Un gruppo di scienziati sta per immergersi in un cratere oscuro nel fondo dell’oceano

La dolina marina 'Green Banana' si estende per 130 metri dal fondo dell'oceano e contiene di certo qualche segreto.
03 agosto 2020, 8:46am
doline marine
Prospettiva di un sommozzatore della dolina marina di Amberjack. Immagine: AJ Gonzales/Mote Marine Laboratory

Alcuni scienziati si stanno preparando per un tuffo nelle profondità di una dolina marina—un raro tipo di buco nel fondo dell’oceano—al largo della costa della Florida.

La spedizione scientifica nella dolina, chiamata “Green Banana”, rivelerà nuove informazioni su questi fantasmagorici pozzi marini: per esempio, la natura della fauna che li abita e la potenziale relazione che hanno con le falde acquifere. Nel 2019, un’altra missione simile aveva sondato gli abissi di una dolina chiamata Amberjack.

“Sarà la prima volta che studiamo da vicino Green Banana, e non vediamo l’ora di paragonare le due doline (da un punto di vista chimico e biologico),” ha detto via email Emily Hall, membro della spedizione e scienziata del Mote Marine Laboratory.

“Ha una forma diversa ed è più profonda, quindi non sappiamo cosa troveremo!” ha aggiunto. “È uno degli aspetti migliori delle esplorazioni… sarà tutto nuovo ed eccitante!”

Le doline marine si trovano in tutto il mondo e possono estendersi fino a 300 metri di profondità, che è quanto misura approssimativamente il Dragon Hole nel mare della Cina. Inutile dire che calarsi in questi pozzi sottomarini può essere molto pericoloso—la dolina Blue Hole nel Mar Rosso in Egitto è uno dei siti di immersione più letali al mondo.

Detto ciò, questi crateri sono habitat unici nel loro genere, e possono contenere coralli, molluschi, tartarughe marine o persino squali. Forniscono anche nutrimento agli ecosistemi adiacenti, cosa che gli è valsa, nel tempo, la fama di “oasi” del mare, e che li rende destinazioni affascinanti per la ricerca scientifica.

Hall fa parte di un team di scienziati che lavorano per diverse istituzioni accademiche e la spedizione avrà il sostegno del Dipartimento per l’esplorazione e la ricerca oceanica dell’agenzia americana NOAA.

“Crediamo che [le doline marine] siano antiche fonti o doline carsiche che si sono formate forse più di 8.000 anni fa, quando la Florida era molto più estesa,” ha detto Hall a proposito dei siti, benché, ha aggiunto, potrebbe esserci ancora molto da imparare sull’origine e l’evoluzione di queste caverne.

“Ogni cratere che abbiamo studiato finora ha le sue particolarità, chimiche e biologiche,” ha sottolineato.

Il team si è già immerso nella dolina di Amberjack, che si trova a circa 50 chilometri a ovest di Sarasota, nel Golfo del Messico, a maggio e settembre dell’anno scorso. I sommozzatori sono scesi a oltre 30 metri dalla superficie del mare prima di raggiungere solo il bordo dell’abisso, che sprofonda poi per altri 70 metri abbondanti.

1595417453862-GOPR1209

Immersione nella dolina di Amberjack a novembre 2019. Immagine: Brad Tanner/Mote Marine Laboratory

Il membro della spedizione Jim Culter, scienziato del Mote Marine Laboratory, ha descritto la discesa nell’Amberjack come “un contrasto tra estremi” via email.

“In superficie, l’acqua è molto calda, circa 30°C e in genere limpida (in estate),” ha detto. “Man mano che scendi, l’acqua diventa più fredda e un termoclino (un cambio repentino di temperatura) è evidente tra i 20 e i 30 metri di profondità, e la visibilità è spesso ridotta.”

“Al bordo del cratere è dove avviene gran parte dell’azione, tra pesci, tartarughe, crostacei, piccoli coralli, spugne di mare,” ha continuato. “Superando il bordo e andando più a fondo l’acqua diventa più fredda e la luce svanisce. Un secondo termoclino appare tra i 30 e i 45 metri di profondità e la temperature è intorno ai 15°C.”

A quel punto, ha spiegato, le specie marine di grossa taglia come i coralli e i pesci sono sostituiti da nubi di batteri e dall’odore di “uovo marcio” dell’acido solfidrico.

“Il fondo è morbido, limoso e si smuove facilmente,” ha detto Culter. “È buio finché non guardi in alto e vedi l’apertura rotonda del cratere.”

Hall, che è rimasta vicino al bordo della dolina nelle immersioni precedenti, ha spiegato: “Senti una scarica di adrenalina e ti fai un sacco di domande… cosa c’è laggiù? A cosa conduce? Posso andare un po’ più giù ancora? Principalmente lavoriamo, raccogliamo campioni di acqua, di sedimenti, contiamo le specie, ma per qualche secondo ci fermiamo a contemplare lo scenario, meravigliati.”

Oltre a prendere campioni dell’habitat, il team ha scoperto carcasse intatte di due pesci sega sul fondale e ne ha riportato uno in laboratorio per studiarlo.

Questi cimiteri marini naturali sono costantemente nutriti da cose morte che arrivano da più in superficie, ma i ricercatori hanno notato anche un flusso di nutrienti nel senso opposto nella dolina di Amberjack.

“Vediamo concentrazioni molto più alte di nutrienti in questi pozzi rispetto all’acqua circostante,” ha detto Hall. L’origine non è del tutto chiara, ma potrebbe derivare dai sedimenti sul fondo, o dalle maree, o forse dal collegamento con una rete acquifera più ampia.

Hall e colleghi sperano di trovare risposta ad alcune di queste domande durante la spedizione nella Green Banana, che misura circa 130 metri di profondità, con l’imboccatura a 45 metri dalla superficie del mare. L’origine del suo nome non è nota, ma Culter dice che, stando alle dicerie, la gente del posto l’ha chiamata così dopo aver visto un casco di banane verdi galleggiarci dentro.

Il team esplorerà la dolina questo agosto e a maggio 2021, e sperano di trovare e sondare altre di queste strane strutture naturali nei prossimi anni.

“Ci occupiamo solo di doline in mare aperto, a 30 chilometri o più dalla costa,” ha detto Culter. “Conosciamo l’esistenza solo di circa 20 doline con queste caratteristiche, e sono luoghi in cui siamo stati personalmente, o di cui abbiamo studi affidabili.”