Come cambia il sesso a seconda della droga che hai preso

Abbiamo consultato i forum a tema droga, comparato gli studi esistenti e chiamato tutte le persone che ci capitavano a tiro—da consumatori a dottori e psichiatri—per mettere insieme questo riassunto di tutte le informazioni sul tema.

|
09 novembre 2015, 12:06pm

"Molte persone fanno uso di droghe," ci ha detto Matthew Johnson, professore di psichiatria e di scienze comportamentali alla Johns Hopkins University. "E molte persone fanno sesso. Dì una droga, e ci sarà qualcuno a cui piace fare sesso quando è sotto gli effetti di quella droga."

Se siete mai entrati in una discoteca, avete mai navigato su internet o siete stati all'università sapete cosa intende. Gran parte dell'umanità adora sballarsi. E dal momento in cui abbiamo capito come gestire queste sostanze abbiamo anche trovato il modo di incorporarle nelle nostre vite sessuali, ampliandone e perfezionandone così i piaceri.

Alcune sostanze hanno un impatto diretto sul nostro modo di vedere il mondo, altre influenzano il nostro cervello al punto che il loro effetto sulle nostre vite sessuali è un disastro totale. Ci possono indurre a prendere decisioni sbagliate e poco sicure, che potrebbero influenzare negativamente la nostra salute e il benessere del partner. E possono anche giocare un ruolo in situazioni in cui mai vorremmo trovarci.

Per aiutarvi, abbiamo consultato i forum a tema droga, comparato gli studi esistenti e chiamato tutte le persone che ci capitavano a tiro—da consumatori a dottori e psichiatri—e messo insieme questo riassunto di tutte le informazioni sul tema.

Tutte le illustrazioni di

Carly Jean Andrews

ALCOL

L'alcol è probabilmente la sostanza più usata per avviare un rapporto sessuale, o in generale per rendersi più disinibiti. Secondo alcuni studi, l'alcol sarebbe coinvolto in metà delle interazioni sessuali in America, almeno tra i giovani—anche se non sappiamo se è usato per ubriacarsi male o come lubrificante sociale. Com'era prevedibile, le storie di sesso e alcol sono numerose. Stando agli aneddoti, alcuni bevitori ottengono maggiore slancio, maggiore eccitazione o facilità nel raggiungere l'orgasmo, mentre per altri l'effetto è opposto.

"Non c'è alcuna prova che le persone godano di più [quando hanno bevuto]," mi dice Johnson. "Probabilmente è solo l'effetto disinibente. L'ansia sociale dell'approccio con un [potenziale] partner si riduce. O si tende a essere più propensi a mettere in atto pratiche sessuali in cui altrimenti non ci si avventurerebbe, soprattutto con un partner nuovo."

Molto di quello che viviamo da ubriachi è semplicemente una conseguenza delle nostre aspettative. Se ci aspettiamo di eccitarci e fare sesso, è proprio quello che faremo o tenteremo in tutti i modi di fare. Qualche drink può rendere più facile esprimere i propri desideri apertamente, o aiutare qualcuno a rilassarsi nella ricerca del piacere. Per molti è tutto qui. Ma se superi una certa soglia le cose cambiano.

L'alcol, soprattutto se consumato in grandi quantità, non solo smorza le inibizioni ma indebolisce anche i processi decisionali a lungo termine, aumentando le probabilità di avere rapporti sessuali non protetti. Il suo effetto sul cervello, sul sistema nervoso e sul corpo può causare disfunzioni erettili negli uomini e difficoltà a raggiungere l'orgasmo in entrambi i sessi. La disidratazione causata dall'alcol può rendere anche difficile la lubrificazione femminile e rendere doloroso il rapporto.

A un livello più blando, il fatto che la sbronza ci faccia vedere le persone che ci circondano più belle di quello che sono è vero. Ma l'alcol ha anche un ruolo importante in casi di coercizioni e stupri, dato che inibisce la consapevolezza di sé e la volontà.

