Pubblicità
Food by VICE

In questo ristorante, se non hai soldi, puoi lavare i piatti per pagare il conto

Bastano 50 minuti a lavare i piatti per saldare i tuoi "debiti"

di Giorgia Cannarella
22 gennaio 2018, 9:30am

Mirai Shokudo Website

È una delle battute più comuni nelle vignette della Settimana Enigmistica o nelle commedie di serie B-. Il cliente non ha soldi per pagare il conto al ristorante? Può lavare i piatti finché non salda il suo debito.

Peccato che ora non sia più solo una battuta.

In Giappone, il paese che ha il mirabolante potere di trasformare in realtà anche le fantasie più perverse, un ristorante accetta pagamenti in ore di lavoro in cambio del pasto. Accade al Mirai Shokudo (che, tanto per la cronaca, si traduce come "Ristorante del futuro") nel quartiere Jinbōchō di Tokyo. Qui i clienti che non si possono permettere di pagare un pasto possono lavorare 50 minuti per saldare il conto.

Considerato che il costo medio di un pranzo al ristorante è 900 yen, circa 6 euro, non è nemmeno una paga tanto ingiusta. Sekai Kobayashi, 33enne padrona del ristorante e unica a lavorarci "a tempo pieno", spiega che i motivi della sua scelta non sono puramente economici, anzi.

Finora grazie all'insolito sistema di pagamento ha avuto circa 500 "lavoratori part time", molti dei quali studenti: un modo per conoscere nuove persone e per garantire una bella esperienza gastronomica anche a chi non potrebbe permettersela.

Un ristorante di Kyoto, il Gyoza No Ohsho, ha avuto la stessa idea, permettendo agli studenti squattrinati - o presunti tali - di pagarsi il pasto lavando i piatti.

Al netto delle considerazioni economiche, è indubbiamente un sistema affascinante che potrebbe ridefinire il nostro concetto di mangiare fuori. Una convivialità vera, un meal sharing nel senso più proprio del termine, in cui non ci si limita a condividere il pasto allo stesso tavolo degli sconosciuti, ma addirittura si lavora con loro. E che potrebbe aiutarci a comprendere meglio il valore del cibo che mangiamo.