Attrazione fatale: Instagram ci ha avvicinato troppo ai nostri idoli?

Attrazione fatale: Instagram ci ha avvicinato troppo ai nostri idoli?

Le popstar stanno cominciando a chiudere i profili e a vietare i commenti—se non riusciamo a controllare il nostro fanatismo, forse è il caso di rinunciare ai nostri privilegi.
13.10.16

Tutte le immagini sono di Ashley Goodall.

L'altro giorno su Instagram ho visto una foto piuttosto strana, postata da una fan adolescente di un gruppo punk americano. Era una rivista aperta su un articolo di due pagine sulla suddetta band a fianco di un grosso dildo rosa, con la didascalia "guarda che cosa mi è arrivato oggi per posta". I commenti erano di un tenore tipo "ottima combo". Essendo il 2016, l'utente ha taggato ogni membro della band nella foto, compreso l'account ufficiale—uno dei membri ha pure messo like, per cui si può presumere che l'abbiano vista tutti.

Pubblicità

Sulle prime ho riso, perché era divertente, poi però sono stata sopraffatta dall'imbarazzo e dal disagio. Ho pensato: cazzo, che tipo di fan sarei stata io da adolescente se avessi avuto la possibilità di fare una cosa del genere con il mio gruppo preferito? Quali follie avrei potuto dire e fare se avessi avuto la possibilità di commentare la loro vita di tutti i giorni su Internet, se avessi potuto taggarli nei miei post? Che tipo di messaggi privati avrei mandato? Non avevo un dildo a quei tempi; ne avrei ordinato uno per fare una battuta simile? Probabilmente sì.

Sono sempre stata un po' ossessiva. Da bambina ero totalmente fissata con l'entrare in contatto con le mie celebrità preferite. Una volta ho scritto una lettera a Taylor Hanson, indirizzata soltanto a "Tulsa, Oklahoma". Recitava ​Dici sempre "I Will Come to You" ma non lo fai mai! Sei un bugiardo e ti odio. ​Non era l'unica frase, ma è l'unica che ricordo. Per fortuna—se conosco le poste come credo—la lettera non è mai arrivata. Ma se invece per intervento divino fosse stata consegnata, scusami Taylor. Non te lo meritavi. ​

L'isteria dei fan non è un fenomeno recente—esiste da decenni. Non c'era nulla di figo o di discreto nella fan che lasciò una bambina appena nata davanti alla porta di casa di Dolly Parton nel 1973, con una targhetta che diceva "Jolene". Non fu "tranquillo" quando gli Hanson si esibirono in un intimo concerto acustico in un centro commerciale alla periferia di Melbourne nel 1997 e furono accolti da 20 mila fan. Decine di spettatori furono calpestati e finirono all'ospedale.

Pubblicità

Nei primi anni Duemila, ma da sempre in realtà, se adoravi una band o una celebrità, era praticamente impossibile che queste persone fossero al corrente della tua esistenza. Quel vuoto che sentivi alla bocca dello stomaco da fan che ammirava una rockstar—quella sensazione per cui se non l'avessi incontrata e non gliene avessi parlato saresti letteralmente ​morta​—non poteva essere riempito. Rimaneva lì, dentro di te, finché non avessi visto la suddetta rockstar dal vivo, lasciato passare tre giorni e poi, finalmente, crescessi e diventassi un po' più adulta. Questo a meno che non fossi tra i giovanissimi che chiamavano incessantemente le radio per vincere un meet-and-greet, o che saltavano la scuola per appostarsi davanti agli hotel urlando come pazzi a ogni auto con i finestrini oscurati che girava l'angolo. ​

Tutto questo è finito con Internet. Quando il web è entrato in ogni casa, i fan hanno trasportato le loro ossessioni online. Message board, chat e blog ci hanno dato un nuovo spazio per esprimere quanto questa gente sia importante per noi—una mia amica e io una volta creammo un sito dedicato agli Strokes che ci costò tre settimane di lavoro con l'aiuto di suo zio. All'improvviso puoi interagire con gli altri fan in tutto il mondo, cosa che una volta succedeva soltanto quando passavi 24 ore in coda davanti a un botteghino. E la fan fiction non è più soltanto un modo per esprimere le tue fantasie più recondite; è anche un modo per scoprire le fantasie degli altri, quelle che a te non sono ancora venute in mente.

Pubblicità

Nel 2003 avevo 14 anni e il mio gruppo preferito erano i Good Charlotte. Quando lessi su una message board che Joel Madden usava il servizio di messaggistica istantanea AIM e a volte chattava con i fan, lo scaricai in versione pirata da Limewire. Mi connettevo quando non ero a scuola. Facevo in modo di esserci all'ora giusta, quando nel Maryland era tardo pomeriggio, sperando di imbattermi in lui e comunicargli i miei sentimenti, e tutto ciò che la sua musica aveva fatto per me. Ma non lo incontrai mai. Strano.

Da allora è passato più di un decennio e sono successe molte cose. Shia LaBeouf ha inventato l'arte, Young Thug ha inventato la musica e un gruppetto di giovani geni che condividevano una casa nella Silicon Valley ha inventato i social network.