ANFETAMINE

Probabilmente avrete sentito un sacco di storie legate al sesso e alla cocaina. Questo perché gli anfetaminici sono tra i pochi stupefacenti potenti ad avere effetti afrodisiaci. Spesso nelle ricerche correlate alle anfetamine vengono fuori parole come animalesco o invincibile. Nel Casual Sex Project di Zhana Vrangalova (in cui la ricercatrice sta raccogliendo testimonianze di esperienze sessuali occasionali o extra-coniugali) "Aslan", una donna sposata di 34 anni descrive così una notte di sesso sotto gli effetti della cocaina:

"Ho fatto del sesso spinto con un bellissimo sconosciuto. Era quasi surreale. Poi [più tardi] mi sono venuti in mente gli effetti sulla mia reputazione, la possibilità di essere rimasta incinta o di aver contratto malattie sessualmente trasmissibili."

Eppure, c'è chi parla delle anfetamine come strumenti per rimanere svegli e concentrati, mentre altri le trovano inadatte al sesso o vi attribuiscono la propria disfunzione erettile. Secondo Stevan Shoptaw e Larissa Mooney della UCLA, le anfetamine scatenano il liberarsi di dopamina, che provoca il piacere, e di noradrenalina, che ci fa sentire eccitati e concentrati. Ma alterano anche il modo in cui prendiamo decisioni, e spingono a porre un eccesso di enfasi sui desideri personali a breve termine. Fanno aumentare il battito cardiaco e la pressione sanguigna, cosa che può aumentare il piacere fisico ma anche ritardare l'orgasmo.

Tra le varie anfetamine ci sono differenze. Gli effetti della cocaina in genere svaniscono nel giro di un'ora, mentre quelli della crystal meth possono durare anche 12 ore. Ma in genere ti fanno sentire un dio del sesso—tutto sembra fantastico e duri un sacco di più. "C'è gente che continua, continua, continua senza venire mai," racconta Shoptaw a VICE sulle maratone di sesso a base di anfetamine.

Ci sono chiari rischi legati a queste droghe. Focalizzate sul sesso spinto e sulle maratone di sesso, le persone spingono i loro corpi fino al limite, portandolo anche a sanguinare o a un eccessivo affaticamento. Accoppiate alla mancanza di sonno, le anfetamine scatenano una spasmodica ricerca di un partner, e quindi il rischio di contrarre malattie.

A lungo termine, l'utilizzo di anfetamine può portare a disfunzioni erettili. Ma ancora più pericolosa è la possibilità che le anfetamine distruggano i recettori collegati al piacere sessuale, uccidendo così di fatto la tua vita sessuale da sobrio—per non parlare della capacità di essere allegri anche senza una botta, problema purtroppo non così raro tra i consumatori abituali.


Guarda 'Stoned Kids'

ERBA

Insieme all'alcol, l'erba è probabilmente il secondo stupefacente più usato per fare sesso. E come con l'alcol, le esperienze sono spesso molto varie. Alcuni descrivono l'erba come un afrodisiaco che li rende più eccitati e più sensibili o come un rilassante che li aiuta a sciogliersi. Altri dicono che li fa ammosciare. Nonostante ciò, alcuni studi sulla cannabis garantiscono che la maggior parte delle persone sperimentano effetti positivi.

"In generale, i due terzi delle persone segnalano un miglioramento in quell'ambito," ci ha detto Mitch Earleywine, uno psicologo che studia gli effetti della cannabis alla SUNY Albany. "[Alcuni vecchi sondaggi indicano che] gli uomini pensano di essere amanti più attenti dopo aver fumato, e la maggior parte di loro pensa che migliori l'orgasmo e crei un'eccitazione generale."

