Dentro la festa

FYI.

This story is over 5 years old.

NSFW

Dentro la festa

Il fotoreporter Steven Hirsch è stato in Nevada, l'unico Stato americano in cui la prostituzione è legale, per documentare la vita delle lavoratrici del sesso.
3.11.12

Le prostitute, benché grandi amanti del divertimento, trovano un po’ rozzo definire “fottere” ciò che fanno a porte chiuse. Preferiscono chiamarlo “fare festa”. In Nevada, dove la prostituzione è legale, ci sono un sacco di “feste”. I 28 bordelli legali dello Stato producono un giro d’affari intorno ai 50 milioni di dollari l’anno. Poco tempo fa il fotografo e giornalista Steven Hirsch ha passato una settimana in due di questi bordelli, fotografandone la vita di tutti i giorni e intervistando le signore che ci lavorano. Ne è venuto fuori uno sguardo alla vera vita della festa, raccontata, in parte, dalle ragazze stesse.

Jade

Sono una prostituta. Questo è il mio secondo giorno di lavoro. Ieri ho avuto il mio primo appuntamento. È stato stupendo. Prima vivevo all'adiaccio; tutto quello che voglio fare è rimettermi in piedi, trovare la mia stabilità e vivere in una vera casa. Mi piace incontrare persone nuove e adoro il sesso, per me questo è il posto migliore in cui stare. All’inizio ero tesissima perché non sapevo cosa fare.

Vorrei capire meglio tutta la questione del sesso tantrico. Sembra molto spirituale. È una tecnica che si usa durante il sesso, un modo per collegarsi alla persona spiritualmente, fisicamente e interiormente. Lo trovo molto eccitante. Quando qualcuno riesce a creare una connessione del genere con te, diventa tutto molto più intimo.

Ho imparato a mettere un preservativo con la bocca. È stato interessante. Sono dell’idea che tutto vada provato almeno una volta nella vita. Sono un’amante del brivido, credo che ognuno debba provare piacere.

Reighen

Sono una prostituta in regola. È una vita frenetica, e stressante. Faccio soldi col sesso. È più difficile di un lavoro normale. Devi imparare come parlare, come vestirti. Ci sono delle regole molto strette riguardo a quello che puoi o non puoi fare per attirare l’attenzione di un cliente. Puoi solo parlagli, ma non devi farti toccare finché non pagano.

Suonano il campanello un paio di volte, se c’è un cliente che vuole una ragazza. Ti metti in fila, ti presenti e dici il tuo nome. Non puoi dire nient’altro che il tuo nome. Se ti scelgono, esci dalla fila, gli fai fare un giro del locale e poi tratti sul prezzo in camera tua. Dopo di che, se vogliono fare festa—che è come noi chiamiamo il sesso, far festa—o qualunque altra cosa particolare devono pagare alla cassa. Poi torni in camera tua. Sul tuo letto c’è un lenzuolo pulito e loro hanno un asciugamano così possono farsi la doccia, ma tu devi controllare lo stesso che non abbiano niente di strano ai genitali, ferite o cose del genere. E qualunque cosa tu faccia, devi sempre mettere il preservativo.

Cerchiamo di essere sempre truccate e con i capelli in ordine. Abbiamo sempre i tacchi. Cerchi di renderti il più desiderabile possibile, ed è molto stressante perché l’unica cosa che vuoi è che ti scelgano, così guadagni. Ci sono dei tipi raccapriccianti, ma devi fare lo stesso il tuo lavoro. Li guardi in faccia e vedi il simbolo dei dollari. Non ci provo affatto gusto. Faccio solo il mio lavoro, guadagnare e tornare a casa. In effetti, fingo tantissimo.

Kira

Sono una prostituta in regola. È uno spasso; incontro ogni giorno nuove persone e mi diverto. Sessualmente, intendo. Fantasie, ruoli, fetish, cose del genere.

Ti racconto della mia ultima festa. Si è conclusa mezzora fa, era una cosa in stile scolaretta/professore. Mi sono vestita come una studentessa e lui era il professore, mi ha dominata. Mi diceva cosa fare, era lui che gestiva la situazione. Non è stato niente di forzato, ma assolutamente eccitante. Ho preso "A ++", ha detto. Sono la prima della classe.

Mi piacciono le cose a tre con un'altra ragazza. Sono bi. Vagine e peni sono cose completamente diverse, ma voglio avere a che fare con entrambe. Più è, meglio è.

Alexis Fire

Mi diverto, faccio di tutto. Sono una musa, una contorsionista, e il sesso è il mio lavoro. Faccio soprattutto sesso. Sono dipendente dal sesso. E quale posto migliore di questo per dar vita alle mie fantasie? So che la parola "dipendente" potrebbe rimandare a qualcosa di negativo. Ma sai una cosa? Sono quello che sono. E sono sempre stata piuttosto iperattiva. Mentalmente, sessualmente, fisicamente.

Certo, prostituta, dominatrice, escort, ogni vostra fantasia. Ho lavorato a lungo come spogliarellista. Sono aperta a tutto. Ho fatto un sacco di roba perversa nella mia vita.

Sophia

Sono un'accompagnatrice. Questo significa che conosco bene il mondo del sesso e so fare conversazione coi miei clienti riguardo ai loro interessi e desideri. So soddisfarli, non solo a un livello emotivo, ma anche mentale. Il nostro scopo è soddisfare le loro fantasie, qualunque esse siano. Non lo faccio da molto, ho appena iniziato. Ho capito che mi piace soddisfare le persone, sono sensuale e mi piace giocare a scoprire quali siano i bisogni e le fantasie degli uomini.

Ci sono clienti che mi chiedono semplicemente di star loro vicina. E mi piace, perché di solito gli uomini tendono a dominare. Ma possono assumere altri ruoli. Credo che i due anni trascorsi come studentessa di psichiatria mi abbiano aiutato.

Penso me la caverò e avrò successo. Faccio cose che non tutte le donne fanno. Ascolto. E sono molto emotiva. Sono premurosa. Mi sono avvicinata a questa professione perché volevo tornare a studiare. E fare la barista o la cameriera non mi avrebbe procurato abbastanza denaro per ricominciare a frequentare o aiutare la mia famiglia. La situazione economica non è delle migliori. E la gente ha bisogno di essere ascoltata, amata e apprezzata. Se sei in grado di farlo, avrai successo.

Ho grandi aspettative.

Per seguire il lavoro di Steven, clicca qui.

Leggi anche:

India, le prostitute sacre

Gita al bordello più famoso del canton Ticino