Quanto ci vuole perché Alba Dorata si dia al terrorismo?

A quanto pare, in Grecia sta già succedendo.

|
apr 3 2013, 9:57am


Sostenitori di Alba Dorata a una manifestazione. Foto via

Come molti altri Paesi, la Grecia ha sempre avuto la sua buona dose di nazionalisti di estrema destra. Operativi sotto appellativi leggermente più vendibili come “patrioti” o “anticomunisti”, in passato hanno commesso crimini tremendi—tra cui l'assassinio della storica figura della sinistra Gregoris Lambrakis, nel 1963—ma nessuno di loro può competere con gli estremisti odierni, gli attivisti di Alba Dorata.

Per darvi un'idea, Alba Dorata è il partito neofascista greco il cui capo, Nikolaos Michaloliakos, ha passato un periodo in prigione nel 1979 per porto illegale di pistole ed esplosivi. Più di recente, alcuni sostenitori del partito sono stati collegati all’uccisione di immigrati per le strade di Atene, a episodi di violenze nei confronti sia di immigrati che di anarchici, e, seguendo la tradizione avviata dal loro capo, arrestati in più di un’occasione per il possesso di armi ed esplosivi.

Ma per il momento il più preoccupante è il caso del bombarolo di Sparta. Il 31 agosto dell’anno scorso, a Sparta, una bomba è esplosa nelle mani di un uomo di 38 anni. Il suo obiettivo è ancora ignoto. Il complice dell’attentatore, un trentaquattrenne non ancora identificato, è stato arrestato e poi rilasciato dopo aver fatto la sua deposizione, malgrado la polizia avesse trovato in casa sua più di 60 bombe, fucili e maschere. Da allora non è stata resa pubblica nessun’altra informazione, e la stampa greca ha insabbiato la faccenda.

Alcuni resoconti da Sparta identificano sia la vittima che il suo complice come membri del gruppo locale di Alba Dorata, cosa che suggerisce come l’estrema destra greca stia guardando al terrorismo per far passare il suo messaggio. Per capire l’effettiva possibilità di ulteriori episodi di terrorismo politico in Grecia ho parlato con Dimitris Psarras, un giornalista investigativo greco il cui libro, La Bibbia nera di Alba Dorata, è una delle inchieste più approfondite sul partito.


Dimitris Psarras.

VICE: Il caso di Sparta non ha avuto alcuno sviluppo, e sembra che sia stato insabbiato dai media. Che cosa sai in proposito?
Dimitris Psarras: Non so nulla di più. È un caso molto strano, e abbiamo cercato di fare pressioni per ottenere delle risposte, ma non è ancora uscito niente.

Perché è fermo?
È la fase preliminare del processo. Le autorità non hanno nessun obbligo di diffondere dettagli alla stampa prima del processo, ma in questo caso sono state davvero reticenti. Inoltre, il loro modo di gestire il caso non segue le procedure di altri casi di terrorismo, in cui abbiamo avuto nomi e fotografie fin dal primo momento. Stavolta non abbiamo visto niente del genere. 

Pensi che sia in atto una “strategia della tensione”? Alba Dorata sta cercando di manipolare la gente attraverso la paura?
Credo che stia già succedendo. L’attuale strategia di Alba Dorata è esattamente quella. In un’intervista, Ilias Panagiotaros, uno dei deputati di Alba Dorata, ha effettivamente affermato che “C’è già una guerra civile.” Vogliono costringere l’altra parte a commettere atti violenti, proprio come la strategia della tensione usata in Italia negli anni Settanta.

Quindi stai dicendo che non solo potrebbe succedere, ma che sta senza dubbio già accadendo?
Assolutamente sì. Forse non con l’intensità che avevano le bombe piazzate alla cieca in Italia negli anni Settanta, ma non dimentichiamo che sia Alba Dorata che Michaloliakos hanno trascorsi in quell'ambiente. Anche ultimamente, in effetti, il giornale di Alba Dorata Meandric—distribuito internamente all’organizzazione—ha pubblicato un articolo su Pino Rauti. 

Pensi che Alba Dorata potrebbe provare anche altre tattiche, come compiere attacchi che sembrino responsabilità degli anarchici, per esempio?
Posso soltanto fare delle ipotesi. Considerato che non hanno mai reciso i legami con l’idea di uno “stato profondo” [un ipotetico gruppo clandestino di ufficiali dell’esercito e civili che incastrano i loro avversari per gli omicidi di dissidenti commessi da loro stessi], non lo escluderei. Ma quello sarebbe lo scenario più pessimistico. 


Armi e attrezzature di Alba Dorata trovate nelle case di due individui sospettati di un attentato.

Un paio di giorni dopo la mia conversazione con Psarras, una notizia dalla città greca di Volo è salita agli onori della cronaca. Durante i negoziati per il “salvataggio” cipriota, una sede della Banca di Cipro è stata attaccata con bombe incendiarie, la polizia ha seguito due sospetti e—sorpresa, sorpresa— ha trovato pistole, coltelli, mazze e oggetti di Alba Dorata nelle loro case.

La cosa sconvolgente è che Alba Dorata afferma di non sapere nulla dei due fermati, proprio come apparentemente non sa nulla dei fatti di Sparta. Ma diventerà sempre più difficile nascondersi dietro questo velo di democrazia a favore delle telecamere mentre altre potenziali violenze si profilano all’orizzonte.


Altro su Alba Dorata:

L'alba dei fasci morenti

Nelle strade di Atene, gli immigrati vengono uccisi a coltellate

Altro da VICE
Vice Channels