeno dal punto di vista estetico, si desidera raccontare. Il problema è quanti possano raccontarlo fedelmente e con sincerità. La verità è che la provincia di Caserta, insieme a poche altre, fa eccezione a prescindere. La storia politica della nostra provincia si distacca da tutto ciò sia minimamente immaginabile in qualsiasi altro scenario italiano. Non c'è nessun altro posto in Italia in cui un trentottenne si sveglia una mattina di settembre e decide di entrare in una sartoria per uccidere persone a caso (vedi la strage di Castel Volturno). Siamo una delle poche province dove il terrorismo è vissuto come una cosa normale. Noi non raccontiamo esplicitamente queste realtà ma le viviamo ogni giorno. "Sarebbe fantastico scappare da Caserta a gambe levate, andare a quel paese dall'altra parte del mondo dove il cielo non finisce mai".

Come siete arrivati a fare questa-musica-qua, a livello sonoro?
G: 
Ciascuno di noi ha cominciato ad ascoltare queste cose in periodi differenti e con intenzioni differenti. Ascoltando i concerti punk/HC della scena napoletana (siamo a due passi) cominci a risalire fino a gruppi che hanno fatto la storia del genere in Italia (i Negazione, i Nerorgasmo, i Ruggine). Poi ci sono quei gruppi che,una volta ascoltati dal vivo, non puoi fare a meno di seguire, tanto che sei rimasto sconvolto, uno su tutti, gli Storm{o}. In ogni caso mentiremmo se non dicessimo che quando siamo insieme ascoltiamo tutt'altra roba. Alla fine suoniamo solo quello che avremmo voglia di ascoltare (non troppo a lungo però, sai che tristezza, poi).

"Sottovuoto" ha una storia particolare?
G: 
No. È la descrizione di una sensazione comune: scivolare via dalle cose, cercare di dormire per rassegnazione e non riuscirci

Prima di fare i Gomma che facevate? Come vi siete conosciuti?
G:
Io e Matteo suonavano già insieme da un po'. Paolo e Matteo sono fratelli. Quando ci siamo conosciuti siamo diventati un gruppo di amici prima che una band. Abbiamo iniziato suonando cose che col punk e l'HC c'entrano davvero poco: i Foals, gli Alt-J; abbiamo sempre pensato che gruppi del genere stiano spostando la musica internazionale verso un'altra direzione. Poi Ilaria si è arrabbiata.

Spiegateci come vi sentite in questo periodo con un'immagine.

Grazie, ragazzi.

L'album d'esordio dei Gomma uscirà tra qualche mese per V4V Records.
Elia è da Roma a Napoli a Caserta su ogni piazza. Seguilo su Twitter.

Segui Noisey su Facebook e Twitter.