Uno studio ha monitorato 631 persone mentre morivano. Ecco cos’ha scoperto

Lo studio internazionale più ampio mai condotto sulla fisiologia della morte dimostra che la morte "é più come un continuum che come un interruttore."
12.3.21
m
Immagine: Siqui Sanchez via Getty.

Gli esseri umani hanno da sempre una paura irrazionale che i morti possano tornare in vita. È la trama del Nuovo Testamento, la ragione per cui alla fine dell’Ottocento le persone installavano piccole campanelle dentro le bare dei loro cari defunti, e fonte di tensione per chi si occupa di assistenza terminale oggi.

Attualmente, parte del lavoro del personale medico è confermare alle famiglie al capezzale di una persona in fin di vita che la fine è effettivamente sopraggiunta; eppure la morte in sé resta un mistero—persino nel campo della ricerca medica.

Le mille domande senza risposta che abbiamo su argomenti come la morte cerebrale, la morte cardiaca e via dicendo hanno alimentato “miti e disinformazione”, dice Sonny Dhanani, responsabile della terapia intensiva pediatrica all’ospedale di Eastern Ontario.

“Riteniamo che [le storie sui morti che tornano in vita] condizionino le persone nel momento in cui devono dare il consenso per la donazione degli organi di una persona cara, e condizionino la comunità medica nel momento in cui deve proporre la donazione alle persone,” spiega. “Volevamo fornire una prova scientifica per la comprensione medica della morte.”

Pubblicità

In uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, Dhanani e il suo team hanno riportato i risultati della più ampia analisi internazionale sulla fisiologia della morte mai condotta. A quanto pare, i vivi possono dormire tranquilli, più o meno.

Tra il 2014 e il 2018, i ricercatori hanno osservato le funzioni cardiache di 631 pazienti distribuiti in 20 unità di terapia intensiva tra Canada, Repubblica Ceca e Olanda, dopo che erano stati staccati del respiratore. Gli scienziati hanno scoperto che il 14 percento dei morti mostrava una debole attività cardiaca—misurata in base all’attività elettrica del cuore e alla pressione sanguigna—dopo un periodo di assenza totale di polso.

Ma i dottori al fianco dei pazienti non hanno mai sbagliato un accertamento di morte. “Nessuno è vissuto. Sono morti tutti. Nessuno è tornato in vita,” ha detto Dhanani.

La scintilla durava sempre poco—l’attività cardiaca più tardiva si è palesata 4 minuti e 20 secondi dopo che il cuore di quella persona aveva smesso del tutto di battere—e non era comunque abbastanza forte da poter sostenere gli altri organi, come il cervello.

I dati “ci aiutano a comprendere come definire da un punto di vista medico la morte, che appare più come un continuum che come un interruttore,” spiega Joanna Lee Hart, pneumologa e professoressa al dipartimento di medicina dell’Università della Pennsylvania.

Pubblicità

“I nostri corpi sono progettati per restare in vita… e per cercare di tenerci in vita, pompano le sostanze chimiche vitali finché possono,” Ha scritto Hart in una email a Motherboard. Ma, ha aggiunto, “una volta che il processo della morte ha inizio, è molto difficile far tornare un corpo alle condizioni in cui è possibile per una persona sopravvivere.”

Questo dovrebbe essere di conforto alle famiglie e ai medici che assistono pazienti in fin di vita. Tra le altre cose, la ricerca afferma che le pratiche attuali, che prevedono in genere che il medico aspetti cinque minuti di polso assente prima di dichiarare l’ora del decesso, funzionano. A quel punto, la raccolta degli organi donabili può iniziare in tutta sicurezza.

Per quanto esistano ancora un’infinità di domande sulla morte, sul morire e su cosa ci sia dopo la morte, questo studio—che difficilmente sarà mai ripetuto, data la sua ampiezza—è un po’ l’ultima parola almeno rispetto alle domande sull’attività cardiaca post-mortem.

“Dichiarare la morte di qualcuno è un’esperienza profondamente emotiva per chiunque,” dice Dhanani. “Speriamo che lo studio rigoroso della morte e del morire, senza essere spaventati da questa conversazione, sia di aiuto.”