FYI.

This story is over 5 years old.

Come sono entrata nella massoneria

Abbiamo incontrato Cécile, una stilista francese di 34 anni e la consorella più giovane della sua loggia per discutere dei motivi per cui una persona di quell'età dovrebbe entrare nella Massoneria.
19.6.15

Foto per gentile concessione di

Cécile

I massoni non sono esattamente conosciuti per sbandierare dati sui propri affiliati, ma a quanto mi ha detto un massone qualche tempo fa, dai primi anni Duemila il gruppo sta guadagnando popolarità tra i giovani.

Mi ha anche dato diverse spiegazioni. Oggi, di fronte all'erosione delle istituzioni tradizionali—la chiesa, i luoghi di incontro comunitario, un lavoro stabile—i ragazzi tra i 25 e i 35 anni non hanno lo stesso senso di appartenenza civica dei genitori. Non c'è dunque da stupirsi che in una società siffatta la massoneria—con i suoi simboli e le sue tradizioni—abbia un certo fascino.

Una stilista francese 34enne che chiameremo "Cécile" è uno dei membri più giovani della massoneria francese. Dice che i rituali massonici le hanno dato "la sensazione di condividere qualcosa di profondo con altre persone." L'ho incontrata per discutere della sua appartenenza alla loggia.

VICE: Cosa ti ha attratta della massoneria?
Cécile: È stato un percorso personale, una ricerca. Non sempre la curiosità è razionale. Mi è venuta l'idea di entrarci quando avevo 25 anni, ma sapevo che allora non avevo alcun contributo da offrire. Più tardi, ho incontrato un membro della massoneria e sono rimasta molto affascinata dal suo modo di essere e di parlare. Sono stata risucchiata nel suo mondo.

Come si fa a unirsi alla massoneria?
Ho dovuto scrivere una lettera di presentazione e di intenti. Poi ho dovuto fare un test per determinare se ero sia mentalmente aperta che moralmente integra. Alla loggia serve per scovare il potenziale—per vedere se una persona è in linea con i valori della comunità.

Lo spirito comunitario è molto forte. Mi fa avvertire una connessione con persone che condividono desideri simili ai miei. Non sono mai stata attratta dalla massoneria per motivi di networking. Nella vita, l'aiuto reciproco dovrebbe essere una cosa che va al di là dei confini tra i membri della loggia e gli altri.

Gli interni di una loggia massonica in Canada. Foto via

Wikimedia

Come sono i membri della tua loggia?
Vengono da tutti i ceti sociali e sono di tutte le età. Il loro comportamento, i loro gusti, i loro stili di vita sono vari e costituiscono il mosaico della loggia, per così dire. Direi che l'età media è 47 anni. Molti dei miei confratelli e delle mie consorelle sono molto più grandi di me. Quando sono entrata ho notato che c'erano pochissime persone della mia età. Sono ancora la più giovane, e ho 34 anni.

Oggi, le logge sono più varie. Sono aperte a persone con percorsi di vita differenti. Le affiliazioni politiche e religiose possono essere diverse, ma tutti devono rispettare le regole, tra cui: "Non parlare mai di politica o religione con gli amici."

Gli altri giovani che idea hanno della massoneria?
Molti pensano che sia una setta satanica e simili. Hanno un'idea sbagliata a causa di quello che vedono in televisione o su internet. Non so nemmeno dirti quante cose strane ho sentito al riguardo.

Com'è vivere con questi valori nella società moderna?
Credo che si possa dire che ho un'intimità spirituale con i miei confratelli e le mie consorelle. Lascio le mie preoccupazioni personali al di fuori della loggia. Allo stesso modo, la massoneria esula dai miei rapporti con la famiglia e gli amici.

Il rapporto con le persone che sono a conoscenza del tuo legame con la massoneria è cambiato?
No, assolutamente. Il mio stile di vita e i miei interessi sono cambiati, però. Le notti folli mi interessano sempre meno. Mi sono data una calmata e mi concentro su altre cose. I miei amici sono sempre gli stessi, ma rispetto a prima passiamo il tempo insieme in modo diverso. Adesso ho altri desideri che mi rendono serena. Ma sono entrata solo un anno fa, quindi immagino che il meglio debba ancora venire. Sfortunatamente, non posso dire altro. Segreto massonico.

Puoi dirmi cosa si fa? Ogni quanto vi ritrovate?
È tutto abbastanza rituale. Parliamo di argomenti filosofici. Studiamo i simboli. La mia loggia si occupa più che altro di cose filosofiche, mentre altre si concentrano più sui temi sociali.

Io vado due volte al mese. Che è la frequenza minima. Essere diligenti è un bene, per te e per gli altri. La frequenza regolare è molto importante.

Bene. Cosa mi dici del cliché per cui sareste tutti super intelligenti?
Un sacco di persone pensano che la massoneria abbia un legame con un alto quoziente intellettivo o pretese intellettuali. Ma il mio è un lavoro molto fisico—creo vestiti con le mie mani. Non sono una scrittrice, non ho fatto un percorso accademico importante e non sono parte di una élite intellettuale.

Ti sei mai trovata a fare i conti con opinioni che non condividevi?
Non più che in qualunque altro posto. Politicamente mi considero di destra, mentre la maggior parte dei miei confratelli sono di sinistra. Ma queste piccole diversità scompaiono nell'insieme che è la loggia. Ci rispettiamo, e rispettiamo le differenze tra di noi. Non siamo obbligati a volerci bene, ma quando siamo insieme dobbiamo ascoltarci e tollerarci a vicenda. È parte dei nostri valori.