Identità

Dopo anni di relazione, il mio ragazzo etero mi ha confessato di essere bisessuale

"Non basare la tua reazione sui pregiudizi e ricordati che, se è attratto da te e ti ama, continuerà comunque a farlo."
DF
traduzione di Daniele Ferriero
Milan, IT
19.7.21
Un ragazza e un ragazzo
Illustrazione di Blacksneakers.

Sono stato abbastanza fortunato da scoprire la mia bisessualità quando ero ancora single, e non ho dovuto fare coming out con una ragazza mentre stavamo insieme in una “relazione eterosessuale.” Tuttavia, so bene quanto possa essere spaventosa e complessa una simile dichiarazione. Mi è persino successo di sentirmi dire diverse volte—in special modo da uomini gay più anziani di me—”Anch’io ero bisessuale, una volta.” E ogni volta mi son dovuto trattenere dall’urlargli in faccia che siamo tutti diversi, e che ognuno ha il proprio percorso e le proprie preferenze sessuali.

Pubblicità

Questo è il problema di chi fa coming out da bisessuale con i partner o con chiunque altro: non veniamo creduti. Pensano tutti che sia solo una fermata verso Gay Town. D’altro canto, quando invece veniamo creduti siamo investiti da un nugolo di stereotipi: ci dicono che siamo ingordi e voraci, confusi, che diffondiamo infezioni sessualmente trasmissibili, non siamo in grado di essere monogami, e via dicendo.

Se poi sei una donna in una relazione con un uomo che si è appena rivelato come bisex, il tuo compagno potrebbe essere preoccupato del tuo giudizio e degli stereotipi, così come della tua eventuale rabbia o delusione, e potrebbe anche temere di essere lasciato. Ma c’è una buona notizia: ora puoi supportare al meglio il tuo ragazzo, riducendo lo stigma sociale e la bifobia. Ovviamente, hai tutto il diritto di fare domande o avere dei dubbi a riguardo. Cominciamo quindi a esaminare un po’ di questioni, partendo da quelle più comuni.

Cosa implica per la nostra relazione il suo coming out?

Nient’altro che quello che entrambi deciderete a riguardo. “Dipende,” ribadisce il terapeuta relazionale e sessuale Todd Baratz. “Ogni relazione è unica, così come ogni individuo, coi propri desideri, bisogne e strutture.” In primo luogo, il tuo ragazzo sta comunicandoti una verità che lo riguarda, non importa cosa accadrà da ora in avanti.

Pubblicità

“Questa persona sta semplicemente dichiarandosi? O sta affermandolo nella speranza di poter esplorare la propria sessualità con altri partner? Questo è il fattore decisivo per il risultato del coming out,” afferma Baratz.

Jan, di 28 anni, ha vissuto con la sua ragazza Lara-Jean, sua coetanea, per quasi tre anni prima di rivelarsi. Entrambi sono stati monogami per tutta la durata della loro relazione, e Lara-Jean non sapeva che Jan fosse bisessuale. “Farlo sapere alla mia ragazza è stata la cosa più difficile io abbia mai fatto,” ha confidato Jan. “Avevo paura mi allontanasse.” Tuttavia, sapeva di doverlo fare, perché temeva che tenere segreta l’informazione potesse distruggere il loro rapporto e “Volevo sapesse ogni cosa di me.”

Lara-Jean ha provato a rispondere positivamente, ma si è spaventata all’idea che questo implicasse la rottura del loro rapporto. “Volevo dargli sicurezza,” racconta lei. “Ma qualche secondo più tardi ho cominciato a piangere, perché non avevo idea cosa questo significasse per noi due. Mi sentivo confusa e insicura,” dice Lara-Jean, temendo che Jan la lasciasse per un uomo, benché non fosse assolutamente nei piani.

Se il tuo ragazzo te lo ha detto per condividere questa parte della sua vita, o perché vuole essere maggiormente in connessione con la comunità LGBTQ+, allora non c’è bisogno intervengano troppi cambiamenti nel vostro rapporto. Rimane infatti la stessa persona di cui ti sei innamorata, con la stessa identica personalità. L’unica differenza è che è anche attratto dagli uomini.

Detto questo, lui stesso potrebbe essere incerto sul senso del coming out: forse è una semplice affermazione di sé oppure vuole davvero esplorare la sua sessualità con un uomo. Col tempo potrebbe cambiare ma, nell’immediato, vuole solo condividere con te la sua identità. Potrete discuterne ancora e a più riprese, mano a mano che impara a conoscere i suoi desideri.

Pubblicità

Se il mio ragazzo si dichiara bisessuale vuol dire che non è attratto da me?

No, assolutamente! Se dice di essere bisessuale… probabilmente lo è, credigli. Se ti sei sentita amata e desiderata anche prima, non c’è ragione per smettere ora. Hai presente il fatto che continui a essere attratta da altre persone anche se sei in una relazione monogama? Hai scelto di non andare a letto con altri, ma ciò non significa che tu non possa guardare dei bei ragazzi o fantasticarci sopra. Non implica che non ami il tuo partner o non ne sei attratta. Significa solo che sei un semplice essere umano.

