FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

Lina Scheynius fotografa nudi

Soprattutto se stessa, nuda.
12.9.13

La fotografa svedese Lina Scheynius era, nei primi anni Duemila, la regina di Flickr. Allora, postava foto della sua vita, dei suoi amici, e di se stessa. Le sue foto si facevano riconoscere per la loro natura estremamente intima e "sincera"—insomma, se volete metterla così, molte erano foto di lei nuda.

Oggi, anche se non molto è cambiato nella scelta dei suoi soggetti, Lina collabora regolarmente con riviste come

Dazed and Cofused e Oyster. Quanto al suo lavoro personale, Lina pubblica piccoli volumi di foto, quasi privati; il suo quinto libro—intitolato semplicemente 05—è appena uscito. L'ho contattata per parlarne. VICE: Ciao Lina. Nel tuo nuovo libro, ti concentri sugli stessi soggetti che riempivano i tuoi diari fotografici?
Lina Scheynius: Sì, anche se naturalmente il mio lavoro si evolve insieme a me. Ma, ancora, ci sono solo foto di quello che ho tutti i giorni di fronte a me, di quello che fa parte della mia vita. Il libro è anche pieno di selfies, su cui sono tornata a lavorare negli ultimi tempi.  Quando sei all'opera, ti comporti diversamente con le foto che scatti per te rispetto a quelle che scatti pensando a una futura pubblicazione?
In realtà no. Il mio hard disk è un po' un delirio, onestamente. Non so realmente cosa pubblicherò e cosa no fino alla fine. Non scatto molte foto "personali"; nel senso di foto della mia famiglia al luna park o alle cene di Natale, ma anche se lo faccio, magari potrei finire a usarle per qualcosa d'altro.  E ti rapporti in modo diverso al lavoro che ti viene commissionato dalle riviste rispetto agli scatti che fai per i tuoi libri?
Sì, certo. Mi piacerebbe poter rispondere no. Ci sono occasioni fantastiche, ma rare, in cui mi viene concessa molta libertà, ma quasi sempre mi si richiede di produrre qualcosa di specifico. Quanto al mio lavoro "in proprio", è un esperimento continuo, mentre con il lavoro che faccio per i clienti devo stare un po' più attenta, e ascoltare cosa mi viene richiesto. Però uso lo stesso equipaggiamento, e mi assicuro che ci sia abbastanza spazio per creare delle situazioni giocose, e che ci siano luci e un'atmosfera divertente. Ci sono, a volte, immagini che non pubblichi perché sono troppo personali?
Sì, ma a volte finisco per pubblicarle lo stesso. Il mio prossimo libro sarà composto di immagini che non pensavo che avrei mai pubblicato, per vari motivi.  Perché pensi che in così tanti ammirino il tuo lavoro?
Il procedimento è molto semplice. Scatto con una 35 mm compatta, il risultato sono foto come quelle dei vecchi album di famiglia. Penso che aiuti. E ho appena letto questa domanda a mia madre, via Skype, e lei mi ha risposto che, "Tutti sono stati nudi una volta o l'altra." All'inizio ero terrorizzata all'idea di mostrare le mie foto a mia madre, ma ora la prende sul ridere.  Se passate da Zurigo entro il 19 ottobre, fate un salto alla Christophe Guye Galerie dove Lina espone le sue foto—la mostra si chiamaExhibition 01. Trovate altre foto di Lina qui.

Altre fotografe che ci piacciono:

The Art of Boobs di Sandy Kim

未設定