Pubblicità
Tech by VICE

Un buco enorme e misterioso si è appena aperto in Antartide

Per capirci, è grosso quanto il Piemonte, la Lombardia, il Veneto e il Trentino-Alto Adige MESSI INSIEME.

di Kate Lunau
11 ottobre 2017, 5:50am

Il Mare di Weddell dell'Antartide. Immagine:  Jeff Schmaltz/LANCE/EOSDIS Rapid Response/Jesse Allen/NASA

Un buco grosso quanto il Piemonte, la Lombardia, il Veneto e il Trentino-Alto Adige MESSI INSIEME si è appena aperto in Antartide, e gli scienziati non sono sicuri del perché.

La gigantesca e misteriosa voragine è "degna di nota," mi ha spiegato al telefono il fisico atmosferico Kent Moore, professore al campus Mississauga dell'Università di Toronto. "È un po' come se qualcuno avesse fatto un buco nel ghiaccio."

Un'immagine del buco nel bel mezzo del mare antartico. Immagine: MODIS-Aqua via NASA Worldview; sea ice contours from AMSR2 ASI via University of Bremen

Le aree d'acqua circondate dal mare antartico come questa sono conosciute come polinie. Si formano nelle regioni costiere dell'Antartide, mi ha spiegato Moore. Ciò che è strano in questo caso, però, è che questa polinia si trova "in profondità nel ghiaccio," ha detto, e deve essersi formata attraverso altri processi che ancora non comprendiamo.

"È a centinaia di chilometri dalla costa ghiacciata. Se non avessimo avuto un satellite, non avremmo mai saputo che si trovava lì." (Nel suo momento di massima estensione misurava 80,000 k㎡.)

Negli anni '70 era stata osservata un'altra polinia nella stessa zona, ovvero il Mare di Weddell dell'Antartide, secondo Moore, che sta lavorando con il gruppo Southern Ocean Carbone and Climate Observations and Modelling (SOCCOM) dell'Università di Princeton per capire cosa sta succedendo. Al tempo, gli strumenti di osservazione degli scienziati non erano così buoni, così il buco è rimasto in gran parte ignorato. Poi è sparito per 40 anni, fino all'anno scorso, quando si è riaperto per qualche settimana. E ora è successo di nuovo.

"Questo è il secondo anno di seguito in cui si apre, dopo essere rimasto chiuso per 40 anni," ha spiegato Moore. (Si è riaperto attorno al 9 settembre.) "Stiamo ancora cercando di capire che cosa sta succedendo."

Potrebbe essere facile accusare il cambiamento climatico dell'apertura di questo strano buco — D'altronde si tratta di un fenomeno che sta facendo cambiare aspetto a tutto il mondo, Antartide inclusa. Ma Moore ha spiegato che è "prematuro." Gli scienziati possono dire con certezza, però, che le polinie avranno un grande effetto sugli oceani.

"Una volta che il mare antartico si scioglie, hai un grosso contrasto di temperature tra l'oceano e l'atmosfera," ha spiegato Moore. "Può generare dei fenomeni di convezione." L'acqua più fredda e densa scivola in fondo all'oceano, mentre quella più calda emerge in superficie, "e ciò può fare sì che la polinia rimanga aperta, una volta che il fenomeno si innesca."

Grazie alle osservazioni svolte dai satelliti e dai robot per le profondità marine, Moore e i suoi collaboratori stanno lavorando a una ricerca non ancora pubblicata che mira a rispondere ad alcune di queste domande. "Rispetto a 40 anni fa, la quantità di dati che abbiamo a disposizione è assurda," ha detto.

L'Antartide sta attraversando dei cambiamenti piuttosto violenti, e capire perché un gigantesco buca si apra improvvisamente sarà un passaggio chiave per comprendere il sistema nella sua interezza.

Non è la prima volta che parliamo di Antartide e Artide:

Come gli italiani "pescano i segreti del clima" dal Mare Antartico

L'ultimo viaggio dell'Italica verso l'Antartide

Il cambiamento climatico ha fatto chiudere una stazione di ricerca in Antartide

Ho esplorato l'Artico in canoa per vedere gli effetti del cambiamento climatico

Ho trascorso un anno in Antartide alla ricerca dell'isolamento spaziale

Seguici su Facebook e Twitter

Tagged:
Tech
Motherboard
ambiente
scoperte
riscaldamento globale
antartide
cambiamento climatico
natura
satelliti
ghiaccio
buco in antartide