Per il tuo ragazzo vale la stessa regola, per quanto ti metta a disagio. E non necessariamente devi conoscere tutti i particolari riguardo alle sue fantasie sessuali—i desideri personali possono essere più o meno privati a seconda di quel che due persone in una relazione stabiliscono, a prescindere dai generi e dagli orientamenti sessuali.

Come gestisco la mia reazione se mi sento ancora un po’ insicura?

Se il tuo ragazzo ti sta dicendo che è attratto da te e non vuole lasciarti, be’, ascoltalo. Tuttavia, se le tue insicurezze non riguardano tanto la relazione in sé ma più che altro quello che implica, “cosa significa” o “chi è lui davvero”, devi gestire questi pensieri privatamente e non rendere i tuoi pregiudizi un problema altrui.

Poiché viviamo in una società che afferma la mancata esistenza degli uomini bisessuali, è comprensibile tu abbia simili timori o abbia interiorizzato lo stigma sociale riguardo alla bisessualità: è questo a guidare la tua insicurezza. Riconosci il fenomeno per quello che è, nella sua sostanza: omofobia e bifobia internalizzate. Puoi imparare qualcosa di più a riguardo se visiti bi.org e Bisexual Resource Center.

Come mi comporto se vuole fare coming out con gli amici o dirlo pubblicamente?

Pubblicità

Supportalo con la famiglia e gli amici! Non sarà facile per lui, ma averti al suo fianco lo aiuterà molto. Non sarà facile neanche per te, potresti essere giudicata. Qualcuno potrebbe dire o pensare che stai negando l’evidenza, cioè l’omosessualità del tuo ragazzo. Ma si tratta di miopia e cattiveria, non lasciare che ti tocchino con la loro intolleranza, e rassicuralo che non la pensi come loro.

Cosa posso fare per supportarlo e fargli sapere che può fidarsi di me?

“Fai in modo la questione sia incentrata su di lui e non su di te,” afferma Rachel Wright, terapeuta professionale ed educatrice sessuale. Sta a te chiedergli come supportarlo, dirgli che va tutto bene e ribadire il tuo amore e desiderio di restare insieme. “Se il tuo partner sta condividendo con te una parte così importante della sua vita, significa che ha fiducia tu possa dargli lo spazio necessario per farlo,” dice Wright.  

Ribadisci anche che non hai intenzione di lasciarlo. “Digli che l’ami,” consiglia Wright. Digli che vuoi sia felice, soddisfatto e che potete lavorarci insieme: potresti supportarlo quando ne parla con i genitori, o magari potresti introdurre tu, previo accordo, il discorso agli amici. E se non ti spiega quello di cui hai bisogno, prova tu a chiederglielo e assicurarti vada tutto bene.

“A prescindere dalla sessualità e da quanto siete stati insieme a qualcuno, con il tempo si tende a crescere ed evolvere,” sottolinea Wright. “Scopriamo nuove cose su noi stessi.” Ma se ci sono cose che non vuoi o puoi accettare, come ad esempio una relazione aperta, fallo presente esplicitamente. Non sei assolutamente obbligata!

Pubblicità

Cosa devo fare se il mio ragazzo vuole fare sesso con altri uomini?

Non necessariamente il suo coming out significa che vuole fare qualcosa, può darsi voglia limitarsi a essere. Può darsi il tuo partner sia ben felice della sua monogamia e di esprimere i suoi desideri in privato, tramite il porno o la masturbazione. Ma può anche essere che voglia capire come reagisci all’idea di una relazione aperta—ricordati però che essere bisessuale non significa automaticamente rinunciare alla monogamia.

Chiaramente, il tuo ragazzo non può pretendere una relazione aperta, se tu non sei dell’idea o vuoi prendere le cose lentamente. Se non capisce o reagisce bene, non si tratta più di una questione legata alla bisessualità, ma al rispetto reciproco. In tal caso, non farti problemi a farglielo notare.

Jan e Lara-Jean sono poi riusciti a trovare un giusto compromesso nel loro rapporto: Jan si è sentito compreso, nonostante non avesse mai avuto prima esperienze sessuali con uomini, e Lara-Jean si è sentita rassicurata dalla discussione. “La mia curiosità col tempo è cresciuta sempre più, fino a non poterla ignorare,” racconta Jan. “Quando mi sono confidato con Lara-Jean è stata molto dura per lei.”

Col tempo, tuttavia, si sono chiariti. Lara-Jean ha accettato di avere una relazione aperta, limitando però il campo soltanto agli uomini, per permettere a Jan di esplorare la sua sessualità. Ora i due sono poliamorosi e Jan ha sia una ragazza che un ragazzo.

Secondo Lara-Jean, “Il nostro amore è diventato ancora più forte.” E Jan la pensa allo stesso modo. “Non mi sono mai sentito così vicino a Lara-Jean,” afferma. A prescindere da tutto, questa nuova era fatta di onestà, trasparenza e accettazione reciproca può garantire a chiunque l’opportunità di sentirsi ancora più vicini—e a proprio agio con se stessi.