FYI.

This story is over 5 years old.

Alla ricerca della tomba di Genghis Khan, dallo spazio

Come un "moderno Indiana Jones" e migliaia di archeologi amatoriali stanno cercando una delle tombe più nascoste della storia.
7.1.15
​Immagine: Vidor, Wikimedia

Genghis Khan ha fatto di tutto perché nessuno potesse mai scoprire il luogo della sua sepoltura. I soldati che scortarono la sua salma uccisero chiunque incontrarono sul loro cammino, trucidarono le persone che costruirono la tomba e vennero poi uccisi a loro volta. Si dice che le truppe mongole fecero passare mandrie di cavalli sopra il tumulo e deviarono addirittura il corso di un fiume per nasconderlo meglio. L'area dove si pensa che Genghis Khan sia stato sepolto è uno dei patrimoni culturali più importanti della Mongolia—il cui nome, Ikh Khorig, viene tradotto come "Grande Tabù".

Pubblicità

Per 800 anni—fino al 1989—a nessun archeologo venne permesso l'accesso all'area e la prima esplorazione venne fortemente contestata dagli abitanti del luogo.

"I mongoli odiano chiunque tenti di accedere alle tombe o si aggiri per i cimiteri che appartengono al loro territorio," spiega Mongolia Today. "Secondo un'antica tradizione, i luoghi di sepoltura sono aree proibite a cui non si può accedere per nessun motivo."

Forse è anche per questo che la regione suscita un grande interesse negli archeologi di tutto il mondo. Con la prima spedizione effettuata nell'area vennero identificate 1380 cavità sotterranee che potrebbero essere tombe della nobiltà mongola, forse precedenti a Genghis Khan.

A causa delle proteste, tuttavia, nessuno di questi siti è stato esaminato. Si creò un'impasse: la tomba di Genghis Khan è molto importante dal punto di vista archeologico e conoscere la sua posizione è fondamentale per proteggerla dalle attività minerarie illegali che hanno luogo nell'area. Allo stesso tempo, però, è doveroso portare rispetto a chi abita in quei luoghi.

Una soluzione elegante a questo problema è arrivata grazie all'azione di due fonti insospettabili: un uomo descritto come l'"Indiana Jones dei nostri giorni" e alcuni archeologi dilettanti. Non sono esattamente queste le persone che vorresti vedere lavorare in un luogo sacro: e, fortunatamente, nessuno di loro si è dovuto recare materialmente nell'area.

Nonostante il soprannome, Albert Yu-Min Lin, del Center for Interdisciplinary Science in Art, Architecture, and Archaeology presso la University of California di San Diego, ha trovato il modo per cercare la tomba di Genghis Khan senza toccare o danneggiare alcunché: ha invitato chiunque fosse interessato a questa impresa a indicare potenziali luoghi di investigazione da casa propria su alcune immagini riprese da satelliti che si trovano a una rispettosa distanza di sicurezza orbitale.

Questi "esploratori" atipici sono stati invitati a mappare fiumi e strade, a segnare sia strutture moderne che costruzioni potenzialmente antiche su migliaia di immagini satellitari ad altissima risoluzione della regione. Il terreno da coprire era molto vasto (600 chilometri quadrati), ma si sono fatti avanti moltissimi volontari. Il sistema è stato inaugurato nel giugno del 2010 e, in soli 90 giorni, 5.838 persone hanno contribuito con più di 1,2 milioni di tag. Entro la fine dell'anno oltre 10.000 partecipanti avevano generato 2,3 milioni di tag—secondo quanto affermato dai risultati iniziali dello studio, pubblicati recentemente su PLOS One.

I risultati hanno fornito ai futuri esploratori una grande quantità di materiale. "Tra 100 luoghi accessibili identificati dai volontari," afferma lo studio, "sono stati confermate 55 potenziali anomalie archeologiche dal team che si trova sul campo."

Non è stato ancora annunciato quale sarà il prossimo passo, ma sono chiare le grandi potenzialità di questo metodo per la ricerca della tomba del condottiero mongolo o per le indagini in altri luoghi rilevanti.

"Utilizzare i metodi archeologici tradizionali sarebbe irrispettoso nei confronti dei credenti," ha detto Lin al National Geographic. "La possibilità di esplorare l'area in modo non invasivo ci permette di cercare di risolvere questo antico mistero senza oltrepassare le barriere culturali. Ci permette anche di dare più potere ai ricercatori mongoli, fornendo loro strumenti a cui non potrebbero avere accesso altrimenti. Il mondo di oggi beneficia ancora della capacità che Genghis Khan ebbe di connettere l'Oriente all'Occidente. Ha creato relazioni internazionali che da allora non si sono mai interrotte. Localizzando la sua tomba speriamo di portare l'attenzione di tutti sull'importanza di questa eredità."