Pubblicità
Salute

Gli uffici possono essere un incubo, se hai un cervello che lavora in maniera diversa

Quando soffri di disturbo ossessivo compulsivo, sindrome da stress post-traumatico o depressione maggiore, le dinamiche di un lavoro da ufficio ti mettono a dura prova.

di Shayla Love; illustrazioni di Hunter French
18 giugno 2019, 6:30am

Illustrazione di Hunter French.

Due o tre volte a settimana, in un piccolo ufficio open space di Londra, Lilith* si ritrovava a lavorare con il computer sulle gambe, accovacciata sotto la scrivania—un tavolo rettangolare condiviso da sei persone, con piccoli divisori tra ogni postazione.

“I rumori o avere troppa gente intorno mi mette spesso a disagio,” ha raccontato. “Le persone che lavoravano con me lo trovavano per lo più divertente, se non un po’ strano, ma non si sono mai mostrati infastiditi.”

Lilith soffre di disturbo depressivo maggiore, disturbo di panico e disturbo-ossessivo compulsivo e, anche se fa terapia regolarmente e assume farmaci, i suoi sintomi a volte peggiorano.

Pensiamo a un ufficio tipo: in più del 70 percento dei casi, si tratta di uno stanzone pieno di tavoli condivisi. Alcuni hanno spazi dove andare per trovare la concentrazione, lavorare in silenzio, ma molti no. C'è un posto dove pranzare o una sala d’attesa, per cambiare aria? Solo se sei fortunato. Ci sono gli odori, i rumori, la luce, le chiacchiere e le complesse dinamiche sociali che servono per far parte di un team.

Per le persone neurodivergenti, tutto questo può diventare molto difficile. La neurodivergenza descrive le variazioni nel funzionamento del nostro cervello, e comprende persone con disturbi dello spettro autistico, persone con disturbo da deficit di attenzione/iperattività o dislessia. Il termine si sta allargando fino a includere chi ha ansia, depressione, disturbo ossessivo compulsivo, sindrome da stress post-traumatico—qualunque cosa faccia pensare una persona in modo un po’ diverso.

I sostenitori della neurodiversità sul lavoro sostengono che invece di aspettarsi che le persone neurodivergenti si adattino a un ufficio tradizionale, i luoghi di lavoro dovrebbero sforzarsi di rendere gli uffici luoghi più accoglienti. Ma anche in un momento in cui aziende di tecnologia come Microsoft, HP e SAP stanno rivedendo le loro pratiche di assunzione e di lavoro per diventare più inclusive, per molte persone neurodivergenti, trovare e mantenere un posto è difficile. Tra il 50 e il 75 percento delle persone autistiche con istruzione superiore sono disoccupate.

Lilith, che ora ha 25 anni, spiega che alcuni dei suoi capi le hanno concesso delle facilitazioni. Quando ha avuto attacchi di panico in ufficio, le è stato permesso di sedersi fuori e respirare. Quando uscire di casa le sembrava impossibile, ha potuto lavorare da remoto. Le è capitato anche di chiedere di lavorare dalle due alle quattro della mattina, e di entrare in ufficio più tardi.

Ma oggi, Lilith ha lasciato quel lavoro ed è tornata a fare la freelance. "Non reagisco bene a una routine rigida e tendo a riuscire a gestirla solo per sei-otto mesi alla volta, prima di iniziare ad agitarmi e vedere la mia salute mentale andare in picchiata,” dice. “Quindi ho un po’ paura di accettare un nuovo lavoro, per poi ricominciare ad avere più attacchi di panico e sentirmi incapace di stare meglio e riuscire a fare meglio.”

A due settimane dall’inizio del suo primo lavoro a tempo pieno dopo l’università, come assistente di redazione per una rivista medica, Sara Luterman, 29 anni, dice di essere stata licenziata per non “essersi adattata alla cultura dell’ufficio”. “Probabilmente ho fatto qualcosa di socialmente inopportuno, ma nessuno mi ha detto cosa.”

Luterman è autistica, e nonostante abbia un curriculum di prim’ordine, racconta di aver faticato a trovare e mantenere un lavoro. Le è stato detto che il suo modo di parlare è spesso percepito come maleducato. “Molte persone autistiche hanno un tono di voce o una cadenza insolita,” dice. “Ero già stata richiamata dalle risorse umane e ho dovuto parlarne con i miei colleghi, ed è una cosa che mi ha messo molto a disagio. Ma sono felice che me ne abbiano parlato, invece di licenziarmi.”

Carly*, 27 anni, che convive con ansia, depressione, sindrome da stress post-traumatico e lavora come art director in un'agenzia creativa, spiega invece che alcune sue strategie comportamentali non sono sempre state accolte con approvazione. Avendo molti pensieri ansiosi in testa, per esempio, durante le riunioni o le sessioni di brainstorming la aiuta giocherellare con un giocattolo anti-stress.

“Il commento dei miei manager è stato che dovrei prendere di più l’iniziativa e sembrare più interessata, ma mi è davvero difficile con l’ansia. Magari sono davvero interessata a qualcosa, eppure sono spesso in difficoltà e mi distraggo, ma questo non significa che non me ne importi.”

È vero che ogni persona neurodivergente è diversa, ma esistono strategie comuni per migliorarne l'ambiente di lavoro. Secondo Rob Austin, professore di economia alla Ivey Business School in Canada che ha documentato i progressi dei programmi di neurodiversità, i cambiamenti ambientali potrebbero essere un primo grande passo: colori più tenui, più illuminazione naturale, più piante e la creazione di aree in cui lavorare in silenzio, o in cui il rumore ambientale non sia una distrazione. In alcuni casi, anche la presenza di spazi privati può aiutare.

David Ballard, direttore del programma sul benessere psicologico nei luoghi di lavoro dell’American Psychological Association, nota come le persone neurodivergenti preferiscano lavorare da casa, potendo decidere quando iniziare e quando finire. Concedere questo grado di flessibilità organizzativa e permettere alle persone di fare ciò che devono per affrontare il rumore o l’ambiente—senza giudicare—è fondamentale.

Austin sostiene che la sua ricerca, anziché rispondere alle esigenze di pochi, ha provato che tutti, sul luogo di lavoro, finiscono per trarre vantaggio da tali accorgimenti: migliori spazi di lavoro fisici, maggiore flessibilità e comunicazione dei propri bisogni. Ma alcuni capi potrebbero pensarla diversamente, ha detto Ballard, ed essere riluttanti a concedere flessibilità. “A volte i datori di lavoro pensano che fare questo tipo di modifiche e mettere in atto degli accorgimenti equivalga a lasciare che le persone facciano di meno, o abbassare gli standard,” ha detto.

Ma ammette che ci sia da trovare un equilibrio. Per le persone con problemi di salute mentale, è importante non perpetuare comportamenti disfunzionali. Se qualcuno ha un disturbo d’ansia sociale, per esempio, potrebbe essere utile non metterlo in posizioni in cui possa sentirsi sopraffatto. “Se crei un ambiente che permetta a qualcuno di isolarsi completamente e di non avere interazioni sociali, questo potrebbe spingerlo a mettere in atto strategie che non gli saranno d’aiuto a lungo termine,” specifica Ballard.

La soluzione sta probabilmente nel mezzo: un flusso di lavoro che faccia mantenere dei contatti tra persone o piccoli gruppi, tralasciando interazioni sociali non necessarie. Ecco perché è importante avere manager preparati a lavorare con tutti i tipi di neurodivergenza, conclude Ballard, in modo che possano notare quando le persone stanno facendo fatica. Queste conversazioni, come i cambiamenti ambientali, peer Austin finiscono per avere un impatto positivo anche sui manager.

* È stato usato soltanto il nome o uno pseudonimo per proteggere l’identità dell’intervistato.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .