Pubblicità
VICE News

60.000 persone sarebbero morte all'interno delle carceri siriane dal 2011 a oggi

Il direttore di SOHR, Rami Abdulrahman, spiega di avere svolto il calcolo sommando i bilanci delle vittime forniti da fonti di varie prigioni siriane e dalle agenzie per la sicurezza.

di VICE News
23 maggio 2016, 11:21am

Photo by Jamal Nasrallah/EPA

Sarebbero "almeno 60.000" le persone morte nelle carceri del governo siriano nei cinque anni di conflitto all'interno del paese. Lo afferma l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR), all'interno di un report appena pubblicato.

"Almeno 60.000 detenuti sono stati martirizzati... o come risultato di torture fisiche, o per negazione di cibo e medicine," ha spiegato SOHR, che ha svolto la ricerca.

Il direttore di SOHR, Rami Abdulrahman, spiega di avere svolto il calcolo sommando i bilanci delle vittime forniti da fonti di varie prigioni siriane e dalle agenzie per la sicurezza.

Nel solo carcere di Sednaya, vicino a Damasco, sarebbero morte 20.000 persone. SOHR sostiene di aver potuto verificare con certezza il decesso di 14.456 uomini e donne, 110 dei quali sotto i 18 anni, dall'inizio delle rivolte in Siria nel 2011.

Abbiamo chiesto un commento sui dati di SOHR ad alcuni ufficiali del governo siriano, senza però ricevere risposta. Il governo ha già confutato affermazioni simili, in passato.

A febbraio, gli investigatori ONU avevano riportato omicidi su larga scala per i detenuti imprigionati dal governo siriano.

"Sappiamo che moltissime persone sono morte durante la loro detenzione in Siria," conferma Nadim Houry, vice direttore della divisione per il Medio Oriente e il Nord Africa di Human Rights Watch (HRW).

"L'unico modo per arrivare in fondo alla questione dei numeri è quello di permettere un monitoraggio indipendente dei centri di detenzione," aggiunge.

Nel 2013, un disertore siriano conosciuto con il nome di Caesar era riuscito a pubblicare decine di migliaia di foto scattate tra il maggio 2011 e l'agosto 2013 che documentavano la morte di almeno 6.786 persone sotto custodia del governo.

Il bilancio era stato calcolato da Syrian Association for Missing and Conscience Detainees (SAFMCD), un'associazione creata da un gruppo di opposizione che aveva analizzato tutte le foto.

In un'intervista del 2015, il presidente siriano Bashar al-Assad aveva respinto le foto di Caesar come "accuse infondate," e come una mossa contro il suo governo finanziata dal Qatar.

"60.000 o 30.000 cambia poco, il numero è enorme," commenta Houry.

Gli investigatori ONU avevano riportato già a febbraio che i presunti omicidi di detenuti erano il risultato di una politica di "sterminio" della popolazione civile, e un crimine contro l'umanità.

Alcuni esperti indipendenti hanno documentato anche esecuzioni di massa e torture su prigionieri da parte di due gruppi di jihadisti, il Nusra Front e Stato Islamico.

Leggi anche: 'Moriranno lì dentro': l'unica clinica della città siriana di Madaya è gestita da un veterinario


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Tagged:
report
Assad
Siria
GUERRA
morti
guerra civile
prigioni