Attualità

Ora che non sarà più presidente, Trump rischia grossi guai con la giustizia

Lo scudo legale della presidenza finisce non appena Trump lascia l'incarico, ossia il prossimo 20 gennaio. Ecco cosa potrebbe succedere da quel momento in poi.
10.11.20
donald trump casa bianca washington
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ascolta una discussione alla Casa Bianca a Washington, D.C., il 23 agosto 2018. Foto di Yuri Gripas/Bloomberg via Getty Images.

La clamorosa sconfitta di Donald Trump alle elezioni presidenziali solleva una domanda interessante: quanto rischia di finire nei guai con la giustizia?

Lo scudo protettivo della presidenza ha ora una data di scadenza—il 20 gennaio 2021, giorno in cui Trump lascerà l’incarico. Ma è difficile capire come i procuratori affronteranno la pila di prove incendiarie che lascerà dietro di sé.

L’eventuale decisione di accusare Trump di uno o più reati significherebbe portare in tribunale un ex presidente degli Stati Uniti, con il rischio di far finire il primo mandato di Joe Biden in una controversia estenuante. Una mossa del genere farebbe inoltre arrabbiare i sostenitori di Trump, che si è dipinto per anni come la vittima della “sinistra” e di una possibile persecuzione giudiziaria.

Pubblicità

Anche nel caso in cui i procuratori raccogliessero abbastanza prove, la rinuncia a un processo per il bene dell’unità nazionale solleverebbe un altro problema ancora: qualsiasi futuro presidente potrebbe sentirsi incoraggiato a fare del suo peggio, infrangere qualsiasi regola e commettere crimini—sapendo che tanto il paese non potrebbe sopportare la sua caduta.

Non agire, in altre parole, sarebbe come ammettere che chiunque arrivi alla presidenza possa farla franca in un modo o nell’altro; compreso potenzialmente lo stesso Trump, se decidesse di ricandidarsi nel 2024.

“Il prossimo procuratore generale dovrà decidere non solo se presentare un’accusa, ma se sia proprio il caso di farlo,” ha detto Barbara McQuade, ex procuratrice federale di Detroit. “Vogliamo essere il tipo di paese in cui un presidente viene perseguito dall’amministrazione del suo successore? O vogliamo essere un paese in cui un presidente può commettere crimini impunemente, senza alcuna conseguenza?”

Il rischio di essere accusato è un pensiero che ossessiona Trump, dice l’ex avvocato di Trump Michael Cohen. Il quale sostiene che Trump stia cercando con tutte le sue forze di restare attaccato al potere, per paura di cosa succederà appena lascerà l’incarico.

“La sconfitta in queste elezioni segna l’inizio della fine per le sue aziende e le sue finanze,” ha detto Cohen a VICE News. “Perché potrebbero finire in galera lui, svariati membri della sua famiglia o i dirigenti delle sue aziende.”

A chi spetta la decisione di accusare Trump

La neo eletta vice presidente Kamala Harris, ex procuratrice, ha detto che Trump dovrebbe assolutamente affrontare le accuse penali a suo carico non appena lascia l’incarico.

La decisione dovrebbe essere presa da un procuratore generale indipendente, ha detto Harris durante le primarie democratiche. Ma qualsiasi figura imparziale arriverebbe a una sola conclusione: “Sono convinta che non avrebbe altra scelta, e che sia giusto così, sì,” ha detto Harris all’emittente pubblica Npr.

Biden è stato più cauto. Ha detto che non inviterà il suo futuro procuratore generale a condurre un’indagine su Trump o perseguirlo—ma al tempo stesso, non si opporrà se decide di farlo.

Pubblicità

Biden è consapevole del fatto che un processo contro Trump potrebbe dividere ulteriormente il paese, aggiungendo che “non è molto salutare perseguire ex presidenti in un contesto democratico.”

