Pubblicità
Droga

L'oceano sta riversando chili di cocaina purissima sulle spiagge delle Fiji

Più di 100 pacchi di cocaina si sono arenati sulle coste dell'arcipelago Lau e dintorni.

di Gavin Butler
20 settembre 2018, 8:45am

Foto via Unsplash.

Negli ultimi mesi più di 100 pacchi di cocaina si sono arenati sulle coste delle isole Fiji. I primi ritrovamenti sono stati fatti sulle isole dell'arcipelago Lau—31 panette, per un totale di 40 chili e un valore stimato di circa 12 milioni di euro, sono arrivate su una spiaggia di sabbia bianca finissima (coincidenze?), e nel corso della notte ne sono spuntate dal mare altre nove.

Nel corso di queste sei settimane, le maree hanno portato a riva decine e decine di chili di cocaina, e l'area dei ritrovamenti si sta espandendo: dalle isole Lau fino a Bua, Taveuni e Yasawa. La polizia ha il sospetto che altre partite potrebbero essere state scaricate al largo delle isole deserte. Si tratta di cocaina purissima, contrassegnata con un misterioso sigillo che raffigura un bufalo in una prateria.

Ma nessuno ha capito da dove provenga.

Un agente della polizia locale, Sitiveni Qiliho, ha confermato questa settimana che è in corso un'indagine congiunta con le autorità australiane e la marina delle isole Fiji per cercare di risalire all'origine della merce. Per adesso, però, il principale aiuto alla polizia è venuto dalla buona volontà dei residenti che per caso hanno trovato della cocaina a riva e l'hanno segnalata.

Nonostante la richiesta delle autorità di non aprire i pacchi, molti di quelli che arrivano nelle mani delle forze dell'ordine sono già stati manomessi, come riporta il Fiji Times.

"Abbiamo chiesto ai cittadini di non aprirli perché potrebbe essere pericoloso," riferisce Ana Naisoro alla Fiji Broadcasting Corporation. "Si tratta di cocaina purissima e come ho già detto la sicurezza dei cittadini è la nostra prima preoccupazione."

Qiliho, però, sostiene che la cocaina sia stata gettata in mare circa un anno fa e che la sua destinazione non dovessero essere le Fiji.

"È stata gettata in mare ma era destinata a raggiungere un altro luogo," dice. "Ora stiamo lavorando per capire da dove provenga... Siamo in contatto con le forze dell'ordine australiane per capire se ci possono aiutare a sondare la zona dove pensiamo sia stata scaricata la cocaina."

"Continueremo le indagini, perché da quanto emerso potrebbero esserci altri [pacchi] dispersi in mare."

Ma cosa ne pensano i cittadini delle isole Fiji?

"La gente è curiosa di sapere a chi appartiene tutta questa cocaina e perché sia finita proprio alle Fiji," spiega Akosita Talei, reporter della Fiji Broadcasting Corporation, via mail. "È molto preoccupante se si considerano le ingenti quantità ritrovate in pochi mesi, e il fatto che siano sparse su diverse isole è ancora più spaventoso."

"Da quanto tempo si trova lì? Si tratta di una cosa nuova o va avanti da anni? Quello che è successo fa sorgere diverse domande."

Panette con un marchio simile sono state scoperte a Tonga a poche settimane di distanza dai primi ritrovamenti nelle Fiji. Se i sospetti di Qiliho fossero corretti, la cocaina potrebbe effettivamente aver viaggiato per centinaia di chilometri, trasportata dalle correnti oceaniche, fino alle coste delle isole Fiji.

Ancora in dubbio su dove trascorrere le vacanze di Natale?