A Torino c’è un posto dove puoi provare a vendere la birra che fai in casa
Foto per gentile concessione di EDIT

A Torino c’è un posto dove puoi provare a vendere la birra che fai in casa

Grazie a dei mastri birrai puoi perfezionare la tua ricetta, e se è buona puoi vederla ai clienti.
Roberta Abate
Milan, IT

Pensate a un posto dove perfezionare la vostra ricetta di birra artigianale, si quella che fate in garage o in cantina, e poi - se è buona - immaginate di poterla vendere al pubblico.

Ecco il posto di cui sto parlando ha aperto il 24 novembre a Torino e si chiama EDIT. No, non è solo una birreria, anche se troverete 19 spine e un sacco di altra buona birra in lattina o bottiglia, ma uno di quegli spazi polifunzionali che "si portano" molto adesso e che vede l'ingerenza - apprezzata - di celebri chef.

Pubblicità

Arrivo per la preview stampa di EDIT a Torino nell'area dell'ex Incet; siamo in una zona che non mi pare proprio centralissima - e neanche bellissima se devo dirla tutta - piena di centri commerciali e rotonde. Alla conferenza stampa ci aspettano gli ideatori e gli investitori del progetto; deve raggiungerci anche la sindaca Chiara Appendino, ma fa tardi per un inconveniente e arriva a conferenza iniziata (forse non ha trovato parcheggio?).

La facciata sembra un po' quella di Fondazione Prada, ma la struttura è decisamente più complessa e nasconde anche un piazza coperta che non dovrebbe essere male con la bella stagione.

L'entrata di EDIT

Marco Brignone, ideatore di EDIT, è uno storico imprenditore torinese, che ha deciso di investire su una realtà pensata per un pubblico giovane. L'acronimo "EDIT" significa Eat Drink Innovate Together e il comunicato stampa recita "un format all'avanguardia che ha sede nel cuore di una zona simbolo di riqualificazione urbana". Ecco il punto sulla riqualificazione urbana è importante; Brignone durante la conferenza ripete diverse volte che siamo a due passi dal centro, ma le colleghe di Torino sedute vicino a me mi confessano che ci vogliono almeno 20/ 50 minuti in macchina da lì a Porta Nuova (20 in condizioni ottimali, 50 con il traffico), che non ci sono molti parcheggi e che in questa zona i mezzi pubblici sono davvero scarsi (ma gli ideatori assicurano che ci saranno delle soluzioni). Insomma non proprio dietro la Mole.

Pubblicità

Le cucine da affittare di EDIT

Intano Brignone, quando era ancora in fase di progettazione, voleva assicurarsi di fare qualcosa di assolutamente originale; per farlo ha chiesto a un acceleratore d'impresa di capire se valeva la pena continuare con EDIT e dove era possibile fare breccia. Dagli studi della società erano emerse due necessità che nessuno stava soddisfacendo e su cui si poteva fare business. Qui nasce l'idea di:

- Un birrificio anche per gli artigiani casalinghi che, guidati da mastri birrai, possono provare e perfezionare la loro la birra, e nel caso per somministrarla al pubblico.

- Cucine professionali attrezzate da poter affittare per fare prove di piatti, degustazioni ed eventi privati.

La pizza di Renato Bosco e il risotto caffè e Grana Padano dei Costardi Bros (Foto dell'autrice)

Tutto questo si è poi manifestato in EDIT dove, tolte queste due componenti all'avanguardia, troviamo cose un po' più classiche:

- Un ristorante, con i piatti dei Costardi Bros (che vengono da Vercelli e sono arcinoti per i loro risotti);
- Un Cocktail Bar by Barz8;
- Un Pub con le pizze di Renato Bosco (lo avete visto forse anche in questo video con il Banana);
- Un Bakery Café con il coinvolgimento dello chef vegetariano Pietro Leemann in collaborazione con Lavazza.

Una parte del ristorante EDIT. Foto dell'autrice.

Uno spazio pensato per i giovani, dunque, fatto da un imprenditore e da qualche ragazzo - Marco ha coinvolto due under 30 per parte food e progettuale - ma vista la presenza di chef e l'aspetto patinato chiedo candidamente quanto si spenderà mediamente a cena. Vengo da Milano dove un pasto decente la sera costa dai 20 ai 30 euro a persona, ma Torino è molto più economica, quindi questo mi sembra un punto interessante su cui focalizzarsi. "20-25 euro per la zona pub/bistrot; 50 euro al ristorante".

Pubblicità

Foto dell'autrice.

Detto questo la parte veramente interessante del progetto mi pare proprio la questione delle birre da provare e nel caso somministrare poi al pubblico, così chiedo lumi al progettista Marco Nascosi:

"Arrivi qui, c'è un servizio di reception al piano terra; lì vengono smistate le persone a seconda delle esigenze. Da quel punto poi si parte con un servizio a pagamento per la testare le tue birre artigianali. Ci sono delle figure riconosciute come gipsy brewery, birrai che si appoggiano a strutture già esistenti, insomma birrifici, e che approfittano dei momenti di pausa fra un ciclo e un altro di produzione di birra. Noi abbiamo cercato di incanalare questo bisogno, questa ricerca, offrendo questa struttura. Non posso andare ovviamente da solo e produrre, ma devo essere affiancato da delle persone deputate interne a EDIT, anche per questioni anche di sanità".

Quindi oltre alle birre fisse, in birreria si potranno assaggiare birre indipendenti, le migliori portate di gipsy brewery. O almeno così si spera.

Interessante anche la possibilità di affittare le cucine, cosa che renderebbe questo posto in pratica un co-working per la cucina da paura. Sempre che i torinesi se ne innamorino davvero e riescano a raggiungerlo.