La triste verità dietro l'ultimo report annuale di Pornhub

Pornhub ha fatto uscire un simpatico comunicato stampa con le celebrità più cercate sulla loro piattaforma. Quello che non dice è che il risultato di queste ricerche è spesso porno non consensuale.
27 febbraio 2020, 12:27pm
deepfake porno VIP pornhub
Immagine: Cathryn Virginia

Appena prima della fine dell'anno, Pornhub ha condiviso le sue statistiche annuali. Essendo il sito porno più visitato del mondo, i suoi dati ci possono dire molte cose sui desideri e le voglie degli esseri umani.

Quest'anno, il report di Pornhub ha incoronato il "celebrity porn" come uno dei generi più cercati. In cima alla classifica ci sono le celebrità che hanno qualche legame con il sex work o di cui esistono famosi sex tape, come Belle Delphine, Kim Kardashian e Lena the Plug. Ma ci sono anche alcune persone famose—in maggioranza donne—che non hanno mai avuto contatti con la pornografia, come Miley Cyrus, Selena Gomez, Taylor Swift e Gal Gadot.

Tuttavia, dato che Pornhub non è in grado o non ha interesse di controllare la pornografia non consensuale sulla sua piattaforma, cercare questi nomi porterà immediatamente l'utente a trovare dei video porno deepfake di queste donne.

Ariana Grande, per esempio, è stata cercata più di 9 milioni di volte su Pornhub nel 2019, mentre Selena Gomez 7,3 milioni di volte. Come succede per molte celebrità sulla lista di Pornhub, la ricerca porterà immediatamente gli utenti a video porno deepfake che le ritraggono, il che è una violazione dello stesso regolamento di Pornhub.

I deepfake pornografici di queste donne compaiono nelle prime pagine di risultati e sono stati visti migliaia di volte, secondo i numeri divulgati dallo stesso Pornhub. Questi video rappresentano un profitto per Pornhub, perché le pagine che li ospitano contengono pubblicità.

A febbraio 2018, dopo che l'opinione pubblica ha chiesto alle aziende di prendere posizione sui deepfake sulle loro piattaforme, Pornhub si è unito a Reddit, Discord, Twitter e molte altre promettendo di vietare i deepfake come parte della sua politica del "no al porno non consensuale". Il sito ha escluso il termine "deepfake" dalla sua funzione di ricerca e un paio di canali dedicati dalle sue categorie, ma ci sono ancora montagne di porno deepfake su Pornhub, e le celebrità sono i primi e più frequenti bersagli di questo tipo di abuso.

Le statistiche dei siti porno vanno sempre prese con le pinze perché non possiamo verificarle indipendentemente. L'unico dato che testimonia che le persone cerchino i nomi di queste persone famose su Pornhub milioni di volte è il fatto che il sito l'ha scritto nel suo comunicato stampa. Ma quello che ha scelto di sottolineare dimostra che Pornhub sa quanta gente va sul suo sito e che cosa cerca. Il fatto che esista ancora pornografia non consensuale dall'altra parte di queste ricerche dopo che l'azienda ha ripetuto più volte di averla vietata, dimostra che non è capace di farci nulla. O, se non vogliamo essere così generosi, dimostra semplicemente che a Pornhub non frega niente.

Pornhub non ha risposto alla nostra richiesta di commento.

Pubblicità