FYI.

This story is over 5 years old.

crisi dei migranti

Le politiche europee sui migranti stanno danneggiando il continente e i suoi rifugiati

I sistemi di gestione dei flussi di immigrazione in Europa stanno mostrando gravi segni di cedimento. VICE News ha analizzato la situazione, parlando con un rifugiato che ha davanti a sé un futuro difficile a causa delle regole obsolete.
2.2.16
Richiedenti asilo aspettano un autobus al confine tra Grecia e Macedonia. Foto di Nicola Zolin

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Quando Mohamed è arrivato in Finlandia, pensava che il suo lungo viaggio fosse giunto al termine.

Il 30enne aveva moglie e due figli in Iraq quando, lavorando nelle forze di sicurezza, era stato minacciato di morte dalle milizie locali e dallo Stato Islamico (IS).

Così ha viaggiato per mesi, attraversando la Turchia, la Grecia e il resto d'Europa, con l'unico sogno di presentare la domanda d'asilo in un paese scandinavo, dove si sarebbe fatto raggiungere dalla famiglia.

Pubblicità

Nei primi mesi del 2015, finalmente, ce l'ha fatta. Alcune settimane dopo l'arrivo in Finlandia, però, i suoi piani sono andati in frantumi. Al momento del rilevamento delle impronte digitali - una procedura standard nei casi di richiesta d'asilo - il database europeo ha deciso il destino di questo giovane profugo iracheno. Al posto suo.

Mohamed è stato messo quasi immediatamente su un aereo per l'Ungheria—un paese che conosceva a malapena, il primo stato dell'Unione Europea in cui è stato fermato e registrato durante il suo lungo viaggio.

Secondo una politica dell'UE nota come "Convenzione di Dublino," i rifugiati sono obbligati a presentare la domanda d'asilo nel primo stato membro in cui vengono registrati—teoricamente, il primo in cui fanno ingresso.

Ma le regole sono state introdotte nel 1997, e non sono state ideate per far fronte a momenti di crisi come quello attuale, in cui migliaia di migranti e rifugiati sbarcano ogni settimana sulle coste greche e italiane.

"Ero deluso, mi avevano ingannato. Stavo cercando aiuto, perché mi hanno fatto questo? Mi hanno trattato come uno scemo," spiega Mohamed. Ora risiede in un campo profughi sovraffollato a 40 chilometri da Budapest, dove sopravvive con meno di 100 euro al mese.

"Vivo in condizioni terribili, non ho soldi e mangio una volta ogni due giorni. Sono lontano dalla mia famiglia e non ho loro notizie," ha detto Mohamed a VICE News al telefono.

Pubblicità

È in Ungheria da quasi nove mesi, ma considerando che i sistemi di accoglienza del paese sono sommersi dalla quantità di nuovi arrivi, è improbabile che la domanda d'asilo di Mohamed ottenga una risposta in tempi brevi.

Leggi anche: "Ecco come l'Europa dovrebbe 'europeizzare' l'accoglienza dei rifugiati"

Mohamed è solo uno delle decine di migliaia di richiedenti asilo rispediti dai paesi del nord Europa in Italia, Ungheria e Bulgaria—stati che sono già sopraffatti dal flusso di nuovi arrivi, che hanno i sistemi di welfare peggiori e che non sono attrezzati per gestire in maniera adeguata le richieste d'asilo.

Circa 71.000 richiedenti asilo sono stati spostati da un paese dell'UE all'altro tra il 2010 e il 2014, stando ai dati più recenti. Nel frattempo, l'analisi dei rapporti dei singoli paesi per il 2015 effettuata da VICE News ha rilevato che nei primi nove mesi dell'anno 6.300 richiedenti asilo sono stati espulsi da soli quattro paesi: Regno Unito, Germania, Svezia e Svizzera.

Solo la Gran Bretagna ha espulso più di 6.100 richiedenti asilo per mandarli in altri paesi UE a partire dal 2010, tra cui molti siriani ed eritrei. Almeno 510 persone sono state espulse dal paese nei primi nove mesi dell'anno; più di un terzo è stato mandato in Italia. Secondo gli avvocati, alcuni di loro sono finiti a vivere per strada, in povertà. Altri hanno poi fatto ritorno nel Regno Unito.