Da quel momento, app come Instagram hanno aperto un canale di comunicazione diretto tra noi e i nostri eroi. Seguiamo i loro spostamenti come fossero nostri amici. Mandiamo loro messaggi e li tagghiamo e ci riferiamo direttamente a loro, nonostante loro non abbiano la più pallida idea di chi cazzo siamo. E trattandosi spesso di quattordicenni, il cui amore per una band o una popstar è la cosa più importante del mondo, su Internet ci finisce un sacco di roba molto strana.

Non è che i giovani del 2016 siano i primi a essere completamente pazzi, ma, per dio, ​lo dimostrano un sacco​. Una veloce scorsa ai commenti sull'Instagram di una popstar a caso—Harry Styles per esempio—dà un'idea piuttosto chiara di quello che una fan è in grado di fare se ha l'opportunità di entrare in contatto. "Scopami", "Amo questa foto più di quanto amo mia madre"​ e "per favore potresti parlare con noi anche solo PER UN MINUTO O DUE OMG!!!" sono le reazioni più comuni a una foto delle sue gambe.

Per quanto leggermente Donna Bianca Single, non c'è nulla di rivoltante nella maggioranza dei commenti. Si tratta di delirio adolescenziale standard. Quelli impressionanti sono i commentatori che esprimono sentimenti di profonda solitudine—alcuni minacciano il suicidio—e quelli che scrivono cose incredibilmente crudeli.

Pubblicità

In agosto, quando Justin Bieber usciva con la figlia di Lionel Richie, Sophia, i suoi fan hanno espresso il loro disappunto sul suo Instagram. E con questo intendo che reclamavano il suicidio di Sophia. Bieber, comprensibilmente, ha comunicato ai suoi fan che avrebbe reso l'account privato se non avessero smesso con l'atteggiamento da bulli. E, visto che la gente è la gente, i 77 milioni di follower di Bieber hanno perso questo privilegio, e ora nessuno a parte gli amici stretti di Biebs può mettersi a sbirciare il suo Instagram per ingannare il tempo. Sfortunatamente.

Dopo che ​Lemonade​ di​ Beyonce ha dato più o meno conferma ufficiale dell'infedeltà di Jay Z, il Beyhive ha preteso il sangue. Quando la designer Rachel Roy—sospettata numero uno del Caso Becky—ha postato una foto su Instagram con la didascalia "Good hair, don't care", l'hive ci ha dato dentro con tale violenza che anche Roy è stata costretta a chiudere il profilo al pubblico. All'innocente chef Rachel Ray è andata anche peggio, visto che i suoi profili Instagram e Twitter si sono riempiti di emoticon a forma di ape e orribili minacce, per uno spaventoso caso di quasi-omonimia.

Se i commenti a un post sembrano invadenti e inopportuni, però, provate a immaginare i messaggi privati. Certo, vengono filtrati tra chi seguiamo e chi non seguiamo, ma non devi accettare un messaggio per vederlo. E se sei un umano dotato di senso della curiosità, ogni tanto controllerai le richieste di messaggi. Potresti ricevere un "ascolta il mio mixtape", o "per favore mandami un saluto è il mio compleanno". Potrebbe trattarsi di un'esplicita avance sessuale. È roba di tutti i giorni ormai.

Pubblicità

Come ti sentiresti? Sarebbe soffocante essere cercati e contattati in continuazione da gente che non hai mai visto? Milioni alla volta?

Forse Instagram ci ha avvicinati troppo ai nostri idoli. Sembrava un avanzamento tecnologico veramente geniale: una finestra sulle loro vite intima, ma non troppo. Ora comincia a sembrare un grosso errore.

Forse avremmo dovuto aspettarcelo. Non siamo mai stati bravi a rispettare la privacy delle celebrità. Quasi dieci anni fa abbiamo costretto Britney a ritirarsi dalle scene a causa del nostro bisogno disperato di possederla. Oggigiorno siamo ancora più invadenti: ognuno di noi è un paparazzo, un giornalista e un fan. Ogni foto di persone famose circondate dai fan mostra più schermi che mani alla ricerca di un contatto, e ognuna di quelle foto finisce online da qualche parte, spesso su Instagram, spesso con il soggetto taggato.

Abbiamo reso le popstar meno umane che mai costringendole a esistere costantemente nelle nostre mani—perché siamo dei pazzi del cazzo. Snapchat, Instagram, Twitter. Anche quando ce le troviamo di fronte e abbiamo l'opportunità di vederle come si deve, non facciamo altro che filmarle e fotografarle con lo scopo di postare.

Instagram ha recentemente introdotto l'opzione di disabilitare i commenti, perché abbiamo dimostrato di non riuscire a fermarci da soli. I fan non sceglieranno mai di lasciare in pace i propri idoli, per cui siamo costretti a creare queste divisioni online. Per la loro sicurezza.

Quando a Matty Healy, frontman della band pop The 1975, è stata rivolta una domanda riguardo la sua fama improvvisa in un'intervista dello scorso anno, ha detto: "Quando vieni davvero, davvero reificato e non hai mai un momento libero solo per te, e quando vai in tour per due anni e mezzo… Ogni momento che passi da sveglio ti viene ricordata la tua personalità pubblica… Mi sa che sono abbastanza fottuto".

Abbiamo portato il nostro bisogno di vicinanza alla fama così all'estremo che stiamo facendo ammalare i nostri idoli. Sono persone e noi stiamo influenzando negativamente la loro salute mentale. È terrificante, cazzo. Forse è il momento di rinunciare a qualche privilegio, prima che qualcuno si faccia male.

Segui Noisey su Facebook e Twitter.