Salute

Perché mi sento sempre del muco in gola e devo schiarirmi la voce?

Si chiama scolo retronasale e abbiamo chiesto a degli esperti perché ci sentiamo sempre con del muco in gola persistente.
27 luglio 2020, 8:57am
muco in gola perché
Illustrazione Getty Images.

Pensa alla sensazione di quando devi schiarirti la voce—quando ti sembra di avere una piccola pozzanghera di catarro in gola che aspetta di essere sputata o inghiottita. Quel muco in gola persistente è conosciuto come scolo (o gocciolamento) retronasale e, per me, è più di un visitatore occasionale. Penso di aver deglutito almeno tre volte mentre scrivevo questa frase. Allora, cosa mi succede? Capita anche a te? Cerchiamo di scoprire come liberarcene.

Perché produciamo lo scolo retronasale

Nonostante io concepisca lo scolo retronasale come un fastidio, si tratta di una importante sostanza protettiva. Lo scolo retronasale è formato dalle mucose del naso, spiega David M. Poetker, professore del dipartimento di rinologia all'Università di Medicina del Wisconsin.

“Spesso si pensa che il naso serva solo all'olfatto, ma quella è una delle funzioni meno importanti che ha," dice Poetker. "In realtà è l'area di carico dei polmoni, aiuta a riscaldare e umidificare l'aria che respiriamo." L'aria che inaliamo, tipicamente ha una relativa umidità di circa il 50 o 60 percento, ma quando arriva in fondo al naso è più vicina al 90 percento e alla temperatura del tuo corpo, spiega Poetker. Questo ottimizza lo scambio di aria nei polmoni.

“L'esempio che faccio sempre ai miei pazienti è quando esci di casa una mattina di gennaio in un posto molto freddo e fai un respiro profondo con la bocca: ti fa male ai polmoni e ti fa tossire," dice. "Invece se fai un respiro più lento e profondo con il naso, l'aria viene riscaldata e umidificata e non ti fa male."

Il muco nasale inoltre cattura polvere, pollini e inquinamento, aggiunge Poetker. Questi ospiti indesiderati si attaccano al muco e gocciolano giù nella gola invece di andare nei polmoni, dove potrebbero causare irritazioni. Le mucose non hanno soltanto le ghiandole che producono il muco, ma anche delle ciglia—fondamentali in questo processo di pulizia naturale detto clearance mucociliare.

“Tu produci il muco e poi i peli raccolgono il muco verso la gola, e le cavità nasali sono programmate per scaricare verso il retro," dice Poetker. "Quindi, non dovrebbe gocciolare dalle narici; lo scolo dovrebbe avvenire nella parte posteriore della gola, è per questo che abbiamo lo scolo retronasale."

Il naso medio produce circa tra i 60 e i 90 ml di muco al giorno, ma puoi produrne fino a 450 se le mucose vanno in sovraccarico, aggiunge Poetker.

Perché a volte produciamo muco in eccesso

Se sei allergico a qualcosa e questo resta intrappolato nel naso, creerà irritazione, dice Mas Takashima, direttore del Sinus Center al Baylor College of Medicine. O, se vivi in una zona molto inquinata, le polveri possono restare intrappolate nel naso e generare problemi simili. "Il corpo dice 'ehi, qualcosa mi sta irritando il naso; devo farla uscire,'" spiega. "Poi comincia a produrre molto muco per provare a ripulire il naso." Le infezioni nasali e i raffreddori possono anche causare un eccesso di muco.

Ma quando è troppo? "Di solito dico ai pazienti che se lo percepiscono, è già troppo," dice Poetker. "O ce n'è un volume eccessivo, o è più viscoso di quanto dovrebbe essere."

Uno scolo retronasale percettibile può dare fastidio, e studi dimostrano che può associarsi a tosse cronica. Quando sei coricato o stai dormendo e hai un abbondante gocciolamento retronasale, il muco può scivolare nella trachea e fino ai polmoni, dice Takashima. Questo può irritare i polmoni e farti tossire.

Mal di gola e d'orecchie possono anche essere sintomi secondari di un eccessivo scolo retronasale. "La costante irritazione causata dallo scolo retronasale che scende lungo la gola può provocare un mal di gola piuttosto significativo in alcuni pazienti," dice Takashima. Gli stessi nervi che fanno male in gola possono anche farti dolere le orecchie, quindi a volte i pazienti credono di avere l'otite, ma Takashima scopre che il vero problema è un eccesso di muco in gola.

Anche la voce roca può essere causata da un eccessivo scolo retronasale. Può rappresentare un problema per le persone che parlano per lavoro, come chi si trova a contatto con il pubblico, insegnanti, medici e avvocati.

Come ridurre lo scolo retronasale e quindi il muco in gola

Se lo scolo retronasale ti dà fastidio, il medico può aiutarti a identificare la causa e trovare una terapia per rallentare il gocciolamento (fermarlo completamente non conviene per la sua importante funzione protettiva, raccomanda Poetker).

