PayPal non rimborserà il troll che ha donato 50.000$ su Twitch per scherzo

Le donazioni erano state fatte un po' alla volta nel corso di un paio di giorni.
13.6.16
Tip Donaldson di NoSleepTV era tra le "vittime" del troll. Immagine: LiveStreamFails

La streamer di Twitch Lea "LegendaryLea" May è abituata a ricevere donazioni PayPal sul suo canale di videogiochi, ma persino lei è rimasta paralizzata a gennaio scorso, quando qualcuno di nome iNexus_Ninja le ha versato 250 dollari durante una sessione di Hearthstone. Poi altri 250.

"Che cavolo stai facendo?" ha detto Lea mentre la somma donata da iNexus_Ninja ha raggiunto i 750 dollari. In poco tempo, la somma versata è arrivata a 11,500 dollari, e a quel punto Lea ha mollato del tutto il gioco e si è messa a ballare per la stanza.

Pubblicità

Lea era in estasi, e chi non lo sarebbe stato. Somme del genere sono un grosso aiuto per chi ha debiti studenteschi o non può permettersi una vita migliore. iNexus_Ninja ha fatto la stessa cosa con altri streamer come

NoSleepTV

,

Sodapoppin

e

Dizzykitten

, per un totale che si aggira intorno ai 50.000 dollari. Ma come spiega

LiveStreamFails

in un video su YouTube caricato di recente, questo apparente filantropo era solo un troll della peggior specie. iNexus_Ninja aveva infatti progettato di annullare la transazione via PayPal dopo un mese, periodo sufficiente per essere certo che gli streamer avessero ormai speso parte della cifra ottenuta. Eppure, in questo bizzarro mondo in cui viviamo, certe malefatte vengono punite come meritano: PayPal si è rifiutata di rimborsare la transazione.

iNexus_Ninja è un ragazzino australiano di 18 anni che risponde al nome di Anthony Archer. Un tweet poi rimosso scoperto mesi fa da alcuni redditor lasciava intuire che Anthony avesse usato la carta di credito dei genitori per gli imbrogli, carta che sembra aver retto il colpo alla grande.

Non è la prima volta che questi stessi streamer di Twitch ricevono grosse cifre di denaro per lo spettacolo che offrono. Come ha raccontato il Daily Dot un paio di anni fa, nel 2013 un misterioso utente di nome "Amhai" ha iniziato a rovesciare palate di soldi su alcuni streamer che giocavano soprattutto all'espansione di World of Warcraft Mists of Pandaria. Chance "Sodapoppin" Morris ricevette 50.000 dollari—una signora donazione, insomma—e Lea May 22.000 dollari. Anche un altro giocatore, Isaac "Azael" Cummings-Bentley è stato tra i fortunati, e ha ricevuto 33.000 dollari per girovagare su Azeroth.

Pubblicità

Non si è mai scoperto granché su Amhai, anche se alcune voci basate sul suo nome, video come questo e poco altro ipotizzavano che il donatore fosse un magnate del petrolio di Dubai o qualche altra città del Medio Oriente. Cummings-Bentley ha stretto un legame più approfondito con Amhai, e ha detto che niente di tutto ciò corrispondeva a verità.

"Non credo che voglia che venga detto chissà cosa sul suo conto," ha spiegato Cummings-Bentley all'epoca. "È solo una persona davvero davvero ricca."

La stessa cosa deve valere per i genitori di Anthony Archer. Ma non devono aver reagito tanto bene alle azioni di Archer, a giudicare dallo status attuale del suo profilo su Twitch:

Ah, bé. Per chi di voi si stesse preoccupando del significato di questa frase, sappiate che la cosa non gli ha impedito di distribuire in giro codici di gioco. Starà benone. Deve essere bello essere ricchi.

Ho contattato Archer per un commento, ma non mi ha risposto.

Aggiornamento: Archer ha dichiarato che PayPal ha bloccato il suo account per aver donato troppi soldi. Per ora ha declinato le nostre richieste, ma saremo felici di aggiornare questo articolo con le sue parole se e quando lo riterrà opportuno.

Seguici sulla nostra nuova pagina!