Un sacco di teorie sostengono gli effetti benevoli dell'erba per il nostro cervello. L'erba può incrementare le sensazioni, e queste a loro volta possono aumentare o smorzare pulsioni sessuali, a seconda dei nostri stati d'animo e ciò che ci circonda.

Come spiega Earleywine, "I cannabinoidi agiscono sulla reattività dell'amigdala. Quest'ultima haa che fare con le sensazioni forti, soprattutto quelle sessuali. In un certo senso, la cannabis può spingere l'amigdala a interpretare gli stimoli come più divertenti o come più sessualizzati del solito."

Ma come possono testimoniare tutti coloro che hanno avuto brutte esperienze con la cannabis, l'erba può anche amplificare la paura e la depressione e causare paranoia. Che può allontanare dalla voglia di fare sesso. Bisogna anche ricordare che alcuni studi correlano un uso cronico dell'erba alla diminuzione della fertilità e ai problemi erettili—che possono essere un po' una merda.

Negli ultimi tempi alcuni attivisti anti-marijuana hanno tentato di etichettarla come la nuova droga dello stupro. Anche se altera la mente, però, non sembra aumentare il rischio di comportamenti a rischio, a differenza dell'alcol e delle anfetamine. E considerando che in molti stati si sta discutendo o attuando la legalizzazione, l'erba è o sarà a breve la migliore in questa lista quanto a sicurezza e affidabilità.

Tuttavia, a causa della mancanza di ricerca specifica, il giudizio è ancora sospeso sugli effetti dei cannabinoidi sintetici—che non raccomandiamo in nessun caso.

MDMA

Nel database del Casual Sex Project ci sono moltissime storie sull'MDMA. Si potrebbe pensare che l'ecstasy sia una droga che unisce le qualità degli anfetaminici a quelle degli allucinogeni. Ma prendiamo la storia di "DJ", un uomo di 30 anni del Connecticut che ha preso uno 0.3 di MDMA per fare sesso con una tipa trovata su un sito d'incontri:

"A un certo punto nella notte in cui mi sentivo come se fossimo in un altro luogo e in un altro tempo. Non mi importava niente se non il piacere. Abbiamo iniziato alle sette di sera e non abbiamo smesso di fare l'amore fino alle sette di mattina."

"L'MDMA pura produce euforia e una sorta di empatia," ci ha detto Karen McElrath, una professoressa della Fayetteville State University. "Molti individui che prendono MDMA pura vivranno una sensazione di vicinanza (anche con sconosciuti), che include sensualità—ma senza il desiderio di sesso penetrativo."

Sia McElrath che Zvi Zemishlany, professore alla Tel Aviv University e autore di uno studio sull'MDMA e le sue proprietà, credono che il desiderio sessuale sia forte quando la sostanza è impura, mescolata con altre.

Alcuni ancora provano a usare l'MDMA pura per fare sesso migliore. Ma il più delle volte la sostanza provoca solo una disfunzione erettile. Finché non provoca ansia (ad alcuni succede), l'MDMA è più indicato a coccolarsi che a scopare.

Non è ancora chiaro se queste proprietà si estendano anche ai surrogati dell'MDMA—come per esempio la MDPV o i vari catinoni sintetici, spesso venduti coma MDMA.

Come spiega McElrath, "I catinoni sintetici sono stati accostati a un aumento del desiderio sessuale, anche se non ci sono stati molti studi a riguardo. I catinoni sintetici contengono proprietà simili alle anfetamine e come queste potrebbero aumentare il desiderio sessuale e modificare l'attività sessuale," e portare a rischi simili.

ALLUCINOGENI

Le sostanze allucinogene psichedeliche e dissociative (un'ampia classe che copre tutto, dal DMT all'LSD alla ketamina al PCP) sono tra le droghe più inaffidabili sul mercato.

