FYI.

This story is over 5 years old.

La nuova generazione di preservativi sarà fatta di grafene

Così almeno gli uomini non avranno più alcuna scusa per non utilizzarli.
6.1.14
Noiosi preservativi non in grafene. Foto: Flickr/Writing on the Mall

Lo chiamano the wonder material, il materiale delle meraviglie. È super sottile, super resistente, super conduttore. È uno strato monoatomico di atomi di carbonio. Se non lo avete ancora capito, stiamo parlando del grafene. Sin dal giorno in cui è stato isolato per la prima volta, il mondo intero si chiede quali straordinarie innovazioni tecnologiche porterà il materiale del futuro. Oggi, finalmente, abbiamo una risposta: preservativi di nuova generazione.

Ok, di sicuro avete sentito parlare delle potenziali applicazioni del grafene in settori tipo dispositivi di archiviazione dati, sensori chimici o velocissimi micro transistor. Vi abbiamo anche fatto vedere un pianoforte in grafene. Ma parliamoci chiaro, questo tipo di invenzioni non interessano la vita quotidiana delle persone. Almeno, non come un nuovo tipo di profilattico potenziato. “Se questo progetto avrà successo, il grafene toccherà la nostra quotidianità in modo molto più intimo—letteralmente," sostiene Aravind Vijayaraghavan, responsabile del progetto all’Università di Manchester.

Pubblicità

Il preservativo in grafene è stato uno degli undici progetti che hanno ricevuto un finanziamento di 100.000 dollari dalla Fondazione Bill e Melinda Gates, come parte del programma di sovvenzioni Grand Challenges Explorations. L’obiettivo era quello di presentare idee per "migliorare la diffusione e l'uso regolare dei contraccettivi, per uomo o per donna, tramite lo sviluppo di profilattici in grado di preservare il piacere aumentando anche la comodità d’uso."

In sostanza, il compito era quello di creare un profilattico che la gente abbia voglia di usare. Basta con le solite scuse tipo “così non è la stessa cosa,” “tanto si rompe,” o “non voglio rovinare questo momento magico.” Per usare le parole della fondazione:

Dal punto di vista maschile, lo svantaggio principale dell’uso del condom è la diminuzione del piacere dell’atto sessuale, e questo richiede un compromesso che molti uomini trovano inaccettabile. È possibile sviluppare un prodotto che non abbia questo problema, o ancora meglio, che venga percepito come qualcosa in grado di aumentare il piacere?

Il preservativo proposto dal gruppo di Vijayraghavan è realizzato con un composto di grafene e di un polimero elastico (tipo il lattice, di cui sono fatti la maggior parte dei profilattici). Questi esperti di nano materiali sostengono che l’aggiunta del grafene al condom lo renderà “più sottile, più forte, più elastico, più sicuro, e soprattutto più piacevole da usare.”

La sottigliezza del grafene—praticamente è in 2D—potrebbe contribuire a dare una sensazione più naturale al tatto, e la sua super resistenza sarebbe in grado di prevenire ogni rottura indesiderata. Non è ancora chiaro come le sue qualità di super conduttore potrebbero entrare in gioco, ma in questi casi non si sa mai. Tra i progetti che hanno ricevuto il finanziamento, alcuni proponevano altri materiali innovativi come la plastica di polietilene e il poliuretano. Ma i più sexy erano di certo quelli in tendine di mucca.

Altri offrivano nuove idee circa l'applicazione e l'uso. Il preservativo dell’Università dell’Oregon può aderire perfettamente al pene grazie al calore, mentre il California Family Health Council ha proposto una sorta di condom “avvolgente” che “si aggrappa alle superfici piuttosto che stringerle.”

Be’ gente, a casa mia qualcosa che promuove il sesso sicuro e la buona scienza fa un milione di punti e si porta a casa la partita.