FYI.

This story is over 5 years old.

in foto

[In foto] I giovani guerriglieri curdi che combattono contro l'esercito turco

VICE News ha avuto accesso a Nusaybin, una città turca sotto assedio vicino al confine sud-orientale. Abbiamo incontrato i curdi che lottano per l'indipendenza, e i civili che si trovano a vivere tra due fuochi.
18.3.16
Foto di Uygur Onder Simsek/MOKU/VICE News

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Da quando il cessate il fuoco tra il governo e il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK) si è sgretolato lo scorso luglio, le città della zona sud-orientale della Turchia - che confina con il nord della Siria e dell'Iraq - sono state devastate da feroci combattimenti.

Stando a Human Rights Watch, almeno 100 civili, tra cui donne, bambini e anziani, sono morti a causa delle sparatorie per strada, e in seguito alle campagne di intimidazione condotte dalle truppe turche contro gli attivisti curdi — o chiunque sia sospettato di esserlo.

Pubblicità

Finora, le milizie del governo e i militanti curdi si sono scontrati con violenza sulle strade; inoltre, i bombardamenti dell'esercito turco hanno distrutto l'infrastruttura urbana, ed è stato imposto un coprifuoco permanente su molti villaggi e città.

I coprifuoco imposti dal governo hanno intrappolato molte persone, rimaste senza cibo e medicinal - in certi casi per settimane - mettendo a rischio più di 200mila vite umane in quella che i gruppi per i diritti umani hanno definito una punizione collettiva. Ad alcuni osservatori indipendenti dei diritti umani non è stato permesso di avere accesso nella regione.

Guarda anche: La battaglia per Sinjar: Respingere lo Stato Islamico

I curdi combattono lo stato turco da decenni, chiedendo più diritti per il proprio popolo e la propria cultura in Turchia — paese nel quale vengono sistematicamente discriminati. Diversi gruppi curdi - tra cui il PKK, le Unità di Difesa Civile (YPS) - hanno imbracciato le armi: quest'ultimo, anche col supporto di un battaglione femminile, l'YPS-JIM. I Kurdistan Freedom Hawks (TAK), inoltre, hanno rivendicato l'attentato che il fine settimana scorso ha ucciso almeno 30 persone ad Ankara.

Il conflitto è stato reso più complicato dalle guerre in Siria e in Iraq, dove il PKK, il gruppo ribelle di curdi siriani Unità di Protezione Popolare (YPG) e la milizia curda irachena dei Pashmerga stanno combattendo lo Stato Islamico. La Turchia ritiene che il loro secondo fine sia istituire uno stato curdo nel vuoto lasciato dalla guerra in Siria — timori che giovedì hanno trovato conferma, quando tre regioni autonome siriane controllate dai curdi hanno approvato la creazione di un sistema federale nel nord del paese.

Pubblicità

VICE News ha avuto accesso a Nusyabin, una città turca di circa 90mila abitanti sul confine con la Siria nord-orientale, dove recentemente è stato reintrodotto un coprifuoco 24 ore su 24.

Abbiamo incontrato i membri dell'YPS e dell'YPS-JIN - molti dei quali sono ancora adolescenti che hanno detto di essere pronti a morire per la causa - oltre ai civili rimasti intrappolati nel fuoco incrociato. I loro cognomi non sono stati rilevati per proteggere la loro incolumità.

Tutte le foto sono di Uygur Onder Simsek/MOKU

Serfiraz, 25 anni. Negli ultimi anni sperava che il "problema curdo" in Turchia potesse risolversi con i negoziati tra il governo e il PKK — ma dopo la fine del cessate il fuoco, gli attacchi dell'esercito contro i militanti curdi e la società civile sono diventati così intensi che, secondo lui, l'unica opzione rimasta è la guerra.

Bakur, 27 anni, dice che dopo il suo arresto durante una protesta doveva essere condannato a 15 anni di carcere — allora si è unito all'YPS prima del processo.

I combattenti hanno costruito delle barricate per impedire all'esercito turco di spostarsi in città. A volte usano i camion, altre i mattoni rimossi dai marciapiedi e dalle strade. Molte delle barricate di mattoni sono costruite sopra esplosivi artigianali, azionati con la sola pressione o con un telecomando.

Zenda, 27 anni, fa parte dell'YPS-JIN, la brigata femminile dell'YPS, creata nel gennaio 2016. Oltre a combattere lo stato turco, dicono di lottare anche contro la cultura patriarcale che domina in Turchia.

A volte i gruppi ribelli si dirigono verso l'autostrada che corre accanto alla città, sequestrano i camion e li portano nei vari quartieri per costruire le barricate, donando le merci trasportate ai civili. Abbiamo potuto vedere un camion pieni di arance, farina e medicinali.

Xebat, 22 anni, dice di avere difficoltà a camminare da quando è rimasto ferito, ma è determinato e continua a combattere a Nusaybin.

Un civile curdo indica i danni causati dagli scontri, mentre la figlia è in piedi davanti alla parete. Secondo i gruppi per i diritti umani, centinaia di civili sono stati uccisi durante i combattimenti e decine di migliaia hanno dovuto lasciare le loro case.

Agir, un combattente di 18 anni. Si pensa che l'YPS abbia più di mille combattenti. Proviene dal Movimento Giovanile PatriotticoRivoluzionario (YDG-H), il ramo giovanile del PKK, che è stato fondato nel 2013. I civili li chiamano 'i giovanotti.'

Nusaybin ha una lunga storia di politica radicale. Gran parte delle famiglie che vivono in città hanno almeno un membro che si è unito al PKK e che è morto, sta ancora combattendo o è in prigione. Molte madri, invece di fuggire dalla città, hanno deciso di rimanere a Nusaybin per aiutare la guerriglia. Hanno cucito insieme queste coperte per nascondere la strada dagli occhi dei cecchini dell'esercito turco.

Canfeda, 21 anni, dice di essere un comunista turco, giunto dall'ovest del paese per unirsi alla resistenza a Nusaybin.

A Rohat, 18 anni, non importa se morirà combattendo: ha già perso alcuni famigliari membri del PKK nella lotta contro la Turchia, e ci sono molti giovani membri della sua famiglia che si unirebbero al gruppo dopo di lui.

Bagok, 24 anni, parla della sua vita comoda da studente di psicologia in un'università della Turchia occidentale. Ha deciso di unirsi all'YPS dopo aver visto quanti civili sono stati uccisi dalle forze turche negli ultimi mesi.


_Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook_

Segui Uygur Onder Simsek su Twitter: @Mrpc6, e su Instagram: @uygaronder