FYI.

This story is over 5 years old.

Il francese sarà la lingua del futuro, ma solo se fai male i calcoli

Dati alla mano, i paesi con il maggiore boom demografico saranno anche francofoni. Siamo davvero destinati a ripescare il dizionario di francese che usiamo come pezza sotto il tavolo?
27.3.14

Immagine: gadl/Flickr

Se ho imparato qualcosa dai film sui viaggi nel tempo, è che tutti, ovunque e in ogni momento storico, parlano sempre la mia lingua madre, che in questo caso è l'inglese. Nel passato, l'inglese degli antenati ha una spolverata di accento britannico, mentre nel futuro è parlato senza alcuna inflessione e con un suono ampolloso. Forse siete troppo abituati a vedere film tradotti in italiano, ma se fate parte di quella cerchia di infognati che amano i telefilm in lingua originale, dovreste apprezzare gli sforzi che ha fatto la scienza per tracciare l'evoluzione dell'inglese parlato.

E ora arriviamo al punto: che accento avranno le persone del futuro? Secondo un recente studio pubblicato dalla banca d'investimento Natixis, la lingua più parlata del 2050 non sarà l'inglese o una sua variante, e neppure il mandarino. Sarà il francese.

Il francese. Bizarre, n'est-ce pas?

Il francese non è nemmeno la lingua più parlata al momento—è sesta dopo mandarino, inglese, hindi, spagnolo e arabo—e la popolazione della Francia non è che stia proprio vivendo un boom demografico. Ma la lingua francese ha un asso nella manica: è molto parlata nell'Africa sub-sahariana, una delle regioni in più rapida crescita del mondo. L'ultima proiezione è che il francese sarà parlato da 750 milioni di persone entro il 2050—l'8 percento degli esseri umani parlerà francese, contro il tre percento di oggi. E quattro su cinque di quei francofoni vivranno in Africa .

Nel frattempo, la quota della lingua inglese scenderà presumibilmente dall'otto al cinque percento.

Ma, come alcuni hanno fatto notare, questa previsione non è necessariamente vera, e dimostra una comprensione piuttosto dubbia di come funziona il linguaggio—cioè, guardando solo le proiezioni nazionali di crescita della popolazione e la "lingua ufficiale" del paese. Sembra quasi che qualcuno stia barando, visto che il francese è una delle lingue ufficiali per 32 paesi, numero secondo solo all'inglese, che ne vanta ben 45.

“In realtà l'inglese sarà ancora la lingua più usata al mondo entro il 2050," ha detto Alexandre Wolff dell'Osservatorio della lingua francese. "Questo [studio] riguarda 32 stati dove il francese è la lingua ufficiale, e qui le previsioni sono senza dubbio impressionanti, ma non prendono in considerazione la coesistenza delle lingue, che è una realtà diffusa in molti paesi," ha detto.

Se mettiamo da parte i dubbi riguardo al brusco calo di popolazione cinese che lo studio dà già per buono, dobbiamo comunque ipotizzare che i paesi francofoni in via di sviluppo—che poi sono, il più delle volte, ex colonie della Francia e del Belgio nell'Africa sub-sahariana—abbraccino la lingua di Napoleone con grande entusiasmo. Be', la storia ci dice che le cose vanno diversamente.

Prendiamo l'esempio dell'Algeria—ha fatto parte della Francia fino al 1962, e ora solo la metà della sua popolazione parla francese, lingua che non ha più uno status ufficiale. Ora il francese degli ex colonialisti è in competizione con le lingue ufficiali, l'arabo e il berbero.

New Geography scrive che, a sud del Sahara, i paesi che in passato hanno avuto grandi popolazioni di lingua francese, e che avrebbero dovuto vedere triplicato il numero di francofoni nel mondo dal 1945 ad oggi, stanno invece passando all'inglese a causa della sua importanza nell'Africa del sud e a livello internazionale.

E pensare che il prossimo centro di potere nel continente africano probabilmente sarà, sia in termini economici che demografici, la Nigeria—un ex colonia britannica, dove la lingua ufficiale è l'inglese. Entro il 2050, la Nigeria dovrebbe raggiungere i 440 milioni di abitanti, rispetto ai 400 milioni circa degli Stati Uniti. Le previsioni dicono che la popolazione del paese africano, ricco di petrolio, sfiorerà i 914 milioni entro il 2100, e che forse passerà davanti alla Cina, diventando il secondo paese più popoloso al mondo, dopo l'India.

Uno sguardo alla classifica dei paesi a più rapida crescita del globo ci dice che quelli con i tassi demografici più alti (anche se non sono proprio precisi) contano anche l'inglese tra le lingue ufficiali, come Zimbabwe, Sud Sudan, Malawi e Giordania. L'eccezione la fa il Libano, che è in cima alla lista. Tuttavia, la lingua francese potrebbe non passarsela bene a Beirut.

Secondo le statistiche del Ministero della pubblica istruzione del Libano, citate dal quotidiano The Daily Star, il 62,5 percento di tutte le scuole libanesi ha offerto il francese come seconda lingua per l'anno scolastico 1999-2000. Questa percentuale è diminuita al 55,8 percento nel 2005-2006. Nello stesso periodo, le scuole che offrono l'inglese sono aumentate dal 19,7 al 21,6 percento. Anche il Qatar ha un tasso di crescita demografica elevata, e fa parte della lega francofona, ma è pur sempre vero che lì l'inglese è molto utilizzato per parlare di affari.

Comunque sia, caro francese—sei una lingua bella e senza dubbio estremamente utile—sarai tu la langue de l'avenir? Peut-être, peut-être pas. In ogni caso, l'egemonia linguistica dell'inglese non deve essere una scusa per tralasciare la grammatica. You understand?