Tuttavia, alcune inchieste sono già aperte a livello statale. Cyrus Vance, procuratore distrettuale di Manhattan, sta già sondando gli affari finanziari di Trump. Se Vance decidesse di portare avanti le accuse a livello statale, lo farebbe a prescindere da qualsiasi caso federale aperto dal Dipartimento di Giustizia.

Di quali reati è accusato ora Trump, e di quali potrebbe essere accusato una volta fuori dalla Casa Bianca

Sia a livello federale che a livello statale, un’eventuale indagine avrebbe abbondanti prove da considerare.

Vance per l’appunto sta scavando a fondo negli affari finanziari di Trump, mentre i suoi magistrati hanno trascinato Trump fino alla Corte Suprema per poter vagliare le dichiarazioni dei redditi del presidente, nonché altri documenti finanziari.

Cohen ha detto che Trump lo ha spinto a comprare il silenzio di donne che erano state a letto con Trump—in una serie di eventi che hanno portato lo stesso Cohen in prigione. L’ex avvocato sostiene inoltre che l’azienda di famiglia abbia manipolato le valutazioni dei suoi beni per fini fiscali e assicurativi.

Cohen, che ha documentato la rottura con Trump in un recente libro autobiografico, sostiene che la più grossa vulnerabilità dell’ex presidente siano gli affari di famiglia.

Pubblicità

“Trump aveva bisogno di queste elezioni come le persone hanno bisogno dell’ossigeno per vivere,” ha detto Cohen. “Ora si apriranno un sacco di controversie. Non è stata solo una sconfitta politica, ma anche la fine degli affari di Trump, delle sue finanze e forse della sua libertà.”

Il procuratore generale dello stato di New York, Letitia James, sta conducendo un’indagine civile separata sempre sugli affari di Trump, ma qualsiasi cosa venga fuori da questi accertamenti potrebbe finire nel fascicolo penale aperto da Vance.

Stando inoltre a una lettera pubblica firmata da più di mille ex procuratori, il report finale sulle interferenze russe nelle elezioni del 2016, condotta dell’ex procuratore speciale Robert Mueller, contiene prove sufficienti per spiccare un’accusa di ostruzione alla giustizia nei confronti di Trump.

Secondo diversi ex procuratori ed esperti legali sentiti da VICE News, anche lo scandalo con l’Ucraina, che ha portato l’anno scorso alla richiesta di impeachment (poi respinta dal Congresso), hanno fatto emergere anche prove di altre possibili violazioni—dalle violazioni finanziare fino all’intimidazione di testimoni.

Tuttavia, poiché accusare Trump scatenerebbe una reazione di non poco conto, i procuratori vogliono essere certi che le accuse siano davvero granitiche.

Anche se non l’hai mai fatto nessuno, Trump potrebbe graziarsi da solo

Trump potrebbe cercare di sfuggire a tutto ciò con la grazia presidenziale. Ma questo gli tornerebbe comodo solo fino a un certo punto.

Prima di tutto, Trump dovrebbe dimettersi prima della fine del mandato e far sì che il vice presidente Mike Pence gli conceda una grazia “preventiva.”

Pubblicità

Una cosa simile è successa all’ex presidente Richard Nixon. Dopo il Watergate, Nixon si è dimesso nel 1974 e ha fatto sì che il suo successore, il presidente Gerald Ford, gli concedesse la grazia. Va comunque puntualizzato che una grazia federale non proteggerebbe Trump dalle accuse statali.

Trump potrebbe però decidere di estendere il “trattamento Nixon” anche ai membri della sua famiglia e ai suoi alleati, che a quel punto sarebbero protetti dalle accuse di reati federali.

“Penso che in seguito a una sconfitta concederà la grazia a molte molte persone, compreso se stesso, la sua famiglia e i suoi amici,” ha detto a VICE News Harry Sandick, ex procuratore federale del distretto sud di New York.

Non è chiaro se i tribunali permetteranno a Trump di graziarsi da solo, ma alcuni esperti legali pensano che possa avere una possibilità. “Nessuno però l’ha mai fatto finora,” ha concluso Sandick.