Le allergie sono la prima ipotesi da considerare: un eccesso di scolo retronasale è tipico sintomo della rinite allergica [_conosciuta ai più come febbre da fieno,_ secondo Federasma la rinite allergica colpisce circa il 20 percento degli italiani]. Se tendi ad avere altri sintomi di allergia e questa sembra essere una probabile causa del tuo scolo retronasale, il medico potrebbe consigliarti uno spray nasale steroideo come a base di fluticasone propionato, o un antistaminico, o una combinazione dei due, dice Poetker. Possono fare la differenza, ma gli effetti positivi potrebbero diventare percepibili solo dopo settimane o addirittura mesi di utilizzo.

Potrebbe essere consigliabile anche sottoporsi ai test allergologici, secondo Poetker. "Se c'è incertezza, o c'è qualcosa che il paziente potrebbe potenzialmente evitare facilmente per ridurre i sintomi," spiega, "allora potrebbe valere la pena di sottoporsi a un test."

Anche il reflusso acido può rappresentare un problema per persone con problemi nasali cronici e scolo retronasale, aggiunge Poetker. "Il continuo schiarirsi la voce può essere un sintomo di reflusso che potrebbe indicare la presenza di muco sulle corde vocali o addirittura un ingrossamento di queste ultime, con una frequente sensazione della presenza di muco in gola," dice. In questo caso, conviene dare una possibilità a una terapia contro il reflusso.

Per certe persone, è l'inquinamento a contribuire allo scolo retronasale, ricorda Takashima. "Le allergie naturalmente sono il problema più discusso, ma se vivi in una zona molto inquinata, ci sono molti agenti irritanti nell'aria che possono infiammare le mucose nasali."

Consigli per chi soffre di allergie

Se soffri di allergie, fai una doccia prima di andare a dormire, specialmente quando i livelli di inquinamento e di ozono nell'aria sono elevati, consiglia Takashima. "Conosco molte persone che preferiscono fare la doccia di mattina, ma per chi soffre di questo tipo di afflizioni è consigliabile fare una doccia subito prima di andare a letto," dice, "perché se non lo fai, il polline, che è appiccicoso, si trasferirà dai capelli e la pelle alle lenzuola e al cuscino, e ti troverai in un letto pieno di cose potenzialmente irritanti."

Takashima inoltre raccomanda che alcuni pazienti facciano dei lavaggi quotidiani con una soluzione salina e un apposito irrigatore. Questo tipo di bottigliette di plastica con uno speciale beccuccio si trova in farmacia: basta riempirli con una soluzione di sale e acqua distillata e spruzzarsela nel naso una volta al giorno, dice Takashima.

Anche un semplice spray nasale salino può eliminare alcuni agenti irritanti, dice Poetker. Se le tue cavità nasali sono sensibili, consiglia i prodotti venduti in spray di metallo pressurizzati invece di quelli in plastica da strizzare—i primi non contengono conservanti potenzialmente irritanti, mentre i secondi sì, avverte.

Più raramente, i problemi al naso potrebbero essere causati da un errore di comunicazione tra cervello e naso. "L'altra cosa che vediamo di tanto in tanto è il cervello che purtroppo dice al naso di produrre più muco di quanto dovrebbe: questa si chiama rinite vasomotoria," spiega Takashima. "Non sappiamo dire perché succeda, ma in alcune persone capita dopo particolari attività come l'esercizio fisico, mangiare o in presenza di aria fredda, cose che possono incoraggiare il corpo a produrre più muco di quanto dovrebbe. Il trattamento in questo caso è completamente diverso da quello per le allergie."

Se il tuo medico sospetta che tu soffra di rinite vasomotoria, potrebbe farti provare uno spray nasale speciale che blocca la comunicazione difettosa tra cervello e naso, dice Takashima. Alcuni dottori potrebbero anche offrire di provare una nuova procedura che usa l'azoto liquido per scioccare i nervi dentro il naso e "resettarli" in modo che producano meno muco. Un'altra procedura usa il calore per far ritrarre alcune mucose.

“Se queste cose non funzionano, conviene rivolgersi a un otorinolaringoiatra," dice. "Come per ogni cosa, consigliamo di iniziare con la procedura meno invasiva e poi piano piano salire di grado. Se c'è un modo più semplice per guarire, conviene sempre quello. Se quello non funziona, o il corso della terapia rischia di durare per tutta la vita, parla con il medico e considera alternative più invasive."

Uno scolo asimmetrico potrebbe infine essere sintomatico di un problema più grave, una perdita del liquido cerebrospinale, che può aumentare il rischio di meningiti, secondo Takashima. Ma perdite da una cavità sola possono accadere anche dopo alcune operazioni dentistiche, ricorda. Quando viene messo un impianto nell'osso dei molari superiori, è facile che vada a toccare il seno paranasale dietro la guancia. "Se hai subito un intervento ai denti di recente, e improvvisamente riscontri dei problemi al naso sul lato dell'impianto, anche in questo caso conviene consultare un otorinolaringoiatra," raccomanda.

Per quanto riguarda me, sospetto che a causare il mio scolo retronasale sia una buona vecchia allergia; ne parlerò alla mia prossima visita medica, e nel frattempo proverò qualche spray salino. Un'ultima cosa: chi soffre di stress può accusare un maggiore scolo retronasale, è stato rilevato, quindi ecco un altro motivo per cui dovrei ricominciare a fare meditazione.