Samsung Cina ha annunciato una collaborazione con Supreme, ma era Supreme Barletta

La diatriba tra Supreme NYC e il 'legal fake' Supreme Italia sembra continuare.

|
11 dicembre 2018, 11:15am

Foto via Samsung/Weibo.

Non so se vi ricordate di Supreme Italia, altresì noto come Supreme Barletta, il marchio di vestiti uguale al brand americano Supreme ma con il box rosso un po’ più grosso che un paio di anni fa era stato al centro di un caso molto particolare che aveva attirato l’attenzione di alcune tra le principali testate internazionali del settore come HypeBeast e HighSnobiety.

In pratica, dato che Supreme non aveva mai registrato il suo marchio in Italia, l’esistenza di Supreme Italia—un’azienda dello stesso settore, con un nome simile e prodotti molto simili, soprattutto a un occhio inesperto—era perfettamente legale. Per riassumere in due parole la questione era stata persino coniata l’espressione “legal fake.”

Il tutto era finito anche in tribunale, con il Supreme originale che aveva chiesto “tutela in sede cautelare contro Supreme Italia per ‘attività di contraffazione e di concorrenza sleale’” come riporta un articolo di i-D dello scorso gennaio, domanda accolta da un’ordinanza del Tribunale di Milano. Che la scorsa estate però si era pronunciato in favore di Supreme Italia poiché “perché l’atto costituisca un illecito non è sufficiente che ci sia confusione tra i due brand né le somiglianze esteriori tra i prodotti.”

Nelle ultime ore la vicenda si è arricchita di un nuovo capitolo: Samsung Cina ha annunciato una partnership con Supreme—ma si tratterebbe di Supreme Barletta, un fatto che ha creato non poco malcontento tra tutti i fan del brand statunitense, che ha uno status quasi da culto o da sottocultura.

Come riporta The Verge, ieri, nel corso di un evento di presentazione del Galaxy A8s in Cina, la collaborazione sarebbe stata presentata da Feng En, marketing head di Samsung Cina, alludendo a come “i giovani di oggi vogliano mostrare la loro unicità e il loro stile… e per mostrare questo stile, qui abbiamo due brand che iniziano con la s.” Mentre venivano pronunciate queste parole, sullo schermo campeggiavano i loghi di Samsung e Supreme.

Come ha spiegato in un post su Weibo (poi cancellato) il digital marketing manager di Samsung Leo Lau, l’azienda è consapevole che non sta collaborando con il vero Supreme. “Stiamo collaborando con Supreme Italia, non con Supreme NYC,” ha scritto Leo Lau, spiegando che l’azienda americana non ha le autorizzazioni per vendere i suoi prodotti in Cina, mentre Supreme Italia sì.

Alle prime voci della collaborazione, come segnala Hypebeast, Supreme (quello originale) aveva commentato così: "Supreme non sta collaborando con Samsung, né sta per aprire un flagship store a Pechino o per partecipare a una sfilata con Mercedes-Benz [intendendo la Mercedes-Benz Arena]. Si tratta di falsità diffuse da una 'counterfeit organization'."

Per ora non ci sono ulteriori dettagli, ma pare che Supreme Italia, lei sì, abbia in progetto di aprire dei negozi in Cina a partire dall’anno prossimo. Probabilmente (e se tutto verrà confermato) non finirà per guadagnare più del brand originale, ma possiamo solo promettere di continuare a seguire questa vicenda di imprenditoria italiana nel mondo.

VICE sta cercando di contattare Supreme Italia per ottenere dichiarazioni in merito.

Leggi anche:

Altro da VICE
Vice Channels