"Matthew", un ragazzo di 33 anni che viene da Austin, in Texas, ha raccontato il suo trip arrapante di quando aveva 16 anni: "Ci provavo con tutte le ragazze perché appena ne coglievo lo sguardo capivo che volevano scopare... ho preso una ragazza per i fianchi e l'ho tirata verso di me. Poi mi fermavo ma cominciavo subito con un'altra; era un gioco che facevamo di fronte ai nostri amici. Sono sicuro che loro ci stessero dicendo qualcosa ma noi eravamo nel nostro mondo [sic]."

Ma per altri che l'hanno usato, l'LSD distrae troppo per concentrarsi sul sesso.

Lo stesso vale per la psilocibina, ovvero i funghi allucinogeni. Alcuni dicono che facciano nascere una voglia primordiale, quasi anfetaminica. Altri li descrivono come più simili all'MDMA. È il caso di "Anna", una ragazza di 35 anni che ha raccontato del suo trip di quando aveva 16 anni: i funghetti l'hanno fatta sentire molto legata a un ragazzo per cui non aveva mai provato niente prima, senza alterare le sue capacità fisiche e decisionali.

La stessa variabilità di effetti ce l'hanno tutti i dissociativi e gli psichedelici, dal DMT alla ketamina al peyote al PCP. Queste droghe hanno in comune una sola cosa: l'imprevedibilità.

Secondo Johnson e Michael Kometer, un neuropsichiatra esperto di stati alterati di coscienza dell'Università di Zurigo, questo ha a che fare con gli effetti profondi che queste droghe hanno sul cervello. Ognuna colpisce recettori diversi. L'LSD copre un campo più ampio, il che lo rende molto imprevedibile. Il DMT è molto potente e quasi paralizza, allontanando l'idea del sesso. Il PCP e la ketamina colpiscono così in profondità il cervello da riuscire a fermarti il respiro per qualche istante. Ma con tutte le possibili variazioni, quello che hanno in comune è di allargare le maglie del nostro pensiero razionale, e quindi decisionale.

"Dobbiamo andare più a fondo negli studi," dice Johnson. "Si potrebbe affermare che portino a forme di coscienza più libera... Che possono anche sfociare in attacchi di panico, ansia e confusione all'idea della perdita dei confini dell'io. [Oppure] provocare stati di estasi, per l'intenso sentimento di unione con l'universo."

A seconda di chi sei, dove ti trovi, e al tuo stato d'animo, le esperienze sessuali sotto allucinogeni possono cambiare molto. È tutto molto personale, e ancora poco studiato. Ma basandoci sugli studi sulla psilocibina, Johnson sospetta che questa condizione possa portare a un particolare tipo di empatia, più utile per riaccendere il romanticismo e cementare l'unione di coppie che stanno insieme da tempo. Il che significa che probabilmente le migliori esperienze sessuali sotto allucinogeni sono con persone con cui sei in confidenza, non con il primo che passa.

NITRITI

Noti come popper, i nitriti sono la droga più direttamente collegata al sesso: rilassa il corpo e dà una botta breve ma estremamente intensa, che ti fa sentire molto arrapato. Un 19enne di New York parla delle proprietà del popper su Casual Sex Project—l'occasione è un incontro con un 41enne conosciuto su Grindr: "[Lui] mi offrì del popper... Che mi fece rilassare e rese il sesso più facile."

Anche "Peter," un 33enne del Regno Unito ai primi approcci con un altro uomo, ha raccontato in questo database la sua prima volta con il popper, concentrandosi più sulla botta alla testa:

"La sensazione era così intensa che pensavo mi stesse scoppiando la testa, ed era come se fossimo entrambi posseduti. Ci volevamo a vicenda e a me sembrava di volerlo così tanto che avrei potuto morire [se non l'avessi avuto]. È stato travolgente e intenso... I minuti successivi sono completamente scomparsi dalla mia memoria, ricordo solo che ero davvero arrapato."

Il popper è chimicamente molto semplice. Di solito è nitrito di amile, ma spesso è composto da soluzioni di isobutile, cicloesile, isopentile o nitrito isoamile—tutti vasodilatatori. Cosa ancora più importante per il sesso, queste sostanze non rilassano solo i vasi sanguigni ma anche i tessuti molli, tra cui l'ano e lo sfintere. E questo ha reso il popper la droga d'elezione per gli amanti dell'anale.

Il popper può diventare pericoloso se non conservato correttamente. Può bruciarti se te lo rovesci addosso ed è infiammabile. È anche rischioso per persone affette da determinate patologie. E anche se mescolarlo con altre droghe dà spesso effetti piacevoli, è molto rischioso prenderlo insieme a farmaci per la disfunzione erettile, perché i cambiamenti circolatori improvvisi possono portare al collasso o addirittura alla morte. Per non parlare del rilassamento anale—non sentire dolore significa darci dentro di più, e questo può portare a conseguenze fisiche poco piacevoli.

Shoptaw aggiunge anche di fare attenzione perché sul mercato esistono molti popper contraffatti—e vale in generale: state attenti a quello che prendete, ragazzi.

OPPIACEI

Gli oppiacei, una categoria di cui fanno parte l'eroina e un discreto numero di sedativi, sono forse la categoria meno sexy della lista. L'unica esperienza di sesso sotto oppiacei sul Casual Sex Project è di una 32enne di Seattle che in vacanza al mare, dopo un leggero infortunio, ha rimorchiato un surfista per poi addormentarsi poco dopo per un mix di antidolorifici e alcol. Su altri siti si dice che gli oppiacei annullano il desiderio sessuale, rendendo quasi impossibile avere un orgasmo e provocando per lo più solo un certo torpore.

Gli oppiacei sono tra le droghe meno studiate quanto al loro rapporto col sesso, perché secondo Johnson, raramente sono usati nel contesto di un rapporto. "Sono una categoria diversa rispetto ai sedativi classici come i barbiturici," dice. "Provocano più sonnolenza e uno stato di assopimento, mentre per fare sesso [consensuale] devi essere sveglio."

"Gran parte delle persone dipendenti dall'eroina manifestano scarso desiderio sessuale anche con un partner occasionale."

Questo sembra collegato alla loro natura farmacologica, che apparentemente inibisce la produzione di sostanze neurochimiche associate alle sensazioni sessuali. Vale per tutti gli oppiacei, dalla codeina all'eroina—alcuni causano molto più facilmente una dipendenza mentre altri sono più facili da tenere sotto controllo, ma non differiscono l'uno dall'altro abbastanza da avere effetti diversi nella sfera sessuale.

Detto questo, esiste una piccola minoranza di persone che afferma di godere di più con gli oppiacei, sia perché una dose limitata può allungare la percezione del tempo sia perché comunque gli oppiacei regalano una sensazione di benessere. Ma nella stragrande maggioranza dei casi, gli oppiacei non vanno d'accordo col sesso.

QUINDI?

Fare uso di droghe può essere abbastanza pericoloso, e spesso trasforma il sesso in una situazione spiacevole—soprattutto se hai comprato le droghe dal primo che passava. Anche se hai già provato una determinata droga, aggiungere il sesso all'equazione significa dover fare i conti con un nuovo fattore, perciò stai attento. O puoi decidere di fare sesso senza prendere nessuna droga, che è già di per sé abbastanza rischioso, considerate tutte le malattie sessualmente trasmissibili e gli stronzi che ci sono.

Quello che possiamo dire quasi con certezza è che l'esperienza del sesso sotto gli effetti di una droga è totalmente personale. Perciò, non prendete per oro colato la parola altrui, e non dimenticate che il vostro partner potrebbe non sentirsi allo stesso modo. E se avete qualche domanda seria sulle droghe, il sesso e il vostro corpo, un medico è la persona giusta con cui parlare.

Segui Mark Hay su Twitter.

Altro da VICE
Vice Channels