Nel 2015 più di un milione di persone sono arrivate sulle coste europee, la gran parte entrata dall'Italia e dalla Grecia. Tuttavia, nonostante questo grande afflusso dal Mediterraneo, i governi dei paesi nordici, tra cui il Regno Unito, hanno continuato a rimandare le persone nei paesi che affrontano la crisi in prima linea.

Pubblicità

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha affermato che le regole europee "isolano" paesi come l'Italia, mentre il Ministro per le Migrazioni greco Yiannis Mouzalas si è lamentato delle politiche UE, che a suo dire intrappolano in Grecia una quantità di persone impossibile da gestire.

La Commissione Europea ha detto che le politiche UE hanno "mancanze sistemiche" e che hanno bisogno di modifiche significative. "Nella seconda metà di quest'anno, probabilmente in primavera, proporremo un nuovo sistema di Dublino," ha detto un portavoce venerdì. "È una mossa necessaria perché chiaramente l'attuale sistema di Dublino non funziona in maniera appropriata."

Leggi anche: Gli hotspot di migranti in Italia stanno diventando una "fabbrica di illegalità"

Non sono stati forniti dettagli sulla forma che prenderanno le nuove regole, ma diversi paesi stanno spingendo affinché venga introdotto un sistema di quote grazie al quale le nuove richieste d'asilo verranno distribuite tra i paesi UE.

Il Regno Unito è contrario a questi cambiamenti, e ha reso noto che se la Convenzione di Dublino verrà modificata usufruirà del suo diritto a non aderire alle nuove regole.

"Il governo ritiene che i principi di lunga data che sono al centro del sistema di Dublino siano quelli giusti," ha detto a VICE News un portavoce dell'Home Office, il Ministero dell'Interno britannico. "In particolare, sosteniamo il principio secondo cui i richiedenti asilo debbano essere registrati nel primo paese sicuro, e crediamo che questa pratica debba essere mantenuta anche in futuro. La Gran Bretagna non è obbligata ad aderire a qualsiasi misura europea sugli Affari Interni."

Pubblicità

La Commissione Europea ha confermato che il Regno Unito non sarebbe obbligato a sottostare al nuovo sistema, ma ha notato che "è prematuro ipotizzare quali saranno le conseguenze se la [Gran Bretagna] decidesse di aderirvi o meno."

Nel frattempo, le espulsioni continuano. Ma la paura di essere rispediti in paesi con prospettive preoccupanti per i richiedenti asilo ha portato alcuni di loro a compiere azioni disperate per evitare la registrazione. Alcuni affrontano condizioni estreme, scavalcano recinti di filo spinato e dormono fuori al freddo per sfuggire alla polizia e per non lasciare le impronte digitali in paesi di transito in cui non è auspicabile rimanere.

Altri hanno iniziato a bruciarsi la punta delle dita per evitare di essere riconosciuti più in là durante il viaggio.

Greg O'Ceallaigh, un avvocato dello studio Garden Court Chambers, nel Regno Unito, ha detto a VICE News: "L'esperienza del sistema di Dublino può essere estremamente traumatica per i rifugiati, in particolare per coloro che hanno già sopportato condizioni terribili in alcuni dei paesi periferici."

"Diversi miei clienti vulnerabili hanno tentato il suicidio, alcuni sono stati traumatizzati una seconda volta. Mi dicono che piuttosto che rimanere in un paese UE dove vivrebbero senza casa e in povertà, tornerebbero nei loro paesi d'origine dove hanno paura di morire."

Leggi anche: I migranti afghani si preparano ad affrontare l'inverno sulle strade di Parigi

Pubblicità

Che il sistema non sia efficiente è risaputo. Tra gennaio e settembre dello scorso anno, il governo britannico ha inviato più di 2.000 richieste ad altri stati chiedendo loro di riprendersi alcuni migranti. Molti di quei tentati rimpatri sono però stati fermati, grazie anche alle battaglie legali degli avvocati, e alla fine soltanto 500 persone sono state espulse. Per quelli che sono stati respinti, si attendono lunghi periodi di sosta in centri di accoglienza sovraffollati.

Nel 2014, il Fatto Quotidiano ha definito questi centri come "il lato oscuro dell'inferno." Il quotidiano scriveva: "Solamente entrare [in questi centri] fa girare la testa—l'aria è pesante e ci sono ovunque spazzatura, stracci, avanzi di cibo marcio."

Due richiedenti asilo della Somalia e dell'Afghanistan sono stati respinti, secondo quanto rivelato da un report scritto da due avvocati inglesi, e sono stati costretti a vivere all'interno dell'aeroporto rispettivamente per 15 e 9 giorni, dove sono sopravvissuti spendendo i pochissimi soldi rimasti in fette di pizza, prima di essere caricati su un treno per Venezia e, da lì, rimpatriati.

Anche i sistemi di gestione dei flussi di immigrazione di Austria, Ungheria e Bulgaria stanno mostrando gravi segni di cedimento.

L'avvocato svedese Amanda Johnson ha raccontato a VICE News la storia di una famiglia kosovara rimpatriata in Ungheria.

"Avevano un figlio molto malato. Aveva 16 anni ma ne dimostrava 10, a causa della malnutrizione. È stato operato in Svezia, i dottori hanno rimosso tutti i denti che stavano marcendo, e ora viene nutrito attraverso un tubo nello stomaco," ci spiega Johnson in un asilo di Malmö.

Pubblicità

"La famiglia è stata rispedita in Ungheria, dove le condizioni di accoglienza erano talmente brutte che non hanno potuto stabilirsi lì, né richiedere asilo," prosegue l'avvocato. "L'ultima volta che ho parlato con loro le cose andavano male. Sono ritornati in Kosovo e la salute del bambino è peggiorata nuovamente."

Il numero degli espulsi in Svezia sotto la Convenzione di Dublino è stato più alto nei primi nove mesi del 2015 che in tutto il 2014.

Secondo alcuni esperti che abbiamo intervistato, spostare i richiedenti asilo da uno stato europeo all'altro rischia di abbassare drasticamente le loro possibilità di ottenere ospitalità.

Gli stati membri dell'Unione non hanno infatti una lista comune di "nazioni sicure" o di politiche condivise su quali paesi rappresentino un rischio reale per chi migra. Questo significa che, per Mohamed, le possibilità di ottenere l'asilo sono scese dal 76 per cento della Finlandia al 67 per cento in Ungheria.

Lo stesso vale per persone di altre nazionalità. Circa il 90 per cento dei siriani che chiedono ospitalità al Regno Unito ottengono protezione, ma la percentuale si abbassa drasticamente in Italia—dove la stessa sorte tocca soltanto al 64 per cento dei rifugiati dalla Siria. Così, i siriani rispediti dall'Inghilterra all'Italia hanno meno possibilità di ricevere asilo.

Oltretutto, ad alcuni di quelli espulsi potrebbe essere negato l'accesso al sistema di asilo di un determinato paese nel caso in cui siano stati 'fuori' da quel sistema troppo a lungo. Il che significa che, per molti di loro, la domanda di asilo potrebbe non venire mai esaminata a fondo.

Pubblicità

Leggi anche: Per la prima volta saranno aperti dei corridoi umanitari per accogliere i migranti in Italia

"Il sistema è estremamente disfunzionale," ha detto Minos Mouzourakis, un esperto che lavora per il Centro Europeo per i Rifugiati e gli Esiliati.

"Inizialmente, l'idea su cui si basava [la Convenzione di] Dublino era che tutti gli stati UE potessero garantire lo stesso livello di protezione ai richiedenti asilo, ma questa teoria si è scontrata con una realtà molto diversa. In Grecia, Bulgaria e Italia abbiamo visto che le condizioni spesso non sono adeguate, sia per quanto riguarda le condizioni di vita che l'accesso alle procedure burocratiche. Quest'anno [il regolamento] è davvero stato superato dagli eventi," ha aggiunto.

Gli avvocati britannici si stanno preparando per presentare una serie di casi sperimentali nei prossimi mesi, con cui sosterranno che le espulsioni verso l'Ungheria, la Bulgaria e l'Austria non sono più sicure e devono essere fermate.

Sarà il tempo a dirci quale sarà il nuovo sistema proposto dalla Commissione Europea e come i diversi paesi reagiranno alle nuove regole.

Ma niente di tutto ciò può aiutare Mohamed. Il suo lungo viaggio è finito in un punto morto, bloccato in un campo ungherese mentre sogna la Finlandia, impossibilitato a riconciliarsi con la famiglia lontana, in pericolo in Iraq. "Mi sento come un prigioniero, non posso andare da nessuna parte," sospira. "Sono una vittima senza speranza, senza aiuti. Non ho un futuro."


Fedia Dziri ha contribuito alla stesura di questo articolo.

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Segui Maeve McClenaghan su Twitter: @MaeveMCC