FYI.

This story is over 5 years old.

Tour

La scultura allucinogena della performance di Flying Lotus

Ci siamo fatti raccontare da Strangeloop e Timeboy come hanno ideato il cubo che abbiamo visto all'ultima performance di Flying Lotus.
4.11.14

Immagini gentilmente concesse da Timeboy

Alla performance newyorchese del tour di Flying Lotus, You’re Dead, il pubblico ha assistito all'apertura di Thundercat con gli occhi fissi sul gigantesco ipercubo colorato posto dietro l'artista. Tutti hanno subito capito che questa scultura sarebbe stata una parte centrale dell'evento, ma nessuno sapeva esattamente cosa sarebbe successo. Mentre Thundercat deliziava il pubblico con un'intricata combinazione di bassi, l'incombente scultura rimaneva lì nella sua maestosità ad attirare l'attenzione dei presenti. In pochi minuti una delle facce dell'enorme installazione si è illuminata di un turbinio di visual frattali e Flying Lotus è apparso come una silhouette all'interno dell'ipercubo, una figura nera con un paio di occhiali aviator al posto degli occhi.

“Lo chiamiamo il Layer³(pronunciato LayerCubed)-show ora,” mi ha detto David Wexler nel suo studio di Los Angeles. Con lo pseudonimo di Strangeloop, Wexler ha prodotti molti dei visual per Brainfeeder e ha collaborato con artisti come John King, conosciuto anche come Timeboy, per creare lo show di proiezioni live per il tour del 2012 di FlyLo. La loro prima creazione è stata battezzata Layer 3. Wexler la descrive così: “sostanzialmente l'insieme di due proiettori, uno schermo proiettato anteriore e uno posteriore. Si può ottenere un certo effetto di tridimensionalità perché abbiamo una proiezione in primo piano, Flying Lotus che suona dietro e un'altra proiezione dietro di lui.” Il team ha continuato ad utilizzare Layer 3 per i live, arricchendolo con nuovi visual a ogni performance. Per questo tour, invece, Strageloop e Timeboy hanno trasformato l'esperienza live da un 3D virtuale a un 3D vero e proprio.

Il palco è diventato all'improvviso completamente buio, per poi tornare in vita con un kick drum sintetico che coincideva con i flash di luce che rivelavano la presenza di Flying Lotus all'interno della scultura. I pannelli della struttura si sono aperti verso di lui come enormi frecce lampeggianti. La luce ha ancora una volta lasciato spazio al buio pesto e l'artista si è rivolto al pubblico. “My friends, my friends. Thank you all for coming. But I regret to inform you all… You’re dead.” Il set è stato improvvisamente immerso da luci rosse e blu che hanno introdotto il sound esplosivo accompagnato dalle animazioni cinetiche incredibili create da Strageloop e Timeboy.

Prima che iniziasse lo show gli spettatori non avevano la minima idea di cosa sarebbe successo.

Per quanto pianificato potesse essere lo show, ogni cosa è successa nel momento in cui il pubblico la vedeva. “È una performance completamente improvvisata,” mi ha detto Kings. “Può essere che FlyLo suoni qualcosa di totalmente astratto che nessuno di noi ha mai sentito o che tutto si guasti all'improvviso.” La sincronizzazione tra la musica e i visual era completamente affidata alla reattività di Wexler e King a ciò che il performer stava suonando, e dunque anche al loro istinto. King descrive la connessione con il collega come “quasi telepatica”. Dopo due anni di lavorazione agli aspetti di Layer 3, hanno raggiunto un nuovo traguardo. “Ora abbiamo un enorme arsenale di contenuti da cui trarre ispirazione,” afferma Wexler. “Abbiamo grandi momenti di flow e sincronia e troviamo nuove cose ogni volta perché niente è pianificato o previsto.

Se wexler è la mente dietro i contenuti visuali e King è il creatore del progetto fisico Layer³, si occupano entrambi di creare le animazioni originale e selezionano i lavori di altri animatori per lo show. Il concerto al terminal 5 di NY si è aperto con una raffica di cadaveri disegnati dal celebre illustratore di manga giapponese Shintaro Kago e animati da Wexler. Scott Pagano, che si occupa dei visual dei concerti di Skrillex, ha contribuito, così come Beeple di “Kill Your Coworkers”, e un misterioso artista russo di nome Unc. Le varie estetiche combinate in un'esperienza cinematica con pezzi dei video musicali di FlyLo hanno arricchito la performance.

Flying Lotus - You're Dead! di Warp Records su Vimeo.

In un'epoca in cui i maggiori creatori di musica elettronica hanno elaborato performance con orchestre di proiettori, Wexler e King hanno deciso di trovare il modo di fare qualcosa di diverso. “ISAM è stato il punto di partenza,”afferma King, facendo riferimento all'incredibile giungla geometrica di Amon Tobin. Lui e Wexler avevano assistito a un'anteprima di ISAM prima che venisse lanciata nel 201, e i due sono d'accordo nell'affermare che è stato un punto di cruciale cambiamento. “Dave e io ci siamo guardati e ci siamo detti: beh, più in là di così con il projection mapping non si può andare, non si può creare niente di migliore in questo ambito,” ha affermato King.

Ma mentre il set fisico di ISAM era protagonista assoluto dello show, con solo momentanee apparizioni del performer, Wexler e King hanno creato la struttura della scultura in modo che Flying Lotus fosse messo in grande evidenza. Layer³ è un mezzo tesseratto all'interno del quale FlyLo suonava: era visibile come un'ombra dietro il materiale traslucido dello schermo in primo piano adattato da Layer 3. Di volta in volta i visual dietro lui creavano effetti stroboscopici, creando frame immobili della sua figura. E ogni volta la folla impazziva. “Fin dall'inizio volevano che sembrasse che tutte le immagini e i visual emanassero dai movimenti di FlyLo, e che fosse lui l'energia propulsiva della performance,” mi ha detto Wexler. “Non volevamo che visual fossero semplicemente un grande spettacolo dietro al musicista, ma che fossero qualcosa in cui lui si trovasse incorporato.”

Visual dalla scultura Layer³ durante la performance di Flying Lotus. Immagine di Strangeloop

Circa alla metà del set al terminal 5, FlyLo ha suonato le prime note di Zodiac Shit, uno dei suoi pezzi e video più conosciuti. Ha urlato “I'm back in New York” e al secondo beat Layer³ è esploso delle forme familiari di Lilfuchs, arricchite da una pioggia di meteoriti di luce bianca. Ad ogni dettaglio sonoro del pezzo, i visual si illuminavano e pulsavano. E intanto Wexler e King, invisibili, si stavano scervellando su una consolle, dando forma alla prossima combinazione grafica che avrebbe infiammato qualsiasi pezzo FlyLo avrebbe deciso di mettere.

segui Abdullah Saeed on Twitter: @imyourkid

You're Dead, il nuovo LP di Flying Lotus è uscito all'inizio di ottobre. Per informazioni sull'album e sulle tappe del tour You're Dead, cliccate qui.