Pubblicità

Ora puoi guardare porno e contemporaneamente salvare gli oceani dalla plastica

Per ogni persona che guarda questo video, PornHub donerà dei soldi a un'organizzazione che si occupa di ripulire spiagge e mari dai rifiuti.

di Tim Fraanje
29 agosto 2019, 9:37am

Screenshot via YouTube.

Mentre io faccio la spesa o compio altre banali attività quotidiane, Boyan Slat—il giovanissimo e visionario inventore—sta ripulendo la “zuppa di plastica” dei nostri mari con il suo progetto Ocean Cleanup.

Certe volte, quando ci penso, la mia autostima si riduce a quella di un gamberetto congelato. Mi paralizzo: voglio dare una mano anch’io, ma come? Non ho un grande cervello con cui spacchettare grandi problemi come Boyan.

Ecco perché molti come me hanno salutato positivamente l'ultima iniziativa di PornHub, che già qualche anno fa aveva fatto parlare di sé annunciando che avrebbe piantato un albero ogni 100 video guardati sulla piattaforma.

Stavolta, per ogni visitatore del film porno The dirtiest porn ever, l’azienda farà una donazione a una organizzazione di beneficenza che ripulisce gli oceani.

Nel video in questione, diffuso con una versione teaser anche su YouTube, si vede la super coppia del porno LeoLulu che si esibisce in tutta la ginnastica sessuale possibile su una spiaggia piena di rifiuti, mentre un manipolo di persone con addosso le tute bianche tira su lattine e confezioni di plastica.

Prima di guardare il video, ero onestamente scettico rispetto. Perché qualcuno dovrebbe scegliere di guardare gente fare sesso su una spiaggia inquinata, se—con lo stesso numero di click—può guardare gente fare sesso in una piscina appena tirata a lucido?

Eppure, funziona: perché le star del film non sono i corpi scolpiti di Leo e Lulu, ma i raccoglitori di rifiuti—che pure rimangono fuori dallo schermo per buona parte del tempo. Se è con loro che PornHub si opererà per ripulire gli oceani, possiamo stare certi faranno un buon lavoro. Negli 11 minuti e 44 secondi in cui Leo e Lulu fanno sesso qui e là, questi eroi anonimi, con immensa discrezione, raccolgono lo sporco. Il porno stimola l’appetito sessuale, ma il fatto che l’intera spiaggia venga pulita mentre le pornostar fanno il loro lavoro offre un piacevole diversivo allo spettatore.

Guardare porno mi ha sempre trasmesso sensazioni piacevoli, bastava focalizzarsi solo sull’aspetto sessuale. Il pensiero di data center succhia energia che tengono su i siti porno, dei dati personali che finiscono chissà dove, delle ombre nell’industria del porno e del benessere fisico e mentale di molti performer potrebbe benissimo trasformare la visione di un video in una spirale di angoscia.

Ma l’unico fluido corporeo che può scorrere dopo questo video è quello di moccio e lacrime, e l’unica cosa da fare per riprendersi è guardare le cose dalla giusta prospettiva.

Il desiderio di un mondo migliore può avere un posto anche nel porno, e possiamo finalmente smettere di nasconderci. Vicini ficcanaso, lasciatemi stare: sto solo aiutando il mondo. E dovreste farlo anche voi!