Pubblicità
crimine

Quattro agenti sotto copertura raccontano le loro esperienze più pericolose

"Siete poliziotti?" io rido e lui aggiunge, "perché se siete poliziotti..." e mi punta due dita sulla fronte imitando una pistola, "Bang! Bang!"

di Nick Chester
21 novembre 2018, 8:33am

Immagine di zaigee via Flickr

Quando sei un agente sotto copertura vivi istanti carichi di adrenalina: dagli scambi con i trafficanti di droga e armi, alla creazione di false identità, agli intricati meccanismi che regolano la criminalità organizzata. Ma anche momenti di terrore: dai rapporti con i trafficanti di droga e armi, agli intricati meccanismi che regolano la criminalità organizzata.

Per capire quali siano effettivamente i rischi che corrono i poliziotti sotto copertura, ho chiesto a quattro agenti ora in pensione di raccontarmi le situazioni più pericolose che hanno vissuto negli anni di servizio: si tratta di David Corbett, ex membro della squadra di polizia criminale; Frank Matthews, agente sotto copertura per la protezione dei testimoni; un detective sotto copertura della Metropolitan Police, Duncan MacLaughlin; e Stephen Bentley, coinvolto in diverse operazioni sotto copertura.

DAVID CORBETT

La situazione più pericolosa in assoluto per me è stata quando mi sono infiltrato in un giro di compravendita di sostanze stupefacenti e armi da fuoco. In quell'occasione sono dovuto andare a casa di uno spacciatore con un registratore nelle mutande, ad acquistare un'ingente quantità di cannabis. Quando sono arrivato, il proprietario di casa mi ha detto che la partita non era ancora arrivata, ma che potevo sedermi e aspettare lì.

L'uomo aveva in casa un grosso pastore tedesco, e i cani hanno un udito molto sviluppato. Apparentemente ha sentito il nastro del registratore girare, e così è rimasto a fissarmi il pacco per un bel po'. Il proprietario ci ha scherzato su, mi ha detto che evidentemente gli stavo simpatico. Per cercare di nascondere quale fosse il vero interesse del cane mi sono messo a giocarci, ma ero comunque molto preoccupato. Quando ho risentito la registrazione, avevo una voce carica di ansia.

Per fortuna la mia copertura ha retto. Se fossi stato scoperto, probabilmente mi avrebbero ritrovato in qualche vicolo con le ossa rotte.

FRANK MATTHEWS

Quando sei sotto copertura e sei incaricato di proteggere i testimoni, ti puoi muovere liberamente all'interno della comunità criminale, permettendo anche ai testimoni di avere una vita normale. Significa inoltre potersi spostare da un punto all'altro senza essere un bersaglio a tua volta. Nessuno, neanche i collaboratori delle forze dell'ordine, sa la tua vera identità.

Durante una missione, avevo l'incarico di proteggere un carcerato. Era stato chiuso a Whitemoor, un penitenziario che ospita alcuni dei criminali più pericolosi del Regno Unito, e lì era stato coinvolto in un affare losco per rubare circa 800 milioni di euro alle banche. Lui era un genio con il computer e aveva detto che si sarebbe potuto occupare degli aspetti tecnici del piano.

La gang voleva assolutamente che fosse rilasciato al più presto per mettere in atto il piano. Avevano pagato alcune guardie per farlo trasferire in un carcere più permissivo, dove aveva ottenuto un permesso di libera uscita nel weekend. In quel momento, si era reso conto che stava diventando tutto troppo pericoloso e aveva deciso di rivolgersi alla polizia. Quando la polizia interviene per proteggere un testimone i membri della squadra operativa possono entrare in contatto con lui solo grazie al supporto dell'unità di protezione. Tuttavia, un giorno siamo passati davanti alla casa sicura dove si trovava l'uomo, e abbiamo visto lì davanti un'auto con un agente di un'altra squadra a bordo. Noi non avevamo detto a nessuno dove si trovasse, quindi quella presenza poteva significare fuga di informazioni e corruzione. Un membro della squadra poteva aver messo un dispositivo di tracciamento sulla nostra auto.

Abbiamo subito denunciato l'accaduto, ma il testimone è stato lasciato nella stessa residenza. Alla fine, un uomo armato si è presentato alla sua porta. C'erano poliziotti che facevano la guardia al testimone, ma non potevano lasciare l'edificio per inseguirlo. Quando un'altra squadra è arrivata sul posto, l'uomo armato era scomparso. Questo episodio, tuttavia, aveva spaventato il testimone, che da allora si è rifiutato di continuare a collaborare e di testimoniare contro il capo della gang criminale. Essere coinvolti in questi casi compromessi dalla corruzione della polizia stessa è estremamente pericoloso. Gli agenti corrotti avrebbero potuto svendere la mia identità alla criminalità organizzata e questo avrebbe messo a serio rischio la mia vita.

STEPHEN BENTLEY

1542625882703-Stephen-Bentley-whilst-in-an-undercover-role-as-a-hippie-infiltrating-an-LSD-network
Stephen Bentley sotto copertura, nei panni di un hippie infiltrato in una rete di traffico di LSD.

Io e il mio compagno sotto copertura eravamo andati a Liverpool, dove dovevamo incontrare un canadese. Presto ci siamo resi conto che l'uomo era collegato ai cartelli sudamericani della droga. Lui aveva organizzato l'accordo. Io e il mio socio avremmo dovuto importare enormi quantità di cocaina.

Dopo un buon curry, siamo finiti allo She Club a Liverpool. Il canadese stava definendo i dettagli dell'accordo. Era davvero spietato. A un certo punto, mi guarda con odio e mi chiede, "Siete poliziotti?" Io rido e lui aggiunge, "Perché se siete poliziotti..." e mi punta due dita sulla fronte imitando una pistola. "Bang! Bang!"

Tempo dopo ho scoperto che il capo della nostra unità operativa aveva consegnato l'uomo alla DEA, l'agenzia federale antidroga statunitense. Si era preso 25 anni di carcere negli Stati Uniti.

DUNCAN MACLAUGHLIN

L'esperienza che mi ha spaventato di più negli anni da infiltrato è stata durante l'Operazione Dakota, nella quale ho partecipato sotto copertura a un affare di spaccio d'eroina con una gang asiatica. Un informatore mi aveva portato a un party dove era presente anche la sua boss. Stava scontando una pena in carcere, ma era in libera uscita per il fine settimana. Ho raccontato la mia storia di disertore dell'esercito, e che ero già stato usato in passato per introdurre merce via paracadute nel Regno Unito.

Mi sono guadagnato la sua fiducia, e dopo quella sera ci siamo incontrati diverse volte. Tempo dopo, mi ha chiesto se conoscessi piloti che potevano importare eroina. A Scotland Yard avevamo un ufficiale che faceva il pilota, così le ho detto di sì. Mi ha detto che c'erano delle persone che arrivavano dal Pakistan e volevano incontrare il pilota. Io sono andato a prenderli a Londra e li ho portati in un campo d'aviazione nell'Essex per incontrarlo. Erano tutti e tre omoni grossi, e io ero abbastanza scosso all'idea di affrontare il viaggio da solo.

Abbiamo percorso in auto chilometri e chilometri di terre desolate prima di raggiungere la nostra destinazione, ed essere da solo con tre narcotrafficanti grandi e grossi in un posto così isolato mi faceva abbastanza paura. Mi sono fermato a una stazione di servizio per dare la possibilità ai tre uomini di frugare nel portaoggetti, dove avevo lasciato appositamente due o tre cose che confermavano la mia identità. Quando sono tornato in macchina, tremavo talmente tanto che non riuscivo a controllare la frizione. Ho dovuto intrattenerli parlando del più e del meno, prima di ripartire. Se si fossero accorti di quanto tremavo, la mia copertura sarebbe saltata. Ma per fortuna, il momento di panico è passato in fretta, e abbiamo continuato il viaggio senza problemi.

Corbett, MacLaughlin e Bentley hanno tutti scritto libri sulla loro vita da poliziotti sotto copertura, li trovate qui, qui e qui.

Segui Nick Chester su Twitter