La strana bellezza dei salotti rumeni

FYI.

This story is over 5 years old.

La strana bellezza dei salotti rumeni

L’artista rumeno Claudiu Cobilanschi ha creato un archivio fotografico di raffinatissimi salotti rumeni, perché non c'è niente di meglio di porcellane, arazzi in acrilico e icone religiose per evocare l'idea di chic post-sovietico.
30 aprile 2014, 7:51am

Nel corso dell'ultimo anno, l’artista rumeno Claudiu Cobilanschi ha messo insieme un gran numero di foto di raffinati salotti rumeni e di ciò che li rende così speciali. Ora questa selezione è visitabile online, ed essendo io cresciuto circondato da statue in plastica di Buddha e finte sculture africane di legno mi sono messo in contatto con Claudiu per fare quattro chiacchiere.

VICE: Come nasce questo progetto?
Claudiu Cobilanschi: I salotti mi affascinano. Nelle case degli amici passerei ore a fissare le decorazioni, le tovaglie ricamate e i vari cimeli. A casa sotto il televisore avevamo un mobiletto in cui mia madre riponeva religiosamente il servizio buono dei bicchieri e la sua collezione di statuette in ceramica: un coniglio, alcuni cani, un cestino vuoto. Lavoro a questa idea da più di un anno, ma ha preso la forma di un museo online solo nell'ultimo periodo.

Ho saputo che volevi anche organizzare dei tour guidati ai salotti. Come lo avresti fatto?
Sarebbe stato il tour più figo di Bucarest. Ma la gente era nervosa, l’ossessione della proprietà privata continuava a tormentarli e la paura che degli sconosciuti potessero entrargli in casa si è trasformata in paranoia. Sarebbero stati dei tour bizzarri—prima un giro della casa e poi un caffè con l’ospite, il tutto mentre ti rifai gli occhi sull’universo proibito dei rumeni.

**Perché pensi che ci sia bisogno di questo progetto? **

Sospetto che i miei compatrioti manchino di senso dell'umorismo, anche se tutti dicono sempre che ci piace scherzare. Penso sia utile provare a riportare alla mente dei ricordi perduti, pensare di nuovo al modo in cui siamo cresciuti.

Quante foto hai scelto e quali sono stati i criteri in base a cui le hai selezionate?

Al momento la pagina contiene circa 70 fotografie. Ma la mia collezione è in continua crescita e sto ricevendo contributi anche da parte dei visitatori del "museo". A parte questo non saprei darti molte informazioni sugli spazi, perché l'idea del progetto mi è venuta molto tempo dopo aver scattato le foto. Per ora sto ripensando i miei criteri di selezione, il che significa che sono aperto a punti di vista differenti.

_Il dittatore rumeno Nicolae Ceaușescu visita un salotto, in una foto che Claudiu ha ricevuto da un fan. _

C'è un salotto che ti ha impressionato particolarmente?

Quando avevo l'età in cui i bambini di solito leggono Jules Verne un mio amico di Bucarest mi ha invitato a casa sua. Aveva un'enorme collezione di cactus in salotto e sul balcone. Se ne prendeva cura, e faceva diorami di sabbia in cui collocarli. Aveva persino costruito uno speciale sistema di illuminazione. Il salotto di Florin mi ha affascinato moltissimo perché, paragonato a quello della casa in cui sono cresciuto, era un altro mondo.

Hai incontrato personaggi strani mentre scattavi le fotografie?

Siamo tutti strani in un modo o nell'altro. Un pensionato aveva trasformato il suo salotto in un laboratorio di elettronica—c'erano lampade e candele ovunque. Ma tra le persone che abitano in appartamento sono pochi quelli che possiedono un garage, perciò è per necessità che usano la stanza più grande per le riparazioni.

Ho sentito che intendi pubblicare un libro sui salotti rumeni.
Non sarebbe il mio primo libro come artista, potrei pubblicarlo anche domani. Spero di riuscire a far riflettere un po' sul modo in cui guardiamo quella capsula del tempo che chiamiamo salotto.