FYI.

This story is over 5 years old.

La Sony minaccia di fare causa a Twitter

La Sony riterrà Twitter responsabile della diffusione delle email hackerate, se gli account di chi le ha diffuse non verranno bloccati.
29 dicembre 2014, 10:17am
​Immagine: 360b/Shutterstock

La battaglia di Sony contro la diffusione delle mail hackerate è arrivata a coinvolgere, dopo i canali di informazione e gli utenti di Twitter, Twitter stesso. Gli avvocati di Sony hanno minacciato Twitter di conseguenze legali se la compagnia di social networking non bloccherà gli account che stanno condividendo le indiscrezioni trapelate dall'attacco alla compagnia, secondo alcune mail di cui noi di Motherboard siamo entrati in possesso.

La lettera—mandata da David Boies, l'avvocato che Sony ha assunto per affrontare le conseguenze dell'attacco hacker, a Vijaya Gadde, general counsel di Twitter—afferma che se "le informazioni rubate continueranno ad essere condivise su Twitter in qualsiasi modo," Sony riterrà "Twitter responsabile di qualsiasi danno o perdita derivato da questa diffusione operata da parte di Twitter."

Nella lettera, Sony chiede che Twitter condivida la responsabilità legale con Val Broeksmit, un musicista che ha postato alcuni screenshot delle mail hackerate di Sony su Twitter. Broeksmit ci ha poi girato la mail. L'ufficio legale di Twitter ha detto a Broeksmit, che utilizza l'account @bikinrobotarmy, di "non poter fornire alcun consiglio legale. È auspicabile che lei contatti il suo legale per questa questione."

Sony ha chiesto che Twitter "acconsenta a tutte le future richieste di rimozione connesse ad altri account che vogliono diffondere le informazioni rubate via Twitter. Inoltre vi chiediamo di girare ai proprietari di tali account una copia di questa lettera, chiedendo che il proprietario dell'account cessi la pubblicazione di informazioni rubate via Twitter."

Un portavoce di Twitter ha confermato che la lettera è autentica ma ha rifiutato di commentare la risposta della compagnia. Quando gli è stato chiesto se la compagnia avrebbe cancellato i tweet di Broeksmit, il portavoce ha affermato che, in questo momento, i tweet sono ancora presenti sul sito.

La lettera che Sony ha mandato a Twitter è molto simile alla lettera che Sony ha mandato a Broeksmit, che era a sua volta simile agli avvertimenti mandati ai giornalisti che hanno parlato delle informazioni trapelate dall'attacco a Sony.

"SPE non consente a Twitter o a qualsiasi utente di Twitter il possedimento, la recensione, la copia, la condivisione, la pubblicazione, l'upload, il download o qualsiasi uso delle informazioni rubate e richiede la vostra cooperazione nel sospendere gli account che condividono le informazioni rubate via Twitter," afferma la mail.

Un portavoce di Twitter mi ha detto che il social media non permette la condivisione delle informazioni private di un'altra persona, ma che permette i collegamenti a tali informazioni.

"Controlliamo tutti i contenuti segnalati che violano le nostre regole, le quali proibiscono la condivisione delle informazioni private di un'altra persona. Per favore abbiate presente che questo si applica a contenuti (testi o immagini) postati all'interno di un tweet: non seguiamo i link per applicare le nostre regole ad altri siti. Se un utente o una compagnia (per esempio, Sony) manda una notifica di rimozione DMCA, la rendiamo visibile su Chilling Effects," ha affermato il portavoce, facendo riferimento al sito finalizzato alla catalogazione delle richieste di rimozione di contenuti inoltrate da parte del governo e di compagnie ai social media.

La lettera mandata da Boies a Twitter non è una richiesta DMCA di rimozione, tuttavia—sembra più una minaccia legale. Abbiamo cercato di contattare Sony e aggiorneremo questo post non appena sapremo qualcosa di più.

La lettera di Sony a